Utente
Gentili Medici,
pur sapendo che è impossibile fare diagnosi senza una visita, vi scrivo per avere un consulto e dei consigli.
Per la seconda volta in meno di un anno sto soffrendo di emorroidi.
Due giorni fa ho iniziato ad avvertire un certo fastidio nelle regioni perianale e, osservando la zona, ho riconosciuto una familiare tumefazione rosata; ho iniziato subito ad applicare una pomata (Proctosoll) che avevo utilizzato anche lo scorso anno in un'analoga occasione. La tumefazione, che inizialmente riuscivo a riportare manualmente nel canale anale provando solo un po' di fastidio, verso la stessa sera é diventata impossibile da "spostare", molto dolente e riesco anche a palpare un cordoncino duro sulla sua superficie. Inutile dire che qualunque attività (camminare, star seduti) è diventata estremamente dolorosa! Continuo ad applicare la crema ed assumo anche delle compresse di Arvenum da due giorni, ma non noto miglioramenti. Non mangio quasi nulla, appena un po' di verdure o insalata mista, perché ho l'angoscia al solo pensiero di dover evacuare e cerco di bere il più possibile (circa 1,5 litri, come ho sempre fatto).
Cosa ne pensate, si tratta di emorroidi trombizzate? E sopratutto, cosa devo fare? Lo so che é davvero sciocco da parte mia, ma ho paura che si rompano all'atto della evacuazione e sono intimorita dalla frequenza con cui si stanno presentando nonostante la mia età (ho appena 25 anni!).
Spero potrete aiutarmi.
Grazie.

[#1]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, la diagnosi potrebbe essere plausibile, ma comprenderà che senza una visita specialistica, rimaniamo nel campo delle ipotesi.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#2] dopo  
Utente
Innanzitutto, grazie per la risposta.
Certamente Dottore, comprendo pienamente. Ma essendo oggi venerdì, è impossibile avere risposte prima della prossima settimana. E nel frattempo cosa posso fare?

[#3]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Riposo, evitare la stitichezza con alimentazione ricca di fibre ed acqua (almeno 2 l), quindi farsi visitare quanto prima.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#4] dopo  
Utente
Grazie, lo farò!
buona serata.

[#5]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Di nulla e auguri
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza