Utente 252XXX
Buon giorno a tutti,
ho un urgente bisogno di un consiglio..
Circa 2 mesi fa mi è stato diagnosticata la presenza di una ragade anale da un chirurgo il quale mi ha prescritto la cura di fibre, sana alimentazione, e ovuli filme gyne per 3 settimane, e su suo consiglio ho prenotato per fine mese l'esame della manometria per verificare lo stato di ipertono dello sfintere. Nel frattempo ho provato ad usare anche diversi tipi di crema consigliatomi dal farmacista di fiducia. Settimana scorsa la situazione è degenerata con forti dolori tanto che non riuscivo ne a stare seduta ne in piedi. Sono andata di urgenza da un proctologo di verona il quale anche lui mi ha confermato la presenza di ragade cronica con evidente nodulo sentinella ad oggi infiammata. La cosa che mi ha lasciato perplessa è che con una semplice visita di 2 minuti mi ha diagnosticato lo sfinetre contratto e per giovedi questo programmato la sfinerotomia laterale sottocutanea.
Volevo chiedervi: è possibile che con una sola ispezione "manuale"di 2 minuti verificare la presenza di ipertono? o sarebbe d'obbligo per un bravo specialista considerare l'esame della manometria per arrivare all'intervento? l'operazione chirurgica è davvero l unica soluzione per mettere fine a questa sofferenza? Ho bisogno di sapere, visto il rischio di incontinenza di cui si sente spesso parlare, se posso fidarmi e affrontare l'operazione in modo sereno o meglio prendere tempo e considerare altri esami come quello della manometria.
Vi ringrazio tantissimo per la vostra disponibilità.

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
La valutazione clinica di un esperto è efficace per determinare ipertono. Il rischio di incontinenza dopo sfinterotomia è modesto. Esistono diverse soluzioni terapeutiche per la ragade, se desidera puo' approfondire nella sezione minforma. Auguri!
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente 252XXX

La ringrazio per la sua immediata risposta. Mi scusi se insisto ma voglio capire bene, secondo lei uno specialista con anni di esperienza è in grado di capire se si tratta di ipertono con una semplice visita e senza manometria? ho letto questi giorni della fissurectomia che viene praticata nei casi di ragadi insistenti che non derivano da ipertono e pertanto sono meno invasivi, ma non mi è stata proposta! Non vorrei ricorrere alla sfinerotomia se non si è certi che ci sia ipertono... lei cosa mi consiglierebbe? di disdire l'operazione di giovedi e valutare altre soluzioni meno invasive? ho il terrore per il rischio di incontinenza ma nel frattempo il dolore mi sta logorando.
Grazie mille in anticipo e mi scuso ancora per la ripetizione

[#3]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Si, è documentato da numerosi studi pubblicati.Certo, la ragade senza ipertono non va trattata con sfinterotomia ovviamente. Considerate le sue perplessita', le consiglio di sentire una seconda opinione dopo aver letto, se desidera, gli approfondimenti pubblicati nella sezione minforma del sito.Prego
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#4] dopo  
Utente 252XXX

Buongiorno a tutti,
innanzitutto ringrazio per la vostra immediata risposta e soprattutto per il lavoro che svolgete, sempre pronti a dare una mano a chi ne ha bisogno; GRAZIE DI CUORE.
Oggi è il quarto giorno che sono ferma nel letto con continue fitte atroci che iniziano dalla mattina fino al primo pomeriggio, sono esausta, senza forze.
Su consiglio ho sentito il parere di un altro specialista proctologo. La diagnosi è stata come sempre ragade posteriore con gavocciolo emorroidario edematoso. ho spiegato la mia situazione dicendo che domani avrei avuto l'intervento con un altro collega e ho chiesto sinceramente cosa ne pensava: la risposta è stata che pur avendo notato ipertono e che quasi sicuramente la mia ragade non guarirà da sola, senza manometria e senza l'esame della colonscopia questo dottore non opera.
Per alleviare il dolore mi stata prescritta la famosa crema rectogesic con Daflon ed eventuali analgesici.

Vi chiedo gentilmente:
1 è possibile che una ragade ormai cronica non possa piu guarire da sola anche con l'uso di Rectogesic?
2 è indispensabile fare anche la colonscopia? tra l'altro mi ha detto in sedazione perche non reggerei il dolore..e la cosa mi preoccupa
3 cosa mi consigliate di fare??ormai ho capito finalmente che la soluzione a tutto questo per me è operarmi, ma a questo punto è meglio farlo a breve senza aver fatto esami specifici con il primo specialista (che lavora anche per l'ospedale pubblico e per il quale non metto in dubbio che sia bravo anzi) o fare tutti questi esami manometria+colon e fra un mese operarmi con calma da privato?
Vi ringrazio ancora ma ho bisogno del vostro prezioso consiglio.
Saluti

[#5]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, il tentativo di risolvere il problema farmacologicamente con la crema in questione va protratto almeno per 2 mesi, in questo periodo lei potrebbe programmare gli esami in questione e poi se l'intervento dovesse essere indispensabile, come accade in casi di ragadi croniche, deciderà serenamente dove operarsi. Condivido comunque l'atteggiamento in questi casi sempre di un trattamento in prima istanza conservativo e solo quando non vi sono altre possibilità la soluzione chirurgica.
Cordiali saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#6]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Francamente, considerata la sintomatologia cosi' importante e la sua durata ritengo corretto proporre una soluzione chirurgica in presenza di ipertono che risolverebbe immediatamente la sintomatologia, quasi certamente in modo definitivo e con rischi veramente modesti. La terapia medica richiede tempo come le ha illustrato il collega Sforza ed è efficace solo in un certo numero di casi.Le recidive poi non sono infrequenti.La decisione finale ovviamente deve essere sua affidandosi al collega col quale ha stabilito un rapporto di fiducia reciproca.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#7] dopo  
Utente 252XXX

Grazie ancora per le vostre risposte,
questi giorni con l'utilizzo della crema Rectogesic va molto meglio, devo dire che i dolori lancinanti sono spariti. Ho solo qualche fastidio a stare seduta per via della marisca sentinella che a mio parere è ancora infiammata.
La specialista che mi segue ha detto che nel mio caso è solo una situazione temporanea di benessere in quanto è molto probabile che la mia ragade non guarisca. Insomma mi ha dato poche speranze con la terapia medica, mi ha sconsigliato di aspettare e prossimo mese se la manometria conferma ipertono farò l'intervento.
sono molto sconfortata.
Ringrazio tutti voi di cuore,
saluti

[#8]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Di nulla e Auguri.
Non sia sconfortata, perchè è un problema fastidioso ma non irrisolvibile.
Saluti.
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#9] dopo  
Utente 252XXX

Gent.mi Dottori,
sono sconfortata perchè i pareri dei due specialisti che ho sentito non mi hanno dato molte speranze nemmeno con l'utilizzo di rectogesic, non volevo ricorrere all'intervento di sfinterotomia: su internet nei forum sono più le persone che lo sconsigliano che quelle che ne parlano bene. Sinceramente non so cosa fare.

Avrei bisogno di un vs consiglio, prossima settimana avrei da fare la colonscopia. Premetto che ora con l'utilizzo della nitroglicerina sto molto meglio, volevo sapere se la visita, con l'esistenza di questa ragade, sarà più dolorosa del normale. Ho anche provato a richiedere la sedazione profonda ma sembra un pò complicato ottenere l'anestesia e non tutte le strutture lo fanno. Con la ragade che mi è stata diagnosticata posso comunque eseguire un esame tranquillo o meglio insistere per quella con sedazione profonda?

Vi ringrazio ancora di tutto,
vi auguro una buon giornata

[#10]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Credo convenga fidarsi di piu' del giudizio di un professionista competente e di fiducia che ' di quello che si legge su internet nei forum'.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#11]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Signora, stia tranquilla e affronti tutto con serenità affidandosi al professionista che le sembra più appropriato o che le ha consigliato il suo curante.
Saluti.
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#12] dopo  
Utente 252XXX

Gentili dottori,
ho bisogno di un vostro prezioso consiglio.
dal 23 maggio sto prendendo la crema Rectogesic per la cura di una ragade con marisca che mi aveva provocato forti spasmi.

Adesso sto molto meglio, volevo capire quante reali probabilità ci sono di guarire completamente con questa crema che dicono tanto miracolosa? A fine mese dovrei fare l'intervento di sfinterotomia, secondo voi è comunque necessario visto che ora sto molto meglio?

Il 20 giugno ho da fare la manometria e mi chiedevo quanti giorni prima devo smettere con la crema Rectogesic per avere un reale risultato sull'ipertono dello sfintere?

Vi ringrazio molto in anticipo per i vostri consigli,
grazie per il vostro sostegno!
buona giornata

[#13]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
La terapia medica con il Rectogesic, applicato per 40/gg bis in die, è considerata una valida terapia per portare a gurigione la ragade anale (87% per le acute, 50% le croniche)
Quindi non mi meraviglierei di una guarigione, ma la conferma richiede una visita diretta e la non sopsensione della terapia fino alla sesta settimana.in quanto la scomparsa del dolore non sempre è sinonimo di guarigione
Non c'è indicazione alla sfinterotomia, anche in presenza di un ipertono, se la ragade è guarita.
Consiglierei, visto il tentativo farmacologico ed il buon risultato, di non sospedere la terapia e di rimandare la manometria dopo la visita di controllo ultimate le sei/otto settimane.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#14] dopo  
Utente 252XXX

Grazie mille dott. D'Oriano per la sua tempestiva risposta,
la aggiorno sulla mia situazione:
3 settimane fa non riuscivo nemmeno a camminare per i forti dolori che duravano per ore, adesso mi ritrovo a stare meglio. La specialista che mi ha seguito settimana scorsa mi ha visitata e ha detto che la ragade persiste, e nonostante i miglioramenti il suo consiglio era quello di operarmi visto che secondo lei c'è ipertono.
Su suo consiglio è stato fissato l'intervento per il 22 giugno e sinceramente non sono mai stata convinta della soluzione chirurgica.
Premetto che questo periodo sono stata molto stressata, sono in cura presso un centro di procreazione assistita e avrei dovuto iniziare a breve a fare le stimolazioni, cosa che ovviamente è stata rimandata e ho sofferto moltissimo per questo.

So che la decisione spetta a me, ma se fossi certa dell' ipertono forse affronterei meglio la cosa.

Cosa mi consiglia, è il caso di sentire un altro specialista? Conosce qualche collega nella mia zona? io non saprei a chi rivolgermi..
ho paura che l'intervento chirurgico possa compromettere anche una eventuale gravidanza futura e tanto cercata.

La ringrazio davvero di cuore,
buona giornata

[#15] dopo  
Utente 252XXX

Grazie mille dott. D'Oriano per la sua tempestiva risposta,
la aggiorno sulla mia situazione:
3 settimane fa non riuscivo nemmeno a camminare per i forti dolori che duravano per ore, adesso mi ritrovo a stare meglio. La specialista che mi ha seguito settimana scorsa mi ha visitata e ha detto che la ragade persiste, e nonostante i miglioramenti il suo consiglio era quello di operarmi visto che secondo lei c'è ipertono.
Su suo consiglio è stato fissato l'intervento per il 22 giugno e sinceramente non sono mai stata convinta della soluzione chirurgica.
Premetto che questo periodo sono stata molto stressata, sono in cura presso un centro di procreazione assistita e avrei dovuto iniziare a breve a fare le stimolazioni, cosa che ovviamente è stata rimandata e ho sofferto moltissimo per questo.

So che la decisione spetta a me, ma se fossi certa dell' ipertono forse affronterei meglio la cosa.

Cosa mi consiglia, è il caso di sentire un altro specialista? Conosce qualche collega nella mia zona? io non saprei a chi rivolgermi..
ho paura che l'intervento chirurgico possa compromettere anche una eventuale gravidanza futura e tanto cercata.

La ringrazio davvero di cuore,
buona giornata

[#16]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile Utente
Come le dicevo, il miglioramento o la scomparsa della sintomatologia, non sono sinonimi di guarigione, ma un segnale che la terapia funziona.
Personalmente, se i risultati sono incoraggianti, non opero mai un mio paziente se non dopo aver completato il ciclo terapeutico prescritto.
A distanza, non potendo valutare le caratteristiche della sua ragade, posso solo pensare che il collega ritiene improbabile una guarigione in relazione alle caratteristiche di cronicità che presenta la sua ragade, ma non per la presenza dell'ipertono.
Nulla vieta per una conferma sulla effettiva necessità, in questa fase, di un intervento chirurgico, di chiedere un ulteriore parere.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#17] dopo  
Utente 252XXX

Gentili dottori,
su consiglio di chi mi ha eseguito la colonscopia stamattina sono andata a sentire il parere di uno specialista che lavora nello stesso ospedale dove ho effettuato la colon.
.
Il gentile dottore, dopo avergli esposto chiaramente la mia situazione e che ero seguita da un'altra dott.sa, mi ha visitata e dalla rettoscopia ha notato la presenza della ragade ma di dimensioni piccolissime e dall'esplorazione anche secondo lui esiste un pò di ipertono. Gli ho spiegato che stavo prendendo rectogesic in previsione dell'intervento fissato per il 22 giugno con dei miglioramenti immediati.

Il suo sincero consiglio è stato quello di aspettare ancora un pò, sospendere rectogesic e di usare dilatan insieme a un nuovo prodotto in commercio che si chiama Levorag Emulgel.
Ho visto che sui siti di medicina non se ne parla ancora di questa crema.
Avete qualche informazione in più da darmi sui principi di questa? Agisce anche questa sull'ipertono? oppure e meglio finire la terapia iniziata poco più di 3 settimane con Rectogesic?
I dilatatori non li ho mai utilizzati, potrebbe essere utile provare in alternativa all'intervento?

Vi ringrazio moltissimo,
buona serata

[#18]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
E' un prodotto recentemente immesso sul mercato con evidenze ancora modeste. Se sta meglio visto l' esito della visita credo corretto prosegua la terapia in atto magari associando dilatatori con buone probabilita' di evitare l' intervento.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#19] dopo  
Utente 252XXX

Dottor Favara,
la ringrazio infinitamente per la sua immediata risposta,
a questo punto credo di voler tentare con la terapia medica, in effetti ad operarsi c'è sempre tempo.
Mercoledi prossimo ho in programma l'esame della manometria.
Mi chiedevo se l'utilizzo del rectogesic compromette il risultato, se meglio sospendere per qualche giorno la terapia o posso andare tranquilla. Vorrei avere un risultato piu' veritiero possibile su questo tanto discusso "ipertono dello sfintere".

La ringrazio in anticipo,
buona serata

[#20]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Bene. E' ovvio che andrà segnalata all' esecutore la terapia in corso e l' esito andrà considerato in questo contesto.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#21] dopo  
Utente 252XXX

Buongiorno dottore,
in merito alla mia ragade volevo chiederle se è normale stamattina dopo essere andata in bagno, notare un leggero sanguinamento. I giorni scorsi non avevo piu sangue ma sembra che dopo la rettoscopia e visita di ieri qualcosa sia andato male.
Uffi... che storia infinita.

Grazie mille buona giornata

[#22]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Si, è possibile.Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#23] dopo  
Utente 252XXX

Gentili dottori,
stasera sono andata in farmacia a comprare i famosi dilatatori, quando ho aperto la scatola davanti al farmacista sono rimasta così sorpresa tanto che gli è scappata una bella risata...
Ma come me si fanno a mettere questi coni?? sono enormi, anche quello più piccolo sembra gigante! Fanno male solo a guardarli.
Come è possibile infilare un cono così grande con la ragade aperta?
Il farmacista mi ha detto di utilizzare rectogesic come lubrificante, mi domando se è corretto e visto il costo così elevato della nitroglicerina è possibile utilizzare qualche altra crema? Il luan può andare bene come lubrificante o serve solo per anestetizzare? c'è rischio di irritazione con la lidocaina?

Vi ringrazio molto,
auguro a tutti una buona serata

[#24]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Va bene qualsiasi lubrificante
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#25]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Il gel a base di anestetico che ha menzionato va bene. Vedrà che è possibile utilizzarli soprattutto se pensa che serve, in caso di successo, per evitare o ritardare il trattamento chirurgico.
Saluti.
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#26] dopo  
Utente 252XXX

Grazie mille per l'informazione!
Auguro a tutti un buon fine settimana

[#27]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Di nulla e Auguri soprattutto a lei.
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#28] dopo  
Utente 252XXX

Gentilissimi Dottori,
chiedo scusa per il disturbo,
gradire un vostro parere sull'esito della manometria che ho effettuato ieri:

Lunghezza Funzionale Sfintere Anale: cm 3.3
Pressione Anale a Riposo: mmHg 89 (vn 56-85)
Pressione Anale in Contrazione: mmHg 214 (vn 125-291)
Durata Contrazione Anale Volontaria 57" (vn sup 50)
Riflesso Anale alla tosse: presente
Riflesso Anale inibitorio: ml aria 20 (vn inf 30)
Soglia Sentitiva Rettale: ml aria 30 (vn inf 30)
Soglia sensitiva Rettale Defecatoria ml aria 50 (vn inf 100)
Volume rettale Massimo tollerato: ml aria 300 (vn 200-600)
Pressione Rettale a 100 ml aria: mmHg 13 (vn 5-25)
Pressione Rettale in ponzamento mmHg 33 (sup 45)
Test espulsione Rettale (manometrico): Positivo
Test espulsione Rettale (Pallone): negativo
Conclusioni: marginale ipertono anale e deficit sensitivo rettale in disturbo aspecifico dell'espulsione rettale verosimilmente secondario a carenza del torchio addominale (paura dolore anale?), si segnala come da gentire richiesta A) distanza cm 2,6 da orifizio anale a zona di massima pressione basale anale a riposo B)non segni manometrici di asimmetria funzionale sfinterale anale

Riuscite gentilmente a spiegarmi in parole semplici che vuol dire?
premetto che ho avuto un pò di fastidio durante la visita ed ero abbastanza tesa.
Il dottore che ha eseguito la manometria non ha saputo dirmi se l'ipertono e' sufficente perchè la ragade non guarisca e se necessito dell'operazione.
Secondo voi è da risolvere chirurgicamente?
Ho iniziato la terapia dei dilatatori e devo dire che non ho avuto nessun problema nell'utilizzo, posso avere buone probabilità di guarigione?

Grazie mille di tutto,
buona giornata!

[#29]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
L' esito è compatibile con problema noto e non emergono problemi particolari.L' esito della terapia si vedra' alla fine del ciclo di cure e ci sono ottime probabilita' sia adeguato.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#30]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Continui serenamente con il trattamento conservativo, l'esame per ora non ha dimostrato un importante ipertono, ma ciò comunque non è necessariamente un motivo per escludere un trattamento chirurgico in seguito, se la problematica dovesse persistere.
Saluti.
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza