Utente
Egr. Dottori,

premetto che ogni tanto quando esagero con l'alimentazione piccante o troppo speziato, mi compaionno delle palline dolrose all'ano, credo siano emorroidi che poi curo generalmente con delle creme apposite, Oggi invece dopo avere defecato al momento della pulizia con carta igienica ho avvertito un bruciore. Poi più tardi ho provato a passare della carta igienica che si è attaccata all'ano e nel toglierla ho visto del sangue. Ho letto qualche vostro consiglio nei consulti precedenti e mi sono preoccupato in quanto ho sentito parlare di malattie gravi. Che succede? Volevo poi ancora capire; nell'eventualità di andare dal medico e farsi prescrivere una visita specialistica visto il mio problema dovrò fare una colonscopia o una rettoscopia? grazie 1000 per il vostro interessamento

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
penso che inizialmente debba fare la cosa più semplice: farsi visitare.
I noduletti, per così dire "storici", potrebbero essere piccole emorroidi..

Ma la cosa più probabile, per quanto riferisce, è che si tratti di ragadi (taglietti) anali riscontrabili con una semplice ispezione anale.
Spesso associati alla patologia emorroidaria.

Dopo una corretta ispezione-esplorazione della zona, perineale ed anorettale, si deciderà il da farsi.

Se lo riterrà, ci aggiorni pure.

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
I sintomi che lei ha appena descritto possono tranquillamente essere attribuiti alle emorroidi, quindi non sono una ragione specifica per dover necessariamente pensare a chissa' quale altra patologia. D'altra parte e' pur vero che non puo' continuare a fare ipotesi sulla sua malattia senza avere il conforto di un Medico che possa confermarle la diagnosi. Quindi si' alla visita specialistica, durante la quale il Collega sara' perfettamente in grado di formulare una diagnosi di emorroidi o di altre patologie anali. Agli esami strumentali ci si dovra' rivolgere invece soltanto in caso di dubbi, se si sospetta insomma che, oltre alle emorroidi, ci possano essere altrove nel colon altri problemi.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#3] dopo  
Utente
quest'oggi il bruciore non lo ho più avuto fin dal mattino - mi sono sentito già meglio e dopo essere andato di corpo non ho riscontrato sangue - quindi cosa devo fare esattamente? andare dal mio medico curante il qulae mi manderà da uno specialista o devo chiedergli di farmi prescrivere una rettoscopia? o una colonscopia?

grazie

[#4]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Le riporto l'essenziale consiglio che le ho già dato (replica#1)

"penso che inizialmente debba fare la cosa più semplice: farsi visitare".

Non ho cambiato idea.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#5]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Come gia' le avevo scritto NON e' necessario alcun esame strumentale per diagnosticare una patologia anale: deve semplicemente sottoporsi ad una visita specialistica! Gli accertamenti ulteriori potranno servire solo dopo e solo nel caso fossero sospettate altre patologie a carico di altri segmenti del colon, quindi non dell'ano. E poi, con tutto il rispetto per la sua intraprendenza, lasci che sia un Medico a decidere cio' che deve e cio' che non deve fare, altrimenti rischia solo di sottoporsi ad accertamenti inutili, magari dimenticando di fare quelli che veramente le servirebbero.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#6] dopo  
Utente
va bene - scusate il ritrardo nel rispondervi - grazie davvero per i vostri preziosi consigli - al momento dopo alcuni giorni non mi è più capitato nulla - ho deciso di aspettare in quanto mi avete tranquillizzato - ma se dovesse ripresentarsi il problema andrò subitissimo dal medico -- -grazie ancora di tutto

[#7]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
L'assenza del sintomo (il sanguinamento) non comporta la guarigione dalla patologia emorroidaria, sempre ammesso che quest'ultima ne sia la causa. Nostro scopo non e' quello di tranquillizzarla, ma quello di indicarle la strada corretta per giungere ad una diagnosi certa, cosa che ovviamente su internet e' impossibile fare. Le rinnovo quindi il mio consiglio: non c'e' bisogno di aspettare il sanguinamento per decidersi a farsi visitare, vada ora dal suo Medico o meglio ancora dallo Specialista.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#8]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile signora,
un sanguinamento digestivo, quale che siano la durata, i tempi ed il modo in cui si è manifestato,
va sottoposto all'attenzione clinica di un medico, possibilmente specialista,
lo "stop" dello stesso non fa assolutamente testo.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it