Pressione alta e parkinson

Buongiorno dottori.

Mio padre ha 78 anni.

E' in cura da 6 anni per il Parkinson (Xadago, Requip e Sinemet) e da 3 anni, in seguito a episodi di fibrillazione, prende anche Almarytm e Xarelto.


Infine, per la pressione alta prende il Triatec 2, 5 mg; fino a poco tempo fa ne prendeva solo una pasticca al gg, ma recentemente il cardiologo ha deciso di raddoppiare il dosaggio (1 compressa la mattina e 1 la sera).
Nonostante ciò, la pressione soprattutto dopo i pasti continua a essere alta (la minima supera anche i 90, la massima supera i 160-170).


Premesso che ora cercherò di fargli migliorare il tipo di alimentazione (eliminando insaccati, formaggi, cibi fritti ecc), è il caso di aumentare ancora il dosaggio del Triatec?
Possono esserci legami tra la pressione alta e la cura per il Parkinson?


Rimango in attesa di un vostro gentile riscontro e vi ringrazio.
[#1]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 69,9k 2,6k 2
Dieri che la cosa migliore sarebbe cambiare ACE inibitore con uno monodose dsolo al mattino come lisinopril o quinapril .

Ne parli con il Medico curante

Arrivederci

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa