Relazione tra disfunzione erettile e problemi cardiovascolari

Buongiorno e grazie per il tempo dedicato alle risposte.

Vi sottopongo la mia situazione.

Nel 2014 a seguito di un test da sforzo mi hanno inserito 3 stent medicati.

Prima ho eseguito una coronarografia che dimostrava una malattia bivasale non critica ad eccezione delle zone trattate con stent.

Nel 2018 ho fatto un ecostress senza segni di ischemia.

Colesterolo, trigliceridi e pressione nella norma (prendo farmaci che tengono i valori sotto controllo).

Ogni giorno Plavix 75 mg.

Da un paio di mesi noto una difficoltà erettile con assenza di erezione mattutine e, su internet, ho letto che c'è una stretta relazione tra il disturbo e le malattie cardiovascolari.

Può essere il segnale di un peggioramento delle malattia coronarica?

Al momento non ho nessun sintomo riconducibile.

Leggendo gli articoli mi sono molto spaventato.

Grazie per la vostra risposta
[#1]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 70,9k 2,6k 2
Mi scusi ma che farmaci sta assumendo?

Arrivederci

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2]
dopo
Utente
Utente
Plavix 75 mg, olmesartan rosumibe alle sera fulcrosupra 145 mg e nobistar 5 mg al mattino.
Grazie
[#3]
dopo
Utente
Utente
Buonasera dr. Cecchini ,mi rendo conto che si tratta di un servizio volontario e che siamo in un periodo festivo, tuttavia le sarei molto grato se potesse darmi la sua opinione . Non posso porre il quesito al mio medico perché allargherebbe le braccia e basta . A luglio 2016 ho fatto una tc coronarica che segnalava solo malattia non critica. A maggio 2018 ecostress con massimale pari al 110% della fC in assenza di ischemia inducibile. A febbraio eco basale tutto nella norma con FE 67%.
Non fumo prendo regolarmente i farmaci ,sono un pò sovrappeso e troppo sedentario ma se cammino anche per 3 km non ho segni di angina.
La ringrazio moltissimo
[#4]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 70,9k 2,6k 2
Mi pare una terapia ben impostata.
controlli che la pressione sia sotto i 130/80mmHg e cammini un ora al giorno se nin vuole che gli stent tendano a richiudersi.

arrivederci

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#5]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille per la risposta. Le chiedo ,se può rispondere, se la disfunzione erettile che avverto da un paio di mesi (inizio secondo lokdown) può essere sintomo di avanzamento di malattia coronarica.
Purtroppo ho cercato su internet e mi sono spaventato.
Ancora grazie per la sua gentilezza e disponibilità.
[#6]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 70,9k 2,6k 2
il deficit erettile è legato ad una patologia dell endotelio esattamente lo,stesso,organò che si " ammala" nell infarto e nell ictus .
Solitamente il,deficit erettivo precede di 4-5 anni un evento cardiovascolare .
nel suo caso però la,causa potrebbe essere legata all intervento al,quale è stato,sottoposto.
ne parli con gli andrologi del sito

arrivederci

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa