Utente
Gentili Dottori,
Sono un giovane di 30 anni.
Faccio una premessa per inquadrare il mio caso al dir poco complicato,due mesi fa mi venne diagnosticata una prostatite alla quale segui cura di un mese con antibiotico,dopodiché la cura non ebbe particolare effetto e l urologo mi disse di conviverci,successivamente consultai un altro urologo il quale mi disse di fare tutti gli esami(ora attendo risultati) e che si trattava di prostatite ma avevo solamente la prostata dolorante e i sintomi erano principalmente dolore/formicolio al pene.
In seguito probabilmente dovuta alla mia troppa pulizia e bagni ripetuti in zona anale che giovavano ai sintomi mi procuro una dermatite anale molto fastidiosa.
In seguito prenoto visita proctologica e durate l ispezione con rettoscopio il dottore ruotando lo strumento nel retto mi provocó un forte dolore.
La sua diagnosi fu di emorroidi di secondo grado.
Scontento della visita prenoto un altra visita da un altro proctologo il quale diagnostica dermatite perianale con dermo-ipodermite con intertrigo glutea e lesioni superficiali da grattamento.normotonico sfinterico,mucosa liscia buona la contrazione, prostata non dolente,emorroidi di primo grado non congeste mucosa rosea,non sanguinamento.
Conclusioni:dermatite perianale con lesioni da grattamento.
Ora vi chiedo, adesso ho una sensazione di corpo estraneo all interno del ano,a volte sento come lo stimolo alla defecazione senza doverla fare, inoltre anche le feci sono diverse a volte anche diarrea...
Lo so è un quadro complicato ma sicuramente e non so se è una coincidenza la situazione è precipitata dopo la prima rettoscopia che mi ha procurato dolore..è possibile che sia successo qualcosa durante l ispezione?magari errata manovra che mi abbia causato tutto questo?
Oppure è una complicanza della mia prostatite pregressa?
Le emorroidi comunque siccome il secondo medico me le ha escluse non le prenderei più in considerazione.
Aspetto una vostra risposta,grazie in anticipo a chi mi risponderà.

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
E' da escludere!
Eventuali lesioni dovute ad una "errata manovra" sarebbero state riscontrate alla seconda visita.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio dottore,
Ma il dolore nella manovra a cosa può essere attribuito?
Inoltre mi è venuto anche il dubbio che avesse utilizzato un rettoscopio non sterile,purtroppo non ho fatto attenzione se avesse utilizzato uno monouso...è possibile un contagio?le mie sono solo supposizioni visto che non riesco proprio a capire il motivo,prima della visita non avevo questo fastidio di sensazione di corpo estraneo..una neoplasia è da escludere?
Premetto che non ho mai visto tracce di sangue.

[#3]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Semplicemente all'introduzione del rettoscopio ed al contatto con la parete e con le strutture circostanti.
Le ripeto, è da escludere visto anche il successivo esame riportato( mucosa rosea,non sanguinamento)
Non posso essere sicuro, ma credo improbabile che sia stato utilizzato un proctoscopio non monouso.
Ricerchi con l'aiuto del proctologo e dell'urologo altri possibili cause dei suoi disturbi.
Ci tenga informati.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio dottore,
Ma quindi é possibile che con il rettoscopio dato che era poco lubrificato sia siano infiammate le pareti che ora mi provocano questa sensazione?
A dire il vero il secondo proctologo ha notato un po' di congestione diciamo..può essere quella la causa?

[#5]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Continuo a dirle che non credo che, la sintomatologia riferita, possa essere legata alla proctoscopia.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#6] dopo  
Utente
La ringrazio ancora dottore per la risposta,
Ho prenotato già un altra visita proctologica...la cosa che mi lascia perplesso è che se inserisco il dito lubricato nel retto e provo a spingere verso le pareti anali interne provo dolore..e questa cosa non penso possa essere considerata normale e credo sia dovuta esclusivamente alla prima rettoscopia effettuata.
Volevo chiederle è possibile che questo dolore sparisbca col tempo e con esso anche la sensazione di corpo estraneo nel retto?
Sono certo del fatto che il quadro si è complicato dopo le manovre errate fatte dal primo proctologo che mi hanno provocato molto dolore.

[#7] dopo  
Utente
Gentili dottori,
Mi sorge un dubbio atroce leggendo su internet e se fosse il mio caso imputabile alla nevralgia del nervo pudendo?
Magari che si sia intensificato dopo l esplorazione rettale con rettoscopio, perché i sintomi dopo quel maledetto giorno si sono aggravati molto.
Ricapitolandoli: sensazione corpo estraneo nel retto, dolore lombare, formicolio testicoli e pene, perdita sensibilità durante la parte finale della minzione.