Utente
Gentilissimi dottori,

da circa un mese ho iniziato ad avvertire un fastidio alla gola, in particolare una sensazione di aver del qualcosa come del cibo incastrato nella parte destra e a sentire una specie di "click" ad ogni deglutizione. Dopo due settimane di questi sintomi mi sono recata dal mio medico di base per investigare.

Ho 30 anni e da quando ne avevo 12 mi e' stata diagnosticata la di tiroidite di Hashimoto e ipotiroidismo in cura con Eutirox 125microgrammi.

Per via di questa patologia ho pensato ad un nodulo alla tiroide, il mio medico di base mi prescrive le seguenti analisi e un'ecografia

- Conta dei globuli bianchi
- TSH
- Testosterone
- Prolattina
- Emoglobina A1C
- FT4
- FSH
- DHEA
- Emocromo
- 17idrossiprogesterone

(chiedo scusa se ho sbagliato la traduzione dei nomi dei test, ho tutta la documentazione in inglese)

Tutti i risultati sono nella norma eccetto RDW/RBC che e` 11.6% con (valori normali 12-16.5%)
- L'ecografia ha rivelato un linfonodo ingrossato di 2cm nella zona destra del collo (pur troppo in America le cose sono differenti e l'ospedale che mi ha in cura non fornisce copia cartacea della diagnosi e dell'ecografia, ma solamente il risultato dell'ecografia tramite telefono)

Dopo questo sono tornata dal medico che mi ha chiesto le seguenti domande
- Febbre? NO
- Avverti qualcosa di diverso? NO
- Dolore ai denti? NO
- Infezioni o Infiammazioni in corso? NON LO SO
- Animali in casa? GATTO

Ho richiesto al mio medico un esame per verificare se ho contratto la toxoplasmosi tramite il mio gatto. Sfortunatamente mi e' stato risposto che non esiste un test per questo (sconvolgente ignoranza del mio medico), perciò mi e' stato prescritto un ciclo di antibiotico AMOXICILLINA due volte al giorno per una settimana. Ho effettuato PAP-TEST risultato negativo e esame delle feci per GIARLIA LAMBLIA anche questo negativo. Il mio medico di base ha chiesto di aspettare 3-4 settimane prima di rivederci e nel qualora il linfonodo non si sia sgonfiato procederemo con una biopsia. E` passata una settimana dall'ultima pastiglia di antibiotico e sento ancora il linfonodo gonfio in gola, in più avverto una durezza e fastidio nel collo (tra collo e mandibola) come se la pelle tirasse da entrambi i lati e le due aree siano pesanti.

Il sistema sanitario degli Stati Uniti e' veramente vergognoso e trovo che (per esperienza personale) a differenza dell'Italia i medici di base non siano in grado di fare diagnosi più complicate di un'influenza. Sono preoccupata che il mio medico non sia in grado di diagnosticare correttamente il perché del linfonodo ingrossato, non sono certa che sia solo uno ma solamente quello e' stato controllato. Vorrei sapere se avete dei consigli su che altri test e esami del sangue più approfonditi potrei fare prima di dovermi sottoporre ad una biopsia.

Grazie di cuore per il vostro aiuto e per il vostro tempo.

Giulia

[#1]  
Dr. Antonio Tori

24% attività
20% attualità
12% socialità
BUSTO ARSIZIO (VA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2013
Buon giorno,
la sua problematica deve essere seguita da un Otorinolaringoiatra.
Io fare l'agoaspirato del linfonodo.
buon giorno
A.T.
Dr. Antonio tori