Utente
Gentili Dottori
nel dicembre 2007 ho subito la asportazione tramite la tecnica Longo delle emorroidi. L'operazione è andata bene e le emoroidi non si sono più riformate. Il problema vero è che dal giorno stesso dell'operazione ho seriissimi problemi a defecare. Sono costretto a prendere ogni giorno delle tavolette che aiutano il transito fisiologico e nonstante questo capita che non vada in bagno per dei giorni ritrovandomi di conseguenza a dover defecare con sforzi assurdi. Arriva a dolermi il nervo sciatico per lo sforzo. Potete darmi una spiegazione? E' una situzione comune e passeggera? O ho solo risolto un problema per fare posto ad uno peggiore?

[#1]  
Dr. Stefano Enrico

24% attività
12% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
ORBASSANO (TO)
RIVAROLO CANAVESE (TO)
CHIVASSO (TO)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2005
CAro Signore,la tecnica di Longo è ottime in casi selezionati. A volte può dare problemi (devo dire che tutte le volte che si opera possono venirne fuori...).
Il quadro di difficoltà che le è risultato può essere di tipo organico, più difficile da trattatre, o funzionale. In questo caso ci sono tecniche di riabilitazione perineali che danno ottimi risultati.
Si rivolga però ad un centro di chirurgia colorettale, dove si potrà valutare bene il problema e dare le indicazioni più corrette.
Auguri,
Dott. Stefano Enrico
https://www.chirurgo-stefanoenrico.it

[#2]  
Dr. Giovanni Salamina

32% attività
8% attualità
12% socialità
CHIAVENNA (SO)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
dovrebbe sottoporsi a visita proctologica di controllo, anoscopia ed eventuale defecografia
Auguri
Dr. Giovanni Salamina

[#3]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile Utente
La sintomatologia che riferisce potrebbe non essere legata all'intervento chirurgico, lei parla di un rallentato "transito fisiologico" e non ci dice se nei giorni in cui non va in bagno è presente o meno lo stimolo alla defecazione e non ci fornisce altre idicazioni sulle caratteristiche del feci e altre utili per poter pensare ad una stipsi da ostruita defecazione o ad una stipsi da rallentato transito.
Come giustamente le è stato consigliato dal collega Salamina una visita coloproctologica con proctoscopia potrebbe già chiarire il suo problema.La necessità di eseguire ulteriori esami accessori quale la defecografia,la manometria,l'ecografia endoanale sarà fatta in tale sede.Vorrei precisare che la tecnica di Longo non asporta le emorroidi ma le riposiziona in sede rimuovendo il cilindro mucoso di rivestimento del canale anorettale che ha ceduto e ha permesso lo scivolamento verso il basso e all'esterno del tessuto emorroidario(prolasso).Mi permetto, al contrario di quello che afferma il collega Enrico,di precisare che la prolassectomia ed emorroidopessi è indicata in tutti i casi di prolasso emorroidario e rettoanale, mentre solo in pochi casi selezionati sono indicati gli interventi di emorroidectomia. Ulteriormente,mi permetto ,in base alla mia esperienza, di contraddire ancora il collega Enrico quando afferma che questa tecnica "A volte può dare problemi (devo dire che tutte le volte che si opera possono venirne fuori...).La tecnica di Longo è ormai considerata Gold Standard nel trattamento chirurgico della malattia emorroidaria ed è una tecnica sicura.Chiaramente in mani poco esperte ha dato delle complicanze,ma non superiori a quelle che in mani poco esperte hanno dato gli interventi di emorroidectomia.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#4] dopo  
Utente
Nei giorni in cui non vado in bagno non ho alcuno stimolo alla defecazione. Nonostante pillole e sciroppi vari che dovrebbero aiutare lo stimolo ad ammorbidire le feci. Nel momento della defecazione mi ritrovo ad espellere con sforzi enormi feci di minime dimensioni e particolarmente solide e secce. A queste seguono subito dopo feci "normali" nelle dimensioni, con consistenza e "liquidità" nella norma. E' come se si formasse un tappo di feci che seccando non riescono ad essere espulse normalmente.

Non sò se ho aggiunto indizi utili a chiarire meglio il problema

Grazie per i vosti utili consigli

[#5]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile Utente
Tale sintomatologia conferma che non esiste nessun collegamento con l'intervento di Longo. Lei presenta un rallentato transito,una attenta anamnesi e la visita coloproctologica serviranno a confermare tale sospetto o ad indirizzarla verso un percorso diagnostico e terapeutico valido.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com