Utente
Salve dottori, vi scrivo per un problema ormai noto, il sangue nelle feci. Da diverse visite che ho effettuato negli ultimi due anni, ho ottenuto questi riscontri:
dall'ecografia: "verosimile doppio distretto caliclo pielico a sinistra, microcalcoli bilaterali del diametro massimo di 5mm"
Inoltre ho fatto due visite al retto, credo una si chiamasse analrettoscopia, mentre l'altra ora mi sfugge. Comunque, la prima esaminava la prima parte "a vista", mentre la seconda includeva l'inserimento di una sonda per i primi 20 (o 40 cm, non ricordo) del colon, senza riscontrare nulla di anomalo...
Per quanto riguarda le mie abitudini alimentari, cerco di compiere 5 pasti al giorno quando posso, dove a colazione mi limito a qualcosa di leggero, nelle due merende di solito assumo una tazza di kefir con qualcosa di dolce, mentre nei due pasti mangio a pranzo un piatto di pasta (solitamente), verdura, frutta, mentre a cena sempre verdura e frutta, mentre carne o qualche altro secondo. Pratico sport (non so se è importante) 5 volte alla settimana (tra nuoto e pesi), e ho 29 anni. Questo problema con piccole tracce di sangue l'ho cominciato a notare già da almeno 4 anni. La frequenza è molto sporadica, tanto da lasciare appena dei residui sulla carta durante le pulizie diciamo...
Oggi vi riscrivo perché ho notato un bel po' più di sangue proprio nelle feci, diciamo una zona di almeno 4x2cm così visibile a occhio nudo.
Di queste posso dirvi che vado solitamente almeno una volta al giorno in bagno (raramente, potrei saltare un giorno, ma mai 2), che sono spesso morbide (come in questo caso di avvistamento) e non dure e verdi (suppongo per la verdura...).
Io ora non ho idea di quanto scuro debba essere il sangue cosiddetto "marrone scuro" per preoccuparsi seriamente, comunque a me il mio è sempre sembrato rosso vivo, come (scusate ma mi vengono solo esempi un po'...strani) il vino rosato... questo, che ho potuto ben osservare, mi sembrava essere al di sopra delle feci, non dentro, tant'è che l'ho visto subito. Non mi sembra di avere particolari dolori quando lo emetto, non mi è mai capitato al di fuori delle feci di trovare del sangue (ad esempio nelle mutande). Soprattutto dal dopo cena ho notato che il mio intestino borbatta parecchio, producendo parecchia aria al suo interno, soprattutto quando sono a letto, comportamento che non avviene invece durante la giornata allo stesso modo...non ho spesso diarrea, ma mi capita che siano più molli che solide, e per ora l'episodio con più sangue si è verificato appunto con le feci molli di oggi. Spero di aver dato un quadro esaustivo per le mie conoscenze...

Ditemi voi

ps.: la visita con la sonda è stata effettuata l'anno scorso, nelle visite del sangue non ho riscontrato nulla di anomalo, né in quella delle urine

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Il sangue non appare marrone scuro: o e' rosso vivo (se viene dalla parte bassa del colon-retto), oppure e' nero (digerito, se viene dalla parte alta dell'intestino). Strano che all'anoscopia non si sia rilevato nulla. A questo punto credo sia opportuna una ulteriore verifica da parte di un Chirurgo Proctologo, che se necessario potra' prescriverle una RettoSigmoidoColonScopia.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2] dopo  
Utente
Capisco...ma questa rettosigmoidocolonscopia, è differente rispetto all'esame che già ho compiuto, dove mi hanno infilato una sonda per osservare la prima parte del colon? Leggendo su internet mi pare di comprendere che anch'essa esplora solo la parte iniziale, potrei averla già fatta?

[#3]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
E' differente si'! Si utilizza uno strumento flessibile, quindi non rigido come quello che probabilmente hanno utilizzato la volta scorsa, e permette di studiare tutto il colon, non solo la parte iniziale, perche' e' molto lungo.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com