Utente
Gentile dottore,
scrivo perchè durante il mio soggiorno in India(in cui mi trovo in questo momento),mi si è rotta la mia protesi sinistra( Allergan MM soft touch)inserite 5 anni fa.
Ora dovrò anticipare la mia partenza e tornare in Italia per effettuare una nuova operazione e sostituire la protesi rotta.
Le scrivo per chiedere se potrò prendere un aereo normale per tornare in Italia in queste condizioni o rischio un emorragia o qualcosa del genere
La ringrazio per la'ttenzione
Cordiali saluti
Adele

[#1]  
Dr. Dario Graziano

48% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
NOVARA (NO)
VERCELLI (VC)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
gentile utente, per l'aereo non c'è assolutamente alcun problema. Ma come fa a sapere con certezza che la protesi si è rotta? In genere è necessario un esame un radiologico per confermare il sospetto di una protesi rotta.
cordiali saluti
Dr. Dario Graziano
Specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva
ed Estetica
www.dariograziano.it

[#2]  
Dr. Daniele Bollero

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
RIVAROLO CANAVESE (TO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
riguardo all'aereo non vi sono problemi specifici, a meno che il trauma che ha causato la rottura non le abbia creato altri problemi...
Comunque, se non lo ha già fatto, prima di interrompere la sua vacanza, si rechi in un ospedale d'eccellenza indiana per una prima valutazione, meglio se ecografica.
saluti
Dr. Daniele Bollero
Chirurgo Plastico - Ospedale C.T.O. - TORINO
www.chirurgiaplasticapiemonte.com

[#3] dopo  
Utente
Gentili Dottori,
vi ringrazio per la risposta.
Qui in India ho effettuato un'ecografia al seno, vi riporto il responso,in inglese:

ultrasound of the breast:
real time sonography of both hg e breasts was done with a high resolution linear transducer.
normal glandular breast perenchyma is seen in both breasts.
bilateral silicone breast implants are noted.
the implant in the right breast appears intact and normal.
the implante in the left breast along its medial aspect, shows presence of ondulations and folds extending from the envelope into the substance of the silicone gel.
midly echogenic silicone gel is noted between the envelope and the fibrous capsule.
III-defined irregular hyperechoic foci are noted within the silicone gel in the medial quadrant of the left breast.
the visualized breast perenchyma appears normal.
no evidence of any solid on cystic mass lesion is seen.
few lymph nodes with retained fatty hilum are noted in the left axilla.
impression:
finding are suggestive of most likely intra capsular rupture of silicone implant in left breast.
suggest: MRI for further evaluation.

Cosa è possibile capire da questo responso?
Ringrazio per l'attenzione
Adele

[#4]  
Dr. Dario Graziano

48% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
NOVARA (NO)
VERCELLI (VC)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
gentile utente, chiaramente la questione cambia. Per sicurezza può eseguire una RMN come consigliatole dal'ecografista (che, da come scrive, appare bene orientato in fatto di protesi). E' tuttavia quasi sicuro che la protesi debba essere sostituita.
cordiali saluti
Dr. Dario Graziano
Specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva
ed Estetica
www.dariograziano.it

[#5] dopo  
Utente
Gentile Dottore,
grazie per la sua risposta.
Io mi trovavo qui in India per lavoro e sarei dovuta rimanere qui per altri mesi; lei mi consiglia di tornare in Italia al più presto possibile per effettuare la RMN e la sostituzione della protesi?
é pericoloso che questa protesi quasi sicuramente rotta stia nel mio corpo?
il discorso di prendere l'aereo,rimane invariato?
Non riesco davvero a capire come sia successo....forse durante il viaggio di andata qui in India?
Grazie per la sua attenzione,
Cordiali saluti
Adele

[#6]  
Dr. Dario Graziano

48% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
NOVARA (NO)
VERCELLI (VC)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
sicuramente se anche la risonanza conferma la rottura è bene sostituire la protesi. Non si tratta certo di un'urgenza ma non è bene aspettare 6 mesi a mio modo di vedere.
Può eseguire una risonanza ed eventualmente una visita con un chirurgo plastico indiano che, in base alla sua situazione clinica le potrà dare maggiori ragguagli sui tempi. Nel frattempo può organizzare la visita di controllo con il suo chirurgo (con gli esami alla mano!)
cordiali saluti
Dr. Dario Graziano
Specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva
ed Estetica
www.dariograziano.it

[#7]  
Dr. Marco Loiacono

24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
STATI UNITI D'AMERICA (US)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2012
Non vi è alcun problema nel prendere l aereo, anche se rotta il gel di silicone non migrerà e la capsula manterrà in posizione l impianto. Una volta arrivata si sottoponga con tranquillità alla sostituzione.
Buona serata
Dr. Marco Loiacono
Specialista in Chirurgia Plastica ed Estetica
www.nuova-chirurgia-estetica.it

[#8] dopo  
Utente
Gentili Dottori,
grazie per la vostra risposta.
Sono rientrata in Italia con l'aereo e non ho avuto fortunatamente nessun problema.
adesso dovrò sottopormi nuovamente all'intervento per l'eventuale sostituzione della protesi e stavo riflettendo sulle varie opzioni disponibili; se levare completamente le protesi per evitare qualsiasi tipo di eventuale problema futuro ( nel caso vorrei capire se questo fosse possibile? ), se mi conviene sostituire sola la sinistra,cioè quella che si è rotta, oppure sostituirle entrambe; nel caso le sostituissi entrambe,potrei optare per mettere protesi di una taglia piu piccola?
Dottori,voi di solito cosa consigliate?

Grazie per l'atenzione
cordiali saluti,
Adele

[#9]  
Dr. Claudio Bernardi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
RIMINI (RN)
MIRABELLA ECLANO (AV)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Gentile utente,

le protesi che lei ha sono di ottima qualità e l'evento che si è verificato (la rottura) è una rara complicanza. Quindi al momento della sostituzione della protesi rotta ritengo non necessario cambiare anche l'altra protesi. Diverso il caso in cui volesse ridurre il volume delle protesi ma, in questo caso, oltre alla sostituzione bilaterale, si dovrà prendere in considerazione l'eventualità di una riduzione della cute in eccesso e di una pessi del parenchima mammario. Ne discuta con il chirurgo.
saluti
Dr. Claudio Bernardi
Chirurgia Plastica
www.claudiobernardi.it - www.lachirurgiaplastica.net

[#10] dopo  
Utente
Grazie Dottore per la sua risposta.
e cosa ne pensa invece della ipotesi di rimuovere del tutto le protesi?
Grazie per l'attenzione
Adele

[#11]  
Dr. Claudio Bernardi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
RIMINI (RN)
MIRABELLA ECLANO (AV)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Beh, l'espianto delle protesi rappresenta una scelta estrema. E' ovviamente possibile ma bisogna tener presente che il rimodellamento del tessuto mammario senza le protesi oltre ad essere un intervento tecnicamente complesso, presuppone l'asportazione di cute in eccesso e, quindi , di cicatrici residue.
Dr. Claudio Bernardi
Chirurgia Plastica
www.claudiobernardi.it - www.lachirurgiaplastica.net

[#12] dopo  
Utente
Gentile Dottore,
questa mattina mi sono recata dal chilurgo che mi operò per la mastoplastica addittiva 4 anni fa.
Mi ha detto che prima di considerare definitivamente il mio caso come "rottura della protesi",preferirebbe che facessi una risonanza magnetica mammaria.
Le volevo chiedere se dovrò richiedere una risonanza magnetica mammaria con mezzo di contrasto o senza mezzo di contrasto; a me interessa in questo momento principalmente vedere la situazione della mia protesi sinistra.

Ho sofferto 8 anni fa di ipertiroidismo; dalla data di guarigione controllo periodicamente i valori tiroidei e risultano sempre nella norma.
Ho un lieve prolasso mitrale.

grazie per la sua attenzione,
cordiali saluti
Adele

[#13] dopo  
Utente
Gentili Dottori,
vi scrivo perchè,dopo aver effettuato un'ecografia per presunta rottura della protesi sinistra,dopo aver avvertito dolore e gonfiore, ho effettuato una risonanza magneticca mammaria.
Ci tengo a riportarvi di seguito il risultato,per comprendere cosa è successo; a causa dei termini tecnici,non mi è semplice comprendere.

esiti di mastoplastica additiva con posizionamento in sede retromuscolare di protesi siliconica bilateralmente.
A sinistra accentuata la plicatura radiale della protesi con presenza di falda fluida periprotesica spessa massimo circa un centimetro a segnale intermedio-elevato in T1 per elevata componente proteica,piccola componente fluida all'interno del guscio protesico nella sua porzione supero-mediale e moderato, diffuso ispessimento della capsula fibrosa periprotesica.
Regolari i profili della protesi destra senza evidenza di significative falde fluide periprotesiche.
Non è riconoscibile bilateralmente spandimento di materiale siliconico.

Conclusioni: segni di flogosi periprotesica ed ispessimento della capsula fibrosa a sinistra.

Mi piacerebbe anche avere un consiglio su cosa mi converrebbe fare adesso,dopo aver capito meglio l'esito.
Grazie davvero per l'attenzione
Cordiali saluti
Adele

[#14]  
Dr. Claudio Bernardi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
RIMINI (RN)
MIRABELLA ECLANO (AV)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
direi innanzitutto che tra RM e ecografia la risposta della risonanza è più attendibile. Quindi la protesi non appare rotta ma sede di un processo di contrazione capsulare maggiore. Parli con il chirurgo sulle possibilità di intraprendere terapie mediche farmacologiche prima di pensare ad un trattamento chirurgico. Se si decide per quest'ultimo vale la pena provare con il lipofilling pericapsulare prima dell'intervento di capsulectomia e sostituzione protesica.
saluti
Dr. Claudio Bernardi
Chirurgia Plastica
www.claudiobernardi.it - www.lachirurgiaplastica.net