Utente
Buona sera,
sono una donna di 53 anni.
Giorni fa mi sono sottoposta ad una colonscopia e la diagnosi è la seguente:

1.Polipo iperplastico.
2.Polipo iperplastico adenomatoso con lieve displasia.
3.Frammenti superficiali di adenoma tubulare, con displasia lieve.

Ho già parlato con il mio medico, ma vorrei avere anche da voi una spiegazione riguardante la mia situazione.
Mi auguro che possiate essermi d'aiuto.
Cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Francesco Nardacchione

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2006
Gentile signora,
anche se non fornisce delucidazione in merito ai motivi che l'hanno indotta ad eseguire l'esame endoscopico, la patologia riscontratale, come già le avrà spiegato il suo medico curante, non desta preoccupazione.
Non fornisce inoltre le dimensioni dell'adenoma tubulare, la sua localizzazione per una sua possibile rimozione endoscopica.
Infatti nella risposta della biopsia effettuata si parla di "frammenti di adenoma" e quindi si potrebbe pensare che sia stata effettuata solo una biopsia e non una escissione completa.
Rimane a questo punto indispensabile affidarsi ad un colonproctologo di fiducia che decida se asportare o meno endoscopicamente il polipo e successivamente, periodicamente, in accordo con il suo medico, la visiti e la sottoponga a controlli endoscopici.
Cordiali saluti
Dr. F. Nardacchione
NB: qualunque sia il consulto la visita medica rimane imprescindibile

[#2] dopo  
Utente
I motivi che mi hanno indotto ad eseguire la colonscopia?
Nessun motivo in particolare.
Semplicemente per Prevenzione, data la mia età.
Grazie mille per la risposta, anche se penso sarà difficile se non impossibile trovare un colonproctologo nella mia città, Cosenza.
Grazie comunque.
Cordiali saluti.

[#3]  
Dr. Francesco Nardacchione

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2006
Gentile signora,
ritengo difficile se non impossibile che lei non trovi un colonproctologo nella sua Cosenza. Sicuramente nelle strutture ospedaliere di riferimento ci sono colleghi seri e preparati che effettuano visite ed esami, magari a lei sconosciuti. Ne parli con il suo medico curante e si lasci consigliare con fiducia.

Cordiali saluti
Dr. F. Nardacchione
NB: qualunque sia il consulto la visita medica rimane imprescindibile