Utente 264XXX
Salve, mia madre (59 anni) è stata operata di colicistectomia e sottoposta a ERCP per la rimozione di un calcolo ostruttivo. Presentava ittero, urine scure, e volte febbre. E' stata sottoposta a una nuova ERCP per rimuovere ulteriori detriti e abbondante infezione.
Dimessa dall'ospedale (ricoverata un mese fino al 24 luglio) ha continuato una cura antibiotica fino al 30 luglio, quando il dott l'ha sospesa. [La bilirubina diretta risultava a 3.50, le transaminasi a 60, la fosfatasi alcalina a 111]. Negli ultimi giorni mia madre è tornata a stare male, con forti dolori che si propagano alla schiena e brividi. Nuovamente ricoverata, il dott sospetta un tumore. E' possibile che un tumore non sia stato visto attraverso tutti gli accertamenti che ha fatto mia madre? Risonanza, tac, ERCP...Il dott dice che è possibile perché aveva il sondino naso biliare che copriva la zona in cui sospetta ci sia il tumore. Dall'ecografia risulta una lieve dilatazione del coledoco, che fa sospettare o appunto al tumore o a residui di calcoli. Ma il dott mi è parso protendere per la prima ipotesi. Mi farebbe piacere un ulteriore parere, anche se so che online non è semplice. Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Potrebbe esserci un razionale al sospetto del tumore (colangio carcinoma) associato a dei calcoli. Ovviamente sono necessari ulteriori accertamenti (eco endoscopia, biopsia della formazione coledocica, ecc.) per cui bisogna attendere la successiva strategia diagnostica.

Cordialmente
Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Quale iter diagnostico le è stato proposto?
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#3] dopo  
Utente 264XXX

Oggi le hanno fatto analisi del sangue, raggi, elettrocardiogramma e attende di fare la risonanza magnetica...

E' possibile non vedere il tumore nonostante le due Ercp cui è stata sottoposta?

Grazie per le risposte

[#4] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
È possibile, ma la storia clinica farebbe pensare più ad un calcolo che ad un tumore. Sono queste, comunque, delle supposizioni (come anche quelle del medico che sospetta il tumore) e solo gli accertamenti programmati potranno chiarire la natura dell'ostruzione della via biliare.

Ci aggiorni ed auguroni.
Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#5] dopo  
Utente 264XXX

grazie mille dottore, è stato davvero gentile...

[#6] dopo  
Utente 264XXX

grazie mille dottore, è stato davvero gentile...

[#7] dopo  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Mi sembrava di aver letto che la risonanza era gia' stata fatta
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#8] dopo  
Utente 264XXX

Sì la risonanza è stata già fatta durante il primo ricovero, ma non era risultato nulla di preoccupante. Il dott mi ha detto che può essere che non si sia visto e per questo mia madre aspetta di fare questa nuova risonanza.

E' possibile?

[#9] dopo  
Utente 264XXX

Il sospetto del dott deriva dal fatto che mia madre è tornata a stare male a un mese quasi dalla seconda ERCP, e dal fatto che risulta avere il coledoco lievemente dilatato, da qui la sua richiesta della risonanza magnetica

[#10] dopo  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Come le ha indicato il Dottor Cosentino in teoria tutto e' possibile.Ci aggiorni con i nuovi esiti se desidera
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#11] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
mi permetto di intervenire in una storia che presenta diverse, e non poche, lacune anamnestiche.

Lei dice
<<sospetta un tumore>>,
situato dove?

Inoltre dice
<<Risonanza, tac, ERCP...Il dott dice che è possibile perché aveva il sondino naso biliare che copriva la zona in cui sospetta ci sia il tumore>>,
per esprimere una valutazione minimamente corretta (proprio perchè on-line) sarebbe importante conoscere:
- l'iter diagnostico (RM, TAC, ECT) seguito prima di procedere alla colecistectomia (VLC? In Open?);
- l'iter diagnostico seguito prima di procedere alla prima ERCP;
- l'iter diagnostico seguito prima di procedere alla seconda ERCP;
- quando è stato posizionato il sondino naso-biliare;
- eventuale positività dei markers neoplastici;
- commento/referto delle colangiografie/TC/RM eseguite.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#12] dopo  
Utente 264XXX

Ha ragione, ma non posso essere molto precisa perché non ho la cartella clinica e ho cercato di riassumere al meglio l'excursus di mia madre.

La risonanza magnetica ha mostrato la presenza di un calcolo di 7 millimetri, per cui mia madre dovrà sottoporsi a una ulteriore ercp, oppure il chirurgo ha paventato la possibilità di effettuare l'intervento tradizionale. Credo perché la struttura non ha la possibilità di fare ercp.

Da ieri mia madre ha affanno e ho notato gonfiore all'addome e alle gambe. Le hanno somministrato proteine plasmatiche umane, albumina e diuretici. La carenza di proteine a cosa è dovuta?

[#13] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Allora è stato escluso il tumore e ci si augura che il calcolo possa essere asportato endoscopicamente. Le dimensioni, infatti, non sono proibitive. La carenza di proteine è legata allo stato di funzionalità del fegato, organo che ha sofferto in questi mesi.

Ne parli con i medici insistendo sulla soluzione endoscopica (anche presso altro ospedale con più esperienza in ERCP).

Cordialmente


Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#14] dopo  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Credo perché la struttura non ha la possibilità di fare ercp.


Non credo questo sia il problema considerate le due gia' fatte.
Probabilmente il quadro è piu' complesso di quanto siamo stati in grado di comprendere a distanza. Ci faccia a sapere
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#15] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
le incongruenze del suo racconto,
(ad es.: <<La risonanza magnetica ha mostrato la presenza di un calcolo di 7 millimetri, >> dove?)
sicuramente non per sua colpa,
ci impediscono di darle un contributo attendibile,
pertanto la inviterei a fare chiarezza con i medici che seguono sua madre e se vorrà,
a darci notizie più precise.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#16] dopo  
Utente 264XXX

il calcolo è all'imbocco del dotto cistico

[#17] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
<<operata di colicistectomia e sottoposta a ERCP per la rimozione di un calcolo ostruttivo>>
=> 1 solo calcolo

<<Nuovamente ricoverata, il dott sospetta un tumore>>
=> tumore dove?

<<Dall'ecografia risulta una lieve dilatazione del coledoco, che fa sospettare o appunto al tumore o a residui di calcoli>>
=> ma era 1 solo calcolo o più calcoli? tumore dove? cosa recita il referto?

<<E' possibile non vedere il tumore nonostante le due Ercp cui è stata sottoposta?>>
=>quali i referti endoscopici/colangiografici?

<<la struttura non ha la possibilità di fare ercp.>>
=> ma non aveva fatto già 2 ERCP?

<<somministrato proteine plasmatiche umane, albumina e diuretici. La carenza di proteine a cosa è dovuta?>>
=> è sovrapposta qualche altra patologia, cosa le hanno detto i medici?

<<il calcolo è all'imbocco del dotto cistico>>
=> allora sarebbe questo del moncone cistico il motivo dell'ostruzione?

Come vede sono solo alcune delle semplici riflessioni da poter fare,
sulla base di un racconto,
che, almeno on-line,

appare un puzzle di difficile ricomposizione.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#18] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Bene. Ci aggiorni allora sulla decisione dei chirurghi su come pensano di togliere tale calcolo.

Cordialmente

Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#19] dopo  
Utente 264XXX

Mi rendo conto ma la storia di mia madre è lunga, complicata e non ho possibilità di parlare di referti non avendone. In origine mia madre contattò un chirurgo il quale constatò la presenza di calcoli migrati nel dotto biliare + colangite suppurativa, per cui mia madre doveva sottoporsi a ERCP + colicistectomia laparoscopica. Questo chirurgo, però, opera in una struttura che non può effettuare ERCP, perciò ha mandato mia madre in un altro ospedale. Qui è stata sottoposta ad entrambi contemporaneamente. Successivamente, dopo qualche giorno, le è stato tolto il sondino naso biliare e mia madre ha iniziato ad avere vomito, febbre e nausea, perciò i dottori, ad una settimana dal precedente intervento hanno deciso di effettuare un'altra ERCP. [Non ricordo i referti endoscopici/colangiografici]. Successivamente mia madre è stata dimessa, ma ad un mese quasi dal precedente ricovero è tornata a stare male, perciò abbiamo contattato il chirurgo che l'aveva seguita all'inizio, ed è stata ricoverata presso il suo ospedale. Il chirurgo sospettava un colangio carcinoma. Dopo tre giorni di terapia antibiotica prescritta dal chirurgo i valori epatici di mia madre risultavano meno alterati (a memoria ricordo la bilirubina tot a 1.9). Rx torace ha dato esito negativo e l'elettrocardiogramma dava un tracciato normale. La RM ha rilevato la presenza di un calcolo di cui sopra

[#20] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Adesso ha ben ricostruito la storia che è più comprensibile. Si tratta a questo punto di rimuovere per via endoscopia il calcolo (e non per via chirurgica, mi raccomando ....).

Ci aggiorni


Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#21] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Ora la storia appare più lineare e meno ... tumorale.

Ci aggiorni pure.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it