Utente
Buonasera ,espongo brevemente il mio problema,mi trovo all.estero oramai da diversi mesi, da dicembre ho iniaziato ad avvertire un prurito anale con occasionale sanguinamento dovuto al mio grattarmi con la carta igienica,ho inizialmente attribuito questo al cambio di alimentazione,(poca frutta e verdura)e sottovalutato il sintomo.il mio intestino e' costipato e le feci spesso a nastro o a pallini. Nel 2010 feci una colonscopia in cui mi riscontrarono solo alcuni noduli emorroidari che curai con successo.Quel che mi preoccupa e' questa serie di sintomi che sono anche associate da quel che leggo a patologie piuttosto serie.
Il sangue e' molto chiaro come se fosse misto a siero,e trovo sempre sulla carta tracce di feci a distanza di tempo dopo essermi adeguatamente pulito e lavato.Mi sono recato in ospedale dove mi hanno dato uno sciroppo Laevolac per rammollire le feci,sono andato avanti per una settimana con qualche minimo miglioramento,oggi mi sono recato da un medico generico che mi ha visitato effettuando un esplorazione rettale,ed ha riscontrato emorroidi interne prescrivendomi delle supposte da prendere per una settimana e poi tornare a controllo. Mi ha detto che se i sintomi nn dovessero regredire dovrei andare in ospedale per considerare o la chirurgia oppure un iniezione ma nn ho ben capito di che si tratti. Sono molto preoccupato (sono molto lontano da casa)In passato ho avuto emorroidi ma non sono durate cosi'a lungo,e soprattutto questo prurito insopportabile e queste perdite mi fanno pensare al peggio. Ringrazio chiunque voglia rispondermi.

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentilissimo,

con una colonscopia eseguita nel 2010 ed un'esplorazione rettale recente non penserei sicuramente al "peggio". Potrebbe, invece, essere utile una visita proctologica (prima di pensare alla chirurgia !!) per valutare lo stato emorroidario e la mucosa del retto. Nel frattempo può continuare con la terapia prescritta e cercare di manterere le feci morbide con fibre ed una buona idratazione.


Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Mi sembra che le siano state fornite informazioni corrette e non vedo motivo di preoccuparsi.Nel dubbio puo' considerare una nuova colnscopa.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it