Utente
Salve, sono un ragazzo di 23 anni.
A giugno sono stato operato di emorroidi interne ed esterne di terzo grado secondo il metodo milligan morgan. A distanza di ormai sette mesi ho ancora qualche problema con la defecazione, devo prendere continuamente fibre(all-bran e psyllo plus) per ammorbidire le feci, e ciò nonostante sento ancora un minimo dolore al passaggio delle feci, come se nel momento in cui le sto per espellere mi si riaprisse una ferita (la sensazione è quella). Spesso inoltre mi capita di sanguinare ancora, e il sangue non esce in prossimità dell'orifizio ma scende con le feci( si tratta comunque di un sangue color rosso vivo). Ho due marische che dovrò togliere perchè mi causano prurito. La cosa che più mi terrorizza è che si possano ripresentare le emorroidi, dato che oltre alle marische ogni tanto sento qualcosa (mentre faccio il bidet) che mi ricorda molto le vecchie emorroidi (ma solo quando faccio il bidet). In definitiva volevo chiedere:
-è possibile che si ripresentino le emorroidi?
-a cosa è dovuto il sanguinamento?
-può essere che le ferite delle emorroidi interne si riaprano al passaggio delle feci?
-tutto ciò è normale a distanza di sette mesi??

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Rispondo con ordine:
1. Si'.
2. Probabilmente ad un'emorroide non trattata dal primo intervento, o magari ad una neoformata. Senza una visita pero' non possiamo escludere anche altre cause.
3. Mi pare un'evenienza molto difficile.
4. In certi casi limite e' normale, ma il piu' delle volte entro questo periodo di tempo la situazione dovrebbe essere stabilizzata.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2] dopo  
Utente
Grazie della risposta.
Il medico mi aveva detto che con la tecnica Milligan Morgan il problema si sarebbe risolto definitivamente ma a quanto pare non è così.
-Cosa posso fare per limitare la comparsa?
-Cosa devo evitare di mangiare/bere?
-I rapporti anali possono peggiorare la situazione e favorire la comparsa di ultriori emorroidi?
-é possibile subire un altro intervento in futuro per eliminare completamente il problema?

[#3]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
L'intervento di Milligan-Morgan e senz'altro quello che tuttora fornisce le migliori garanzie di riuscita: con tutto cio' anche con questo metodo restano sempre possibili piccole percentuali di insuccesso. Ma procediamo come al solito con ordine nel rispondere alle sue domande:
1. Una dieta corretta puo' limitare di molto la comparsa delle emorroidi.
2. Eviti le bevande gasate e gli alcoolici, i cibi piccanti, quelli acidi (agrumi, pomodoro...) e il cioccolato: la lista sarebbe molto piu' articolata, ma gia' cosi' potrebbe ottenere ottimi risultati.
3. I rapporti anali possono essere l'occasione per acuire i sintomi della malattia emorroidaria, ma non ne sono la causa.
4. Le terapie per le emorroidi sono di diverso tipo: qualora necessario si puo' anche ricorrere a metodiche chirurgiche.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#4] dopo  
Utente
Grazie ancora.
Mi scusi se insisto ma voglio andare a fondo su questo problema anche per sentire un'opinione diversa da quella che mi darà il medico alla prossima visita.
Oggi ho notato che il sangue era nelle feci, quindi non ho avuto perdite.
Il dolore si manifesta più come bruciore interno/irritazione, che rilevo anche quando utilizzo il dilatan da 30mm, precisamente a 6 centimetri all'interno del canale. è un bruciore/irritazione che non ha nulla a che fare con il dolore delle prime settimane post operatorie e nemmeno con la sensazione di pesantezza che avevo prima dell'operazione. Può essere dovuto a qualche irritazione o alle marische?

[#5]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Si', anche questo non possiamo escluderlo.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#6]  
Dr. Giacomo Sarzo

24% attività
0% attualità
8% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2009
Buondì
gentile utente mi pare di poter capire dal suo racconto che il collega che la sta seguendo sembra stia mettendo in atto tutto per lenire al problema della difficoltosa guarigione delle ferite del canale anale che si riscontra in taluni pazienti che vengono sottoposti a questo tipo di chirurgia che sara' fastidiosa all' inizio ma poi darà a lungo buoni risultati . La lenta guarigione e' un fenomeno comune , attualmente questo e' un po superato se al classico bisturi elettrico viene usato uno strumento particolare che si chiama LigaSure 5 mm . L'unica cosa che mi permetto di consigliarle e' quella di sprassedere finche' non e' completamente guarita a trattare le marische residue e se lo fara' in futuro si faccia trattare con il laser che e' meno traumatico e permetteuna guarigione più veloce .

Cordialmente
Dr Sarzo G
Dr. Giacomo Sarzo
Unità Chirurgia Colon-Proctologica
Università Degli Studi di Padova
www.colon.it - +39 049 776888

[#7] dopo  
Utente
Grazie della risposta Dr Sarzo.
Quindi stando alle sue parole è possibile che a distanza di sette mesi le ferite debbano ancora guarire completamente? Può essere anche che il sanguinamento sia dovuto alla marisca?

[#8]  
Dr. Giacomo Sarzo

24% attività
0% attualità
8% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2009
Si e' possibile a volte capita prima o poi le passa, capita anche nella nostra esperienza per la marisca residua le ripeto e' meglio attendere di essere guariti del tutto
Dr. Giacomo Sarzo
Unità Chirurgia Colon-Proctologica
Università Degli Studi di Padova
www.colon.it - +39 049 776888