Chiusura arterie emorroidarie

Buonasera a tutti i Dottori.
Vorrei fare una domanda provocatoria o, molto probabilmente, banale.
Negli ultimi anni mi sembra che si siano diffuse, o forse ancora non molto, per alcuni casi selezionati della patologia emorroidaria, queste tecniche di dearterializzazione doppler guidata delle arterie emorroidarie o la tecnica Laser Help, ect.
Al di la' della tecnica o della marca mi chiedo:
Ma la cosa è totalmente sicura e rodata o si potrebbe scoprire fra 20 anni, magari quando i pazienti operati saranno anziani, che la chiusura di quelle arterie potrebbe creare problemi ai tessuti non piu' irrorati dalle arterie emorroidarie?
Il proctologo a cui ho fatto questa domanda si è messo a ridere dicendomi la prima chiusura dell'arteria è avvenuta nei primi del '900..poi non ha voluto neppure discutere della cosa..probabilmente a ragione.
Mi rimangono cmq delle perplessità.
Le tecniche di dearterializzazione, utilizzate negli ultimi anni e se non erro non prima come tecniche comunemente utilizzate nella patologia emorroidaria, essendo "giovani", hanno o non hanno degli studi prospettici che possano o meno rassicurarmi?
Se non erro le arterie emorroidarie non forniscono sangue solo al plesso ma contribuiscono pure ad irrorare il canale anale; ci sono certezze che le arterie della muscolatura glutea..ect...sappiano da sole sopperire al mancato afflusso arterioso?
Mi scuso anticipatamente di una eventuale domanda stupida.
Buonasera.
[#1]
Dr. Andrea Favara Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Colonproctologo, Chirurgo generale 25,1k 621 346
I tessuti sono abbondantemente irrorati da circoli collaterali.Prego.

Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test