Utente
Gentili Dottori, da tre giorni non trovo pace, innanzitutto ho 30 anni, alto 1,90 peso 102 kg.
Tutto ha avuto inizio sabato dopo pranzo, tra l'altro un pranzo molto leggero, a base di verdure anche se la sera prima ho esagerato con la frittura,comunque tornando a sabato, dopo pranzo avverto un fortissimo stimolo e corro in bagno, sentivo nei visceri un gorgolio forte, è stata un alternanza di stipsi aria e diarrea, alla fine mi è rimasto il basso addome indolenzito e una gran debolezza, dopo circa un ora vado in palestra e data la debolezza mi sforzo a fare giusto qualcosa.
La sera inizio a sentire uno strano dolore alla dx dell'ombellico più sotto dell'ombellico e avverto gonfiore, la sensazione era di accumulo d'aria, per tutta la notte si sono alternate delle fitte, la mattina vado dalla guardia medica, mi visita e mi dice di non preoccuparmi in quanto scongiurata un eventuale appendicite, attribuisce il tutto al colon irritato e mi consiglia di prendere del buscopan, assumo durante la domenica ben 3 buscopan, ma niente, trovavo solo un pò di sollievo mettendo sull'addome qualcosa di caldo e bevendo una camomilla bollente, la mattina mi sveglio e decido di prendere un aulin, e subito il dolore quasi sparisce, comunque sono andato dal mio medico curante che dopo un attenta visita,e dopo alcune domande tipo se ho nausea o peggio ancora vomito o inappetenza, anche lui a scartato l'ipotesi di un appendicite, ma ha attribuito il tutto a un problema alla schiena, e quindi il dolore si è irradiato sull'addome destro, mi ha prescritto un antinfiammatorio generico da prendere a colazione e a cena, adesso il dolore è quasi sparito, resta solo un piccolo fastidio oltre che il gonfiore, vorrei un vostro parere.
P.s. un paio di mesi fa ho fatto una cura per il colon irritato a base di probiotici e normix.

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Non sono d'accordo ne' con il buscopan ne' con l'utilizzo eccessivo degli antidolorifici. Si' invece alla borsa calda, e anche a bevande calde come the o tisane. Ovviamente parlo solo in base a quello che lei mi racconta, ed e' quindi possibile che mi sia fatto un'idea sbagliata, e che invece abbiano ragione i Colleghi che l'hanno visitata... Ad ogni modo propenderei piu' per un colon irritabile che non per altre cose, quindi attenzione alla dieta e... tanta pazienza!
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dottore grazie per la celere risposta.
Sono daccordo con lei in merito agli antinfiammatori, infatti ne ho preso solo uno lunedì dopo pranzo e basta anche perchè soffro di reflusso e non posso permettermi molti farmaci, comunque il dolore e quasi del tutto sparito, sono un piccolissimo fastidio, durante la notte ho espletato un bel po di aria che sentivo transitare dal lato dx al lato sx dell'ombellico anche se il gonfiore in parte resta sul lato dx, l'unica cosa è che averto un forte amaro in bocca e l'alito cattivo. Continuo a prendere the caldo e mangiare leggero, ma secondo lei dottore cosa potrebbe essere successo? In pratica è stato come un blocca di aria concentrato sul lato destro che mi ha provocato questi spasmi e poi pian pianino in parte è transitata nella zona sx.
E' possibile che ben due medici che mi hano palpato la zona solo con questo sistema hanno scartato l'ipotesi di un appendicite?
Grazie ancora Dottore

[#3]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
La diagnosi clinica di appendicite, soprattutto per chi non e' specialista o comunque non ha grande esperienza chirurgica, puo' effettivamente presentare alcune insidie. Pero' credo che se un medico, anzi due, si prendono la briga di dirle che sicuramente un'appendicite e' a escludere, vuol dire che non hanno nemmeno il minimo dubbio in merito. Personalmente, pur con i limiti del mezzo internet che stiamo utilizzando, credo che si possa propendere per una sindrome del colon irritabile, ma e' evidente che piu' che cio' che dico io ha valore quello che riscontrano i colleghi che hanno la possibilita' di visitarla.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com