Utente
buongiorno
a seguito di una giornata faticosa mi sono uscite le emorroidi, un bel grappolo, subito mi sono recato dal proctlologo e mi è stato diagnosticato un bel 4 grado, visto lo stato mi è stato consigliato di fare lavaggi tiepidi con bicarbonato, pastiglie arvenum 500 in aggiunta a pomata preparazione h
sono passati 17 giorni, il grappolo è praticamente scomparso ma resta ancora esternamente dei rigonfiamenti sul rosa che faticano a rientrare, è normale?
con il tempo riuscirò a farle rientrare anche manualmente?

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile Utente.
Il IV grado di prolasso emorroidario descrive emorroidi prolassate all'esterno del canale anale che non ritornano più in sede anche manualmente.
Lei ha avuto una congestione di questo tessuto emorroidario, fortunatamente risolta con terapia medica, ma nessun farmaco potrà far "rientrare" il tessuto emorroidario prolassato.
Quindi, se la diagnosi è corretta(IV grado di prolasso emorroidario), questa sarà in futuro la sua situazione locale, dove anche se ridotte manualmente queste si ripresentano esternamente.
Utile una rivalutazione del suo problema in questa fase dove il tessuto emorroidario non è più congestionato, il proctologo potrà darle ulteriori informazioni ed indicarle il possibile percorso terapeutico chirurgico.
Ci tenga informati.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente
grazie dottore
quanto prevede che il tessuto non sia più congestionato?
posso camminare oppure mi consiglia di rimanere a letto il più possibile?

[#3]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
La congestione è una complicanza a carico delle emorroidi prolassate, questa potrà verificarsi ancora in qualunque momento, la sua "durata dipende dalle condizioni in cui versa il tessuto emorroidario e da alcuni fattori predisponenti(stipsi, feci dure disidratate ed abusi alimentari, sedentarietà o sforzi eccessivi).La terapia farmacologica aiuta, ma non sarà risolutiva se esistono condizioni particolari che impediscono una normale "circolazione sanguigna" a carico del plesso emorroidario
Camminare non comporta nessun rischio.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com