Utente 510XXX
Buongiorno. Sintetizzo molto la mia situazione. Soffro di emorroidi interne di III/IV grado. Le stesse sono causate dalle feci, che sono molli e acide (per acide intendo che sono fortemente irritanti).

Nei giorni nei quali non vado al bagno, le emorroidi non fuoriescono (posso camminare e correre tranquillamente). Quando evacuo, le stesse fuoriescono; le reinserisco e mi lavo. Dopo circa 10/15 minuti sento la presenza di altre feci nel retto, che mi fanno uscire le emorroidi; se decido di espellere le feci, queste sono quasi liquide e fortemente urticanti. Dopo breve tempo, la sensazione si ripropone, le emorroidi fuoriescono, e se espello ancora le feci, queste sono pochissime, ricoperte di muco e ancora più urticanti. Dopo quest'ultima evacuazione, le emorroidi non fuoriescono più.

Ho fatto le analisi del caso, e consultato 3 gastroenterologi, ma non son riusciti a risolvere il problema. Io vorrei capire: perchè le feci sono acide e irritanti? E' il chimo che è troppo acido? E' un problema alla cistifellea? Del duodeno? Ovviamente evito tutti i cibi irritanti: caffè, the, cioccolata ecc, mangio molto poco (sono alto 1.86 e peso 64 Kg) e con attenzione, aspetto 1 ora prima di fare sport ecc. Se fosse un'eccessiva motilità intestinale (e capisco quindi le feci quasi liquide), perchè sono urticanti? Che nesso c'è? Il problema peggiora nei periodi di forte stress, ma "meccanicamente", qual'è la causa?

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Quello che descrive si chiama prolasso emorroidario di III grado (emorroidi che fuoriescono alla defecazione e che hanno bisogno di essere riposizionate manualmente)
Le frequenti evacuazioni anche con feci diarroiche potrebbero essere riconducibili ad una Sindrome dell'intestino irritabile, questa è certamente influenzata dallo stress.
Fa bene a stare attento all' alimentazione , ma le feci diarroiche, indipendentemente dall'alimentazione,sono sempre irritanti, nel suo caso la sensazione urente è maggiore per la malattia emorroidaria associata.
Consulti un colonproctologo saprà sicuramente dispensarle tutti consigli e le raccomandazioni necessarie a risolvere il problema.
Prego.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente 510XXX

Grazie per la cortese risposta. Attualmente sono in cura da un allergologo, il quale mi ha prescritto dei prodotti naturali per la sindrome del colon irritabile. Non dovesse funzionare, mi rivolgerò ad un colonproctologo. Saluti.