Salve sono in cura con stelara ( farmaci biologici)per morbo di crohn e artrite reumatoide

Salve sono in cura con Stelara (farmaci biologici) per morbo di Crohn e artrite reumatoide.
Dovrei sottopormi ad un intervento di rinosettoplastica...dopo quando tempo dall' ultima volta che faccio il farmaco posso fare l intervento... premetto che lo faccio ogni due mesi il farmaco...ho paura che possa interferire con la anestesia... grazie...
[#1]
Dr. Sergio Sforza Chirurgo generale, Chirurgo apparato digerente, Colonproctologo, Chirurgo d'urgenza 9.3k 295 2
Gentile utente non sono contemplate delle interferenze con l’anestesia, ma è giusto programmare con l’anestesista, come si fa solitamente, l’intervento.
Quindi riferisca la terapia allo specialista e con lui deciderà.
Saluti

Dr. Sergio Sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza/

[#2]
dopo
Utente
Utente
Salve non sono riuscita a fare l intervento per ansia...ho fatto la visita con l anestesista e non sono riuscita a fare le domande che volevo..a parte che non mi e stato detto in che classificazione sono..(ASA)..avendo artrite reumatoide e morbo di Crohn non soffro di particolari allergie..(Oki Tachipirina e qualche antibiotico..cortisone) sono questi i farmaci nel tempo da me utilizzati e per ultimi i biologici..con l infliximab ho avuto una reazione grave allergica.Ho fatto la visita preoperatoria e fatto esami del sangue elettrocardiogramma ed radiografia al torace.. risultati bene.. ma non sono riuscita.mi ha molto impressionato la storia di una ragazza morta per una rinoplastica nel 2019..che ho letto su internet..dove si dice che forse potrebbe avere avuto una reazione allergica ai farmaci utilizzati per abbassare la pressione e per ridurre il sanguinamento..ma come e possibile che succedano queste cose quando si dice che ai tempi di oggi l anestesia e più sicura di un tempo.. potreste chiarirmi questi miei dubbi.. grazie in anticipo..
[#3]
Dr. Sergio Sforza Chirurgo generale, Chirurgo apparato digerente, Colonproctologo, Chirurgo d'urgenza 9.3k 295 2
Le reazioni avverse capitano e capiteranno, non si fa il discorso di adesso rispetto a prima, perché un rischio si può ridurre, ma non esisterà mai il rischio zero purtroppo.
Comunque ripeto controlli l’ansia e gli ultimi suoi dubbi li esprima pure all’anestesista che l’opererà.
Saluti

Dr. Sergio Sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza/

Allergia ai farmaci: quali sono le reazioni avverse in seguito alla somministrazione di un farmaco? Tipologie di medicinali a rischio, prevenzione e diagnosi.

Leggi tutto