Utente
Salve, sono un ragazzo di 21 e vi chiedo un consulto per un mio problema.
Ho avuto una emorroide esterna qualche giorno fa che di solito mi capita in questo periodo ma con la mia solita cura di arvenum 500mg prese 6 al giorno come terapia di attacco mi passano e ritorno alla normalità. Questa volta sembrava un caso come gli altri avevo una piccola emorroide nella parte sinistra piccola e molto dura e dolente, ho preso le arvenum ed al 3 giorno già l'emorroide era sgonfiata ma ancora non tornata dentro, con la mia testa dura mi convinsi ad andare nuovamente in palestra anche se l'emorroide non era rientrata del tutto e all'inizio sembrava tutto bene anzi devo dire che i primi due giorni era tutto bene fino a quando una mattina svegliandomi mi ritrovo l'emorroide di nuovo piccola gonfia e dura che nel giro della giornata è diventata più grossa (quanto una falange) sempre dura e molto dolente. Chiamando il mio medico di famiglia mi prescrive una cura di 3 giorni di iniezioni di prisma + bentelan e devo dire che già alla prima iniezione il dolore è cominciato a scemare e anche il gonfiore. Adesso che ho finito con le iniezioni sto continuando con il prisma in capsule sempre per consiglio medico 2 capsule da 50mg la mattina e due la sera, questa volta però con scarsi risultati infatti l'emorroide è sempre al suo posto non molto grande ne troppo piccola ma della solita consistenza dura e alle volte dolorante dipende anche le posizioni che assumo. Il dolore all'inizio della terapia era quasi del tutto scomparso adesso sta ricominciando un pò a bruciore e a essere dolente. L'emorroide si presenta come un rigonfiamento di carne con la prima parte un pò violacea ed il resto rosa, da quello che ho letto su internet sembra una emorroide trombizzata, la cosa che mi spaventa è che ancora adesso non ho vistosi miglioramenti ed ho paura in una eventuale operazione che vorrei evitare come la peste. Faccio degli sciacqui con l'acqua tiepida più volte al giorno e metto pure una crema rettale di nome proctosedyl, quello che mi chiedo e se risolverò con le cure mediche senza dover ricorrere all'operazione anche perchè sono abbastanza giovane. Attendo qualsiasi tipo di consiglio sono molto giù di morale.

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Come spesso accade ad un certo punto la "solita terapia" non riesce più a tenere sotto controllo i sintomi della patologia emorroidaria. Forse è arrivato il momento di superare le cure "fai-da-te" e le prescrizioni telefoniche, e di farsi invece visitare da uno Specialista. Non so dirle se è ancora in tempo per evitare l'intervento chirurgico, ma di sicuro più passa il tempo e più la situazione tenderà a degenerare, quindi se c'è ancora una speranza di non dover ricorrere all'operazione lo può sapere soltanto con una visita.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2] dopo  
Utente
Domani andrò dal mio medico di base per una visita che sicuramente mi consiglierà di fare una visita specialistica.
Ho chiesto aiuto a voi in quanto avevo anche dubbi sulla cura a base di prisma in quanto non vedo grossi miglioramenti.
So per sentito dire che le emorroidi posso stare anche un mese a regredire e che vengono operate solo in casi disperati. Mi conferma quanto detto?
Secondo la sua esperienza, come le sembra la situazione? Molto grave?
Anni fa, ne ebbi una ancora più grossa e totalmente viola che riuscì a regredire con arvenum 500 + proctosedyl ma non so perchè questa volta questa emorroide è imperterrita.
Sono molto preoccupato in quanto non mi capita spesso di avere forti attacchi acuti come questo.

Grazie per la celerità,
Saluti

[#3]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Non so dirle nulla sul suo caso specifico, dovrei visitarla. Però purtroppo non è vero che si operano solo i casi "disperati": si debbono trattare chirurgicamente tutti quei casi che non riescono a beneficiare della terapia medica. Ripeto, non so se questo sia o meno il suo caso, ma le consiglio di non procrastinare troppo i tempi della visita specialistica se vuole ancora sperare in una soluzione non chirurgica.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#4] dopo  
Utente
Seguirò il suo consiglio.
Le farò sapere sulla visita di domani.

Cordiali saluti

[#5]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Va bene.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#6] dopo  
Utente
Buon pomeriggio dottore. Stamattina sono stato dal dottore di base che mi ha prolungato la cura del prisma per un'altra settimana e al fine di questa mi darà altri medicinali più forti delle arvenum.
Se questa cura non sarà risolutiva mi ha detto di farmi operare con il metodo Longo. Lei cosa ne pensa di questo metodo?
Se dovessi farla, potrò scegliere l'anestesia?
Ho letto che si dovrebbe fare l'epidurale oppure quella spinale.
Sono facilmente impressionabile e preferirei fare una totale.

Cordiali saluti

[#7]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Non mi chieda giudizi su questo o quel metodo perché altrimenti cominciamo una diatriba che andrà avanti per mesi... Le possibilità chirurgiche sono tante, quelle anestesiologiche pure. E le scelte vengono fatte ad hoc, paziente per paziente, perché non c'è una regola fissa valida per tutti...
Comunque con tutto il rispetto per il suo Medico di Base da quanto ho capito non sarà lui ad operarla. Credo dunque sia meglio che nel caso lei parli prima con colui che invece si occuperà in prima persona dell'intervento!
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com