x

x

Soffro da alcuni anni di emorroidi esterne

Salve,

sono un ragazzo omosessuale e a breve compirò 20 anni.
Soffro da alcuni anni di emorroidi esterne, visibili come zone più scure, ma solo raramente leggermente rigonfie, che non hanno mai sanguinato, ma quasi continuamente infiammate e fastidiose nella vita quotidiana.
Dato il mio orientamento sessuale, vivo questo problema con grande disagio e senso di inadeguatezza, tanto da non aver mai ancora avuto rapporti sessuali e da temere di non poterne mai avere.
Ho già effettuato una visita specialistica, non menzionando però la mia omosessualità non essendo ancora dichiarato, e il responso è stato che, data l'entità delle emorroidi, non era il caso di ricorrere alla chirurgia, nonostante sperassi in cuor mio in un intervento risolutivo, bensì a pomate e/o supposte antinfiammatorie, utili dal punto di vista della sintomatologia, ma assolutamente non risolutive.
Vivo questa situazione quasi con disperazione, essendo logorante sia fisicamente che psicologicamente, e non so come comportarmi o cosa poter fare;
Se facessi riferimento alla sfera sessuale, il disagio psicologico e fisico legato ad essa potrebbe essere un valido motivo per ricorrere alla chirurgia, o ciò non cambierebbe l'eventuale responso?


Vi ringrazio per la disponibilità e mi scuso per il disturbo;
Spero in una Vostra risposta per sapere come comportarmi.
[#1]
Dr. Giuseppe D'Oriano Chirurgo oncologo, Colonproctologo, Chirurgo generale, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo d'urgenza 10,7k 313 5
A distanza non è possibile risponderle con precisione, è necessaria una valutazione diretta esponendo, a chi la visiterà, il problema
Il tutto dipende dallo stadio di malattia emorroidaria che potrebbe anche non impedire o controindicare rapporti sessuali.
Una valutazione diretta permetterà anche di concordare, nel suo specifico caso, il tipo di intervento da eseguire.
Cordiali saluti

Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio per la disponibilità e per la celere risposta.
Il problema sorgeva anche dal pensiero che, pur non essendo magari impedita o controindicata, l'esperienza potesse essere più fastidiosa che piacevole, data la frequenza dello stato infiammatorio.
[#3]
Dr. Giuseppe D'Oriano Chirurgo oncologo, Colonproctologo, Chirurgo generale, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo d'urgenza 10,7k 313 5
Certo!
L' impedimento o la controindicazione nasce dallo stato infiammatorio, quindi sarà questo che bisognerà curare e non necessariamente asportare le emorroidi.
A distanza non è possibile dirle se, nel suo caso, è opportuno intervenire chirurgicamente.
Esponga con chiarezza il problema a chi la visiterà.
[#4]
dopo
Utente
Utente
D'accordo, vedrò di muovermi in tal senso. La ringrazio ancora per il tempo dedicatomi e per la Sua professionalità.
Grazie di avermi ascoltato!

Cordiali saluti
[#5]
Dr. Giuseppe D'Oriano Chirurgo oncologo, Colonproctologo, Chirurgo generale, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo d'urgenza 10,7k 313 5
Prego.
Se vuole ci tenga informati.
Cordiali saluti.

Cosa sono le emorroidi? Sintomi, cause, cura, rimedi e prevenzione della malattia emorroidaria. Quando è necessario l'intervento chirurgico o in ambulatorio?

Leggi tutto

Conosci l' endometriosi? Scoprilo con il nostro test