Utente
Ancora una volta chiedo un vostro consulto perchè il mio problema penso sia talmente semplice, ma non capisco perchè i dottori che ho consultato finora non sono riusciti a darmi una cura che lo risolva definitamente.Per anni e tuttora accusavo un peso alla testa e un senso di sonnolenza nelle ore diurne.Alcune mattina mi sveglio già stanca , come se non avessi riposato.Ho il colon irritabile.quasi tutti i cibi che ingerisco mi causano meteorismo e a volte spasmi.Io cerco di seguire un alimentazione più adeguata al mio problema, ma basta anche un alimento che il mio intestino non sopporta a sensibilizzarlo causandomi tensione, affaticamento e a volte delle lesioni con conseguente sanguinamento.Quello che non riesco a tollerare è stare tutto il giorno con il peso alla testa e una stanchezza immane che mi invalida.Ho fatto diversi esami ed è tutto apposto, insomma sono sana come un pesce.Sono stufa di sentirmi chiedere se sono ansiosa o depressa, perchè non lo sono affatto e finirò col divenirlo se non riesco a stare bene come un tempo.Ho assunto in passato il debridat, il duspatal,relaxcol.Ho notato che anche gli sforzi fisici riflettono negativamente l'indomani sul mio intestino.Quindi in quelle giornate che sto bene devo stare attenta a non strapazzarmi.In poche parole dovrei stare in una campana di vetro.Anche il freddo è nemico del mio intestino percui per quasi tutta la stagione invernale sto poco bene.In estate sto bene e considerando che mangio più frutta sono più facilitata nell'espulsione delle feci, quindi meno affaticamento per il mio intestino e meno affaticamento per tutto il resto del mio organismo.Scusate se sono stata un pò ripetitiva e se non mi sono espressa con termini medici appropriati.Garantisco, non sono ansiosa, lo sono stata in passato per una situazione familiare piuttosto drastica e in più consumavo troppi caffè.Ma quel brutto periodo ormai è passato ed io ho cambiato il mio stile di vita da anni. Sono felice e serena , voglio solo stare bene, perchè il mio dottore dice di non capire? Guarda solo il risultato delle mie analisi e dice che sto bene.Io non sono una malata immaginaria e non voglio avere una patologia a tutti i costi,anzi penso che sia un problema stupido e risolvibile e solo questione di capire la causa.Grazie per la cortese attenzione e per una vostra eventuale risposta.

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Ha eseguito indagini funzionali (RX) ed escluso eventuali intolleranze?
Attualmente è seguita da uno specialista gastroenterologo?

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dr.Quatraro,La ringrazio intanto per la sua attenzione.
Rispondo subito alle sue domande: si, attualmente sono seguita da un gastroenterologo, il quale mi ha fatto fare tutti gli accertamenti del caso e quindi anche le intolleranze sono da escludere. Lui sostiene che forse la causa siano le mie emorroidi
che andrebbero operate.Io in tutta onestà penso che non siano queste la causa giacchè non mi danno problemi di sanguinamento frequente e quando avviene succede molto di rado,non sono dolorose e solo alcune volte si gonfiano più del solito dovuto ad uno sforzo maggiore.(o per un maggiore quantitativo di feci o in caso di coliche)
La stanchezza che avverto invece è proprio nel mio intestino e si riflette contemporaneamente alla testa accompagnata da un senso di pesantezza e sonnolenza,ed un abbassamento della temperatura corporea.A volte la minima della pressione raggiunge i 50.
E come se il mio intestino si fosse ammalato in maniera cronica per tutte le circostanze spiacevoli e adesso non possa più guarire.Questa è una mia impressione,perchè poi penso che una cura dovrà pure esistere.Io ho la certezza che la causa scatenante sia proprio quella perchè anni fa stavo peggio e poi dopo aver fatto la cura con il debridat ho avuto dei chiari segnali di miglioramento.Ho riprovato con il debridat a distanza di tempo sperando di eliminare del tutto e per sempre il problema, ma nulla...
Egregio Dottore, spero di essere stata abbastanza chiara, aspetto un nuovo consulto.
La ringrazio per il precedente, cordiali saluti

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
<<Per anni e tuttora accusavo un peso alla testa e un senso di sonnolenza nelle ore diurne.Alcune mattina mi sveglio già stanca , come se non avessi riposato>>
<<Quello che non riesco a tollerare è stare tutto il giorno con il peso alla testa e una stanchezza immane che mi invalida>>

questa sintomatologia non appare di interesse gastroenterologico ma neurologico (stanchezza cronica?).

lei lega all'intestino dinamiche plausibili

<<Ho il colon irritabile.quasi tutti i cibi che ingerisco mi causano meteorismo e a volte spasmi>>

ed altre meno

<<gli sforzi fisici riflettono negativamente l'indomani sul mio intestino>>
<<A volte la minima della pressione raggiunge i 50.>>.

Sarebbe utile una gestione multidisciplinare del suo caso.

Cordialità
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente
Egregio Dottore, non penso di aver lasciato nulla al caso, proprio perchè sono diversi anni che cerco di capire la natura del mio malessere.
Cambiando sia l'alimentazione, evitando tutte le sostanze eccitanti e altri cibi che possono causarmi maggiore meteorismo.
Pratico sport 2 volte a settimana.
Sono già stata da un neurologo e anche lui sostiene che tutto è nella norma.
Questa visita la feci anche per uno strano formicolio che avvertivo e che avverto tuttora alle mani dopo ogni risveglio.Questo sintomo è stato poi attribuito ad una leggera alterazione dell'ormone ft3 (da 371 a 381). A tal proposito volevo sapere può normalizzarsi?
Cordiali saluti

[#5]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Non avevo dubbi che lei non abbia lasciato nulla al caso,
ma i sintomi che riferisce non li addebiterei al tubo digerente.

Quanto alla tiroide, se i suoi esami non sono recentissimi,
sarebbe utile ripetere i dosaggi e confrontarsi, nel caso di una mancata normalizzazione, con un endocrinologo.

Cordialità
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it