Utente 519XXX
Buonasera,sono stata operata per la seconda volta alle emorroidi e questa volta hanno usato,vi scrivo cosi come hanno scritto loro,dearterializzazione e proctopessi doppler guidata con thd!sono stata operata l'8 gennaio e ad oggi 20 gennaio ancora ho dolori. Vi spiego meglio,se riamngo ferma a letto con le gambe piegate non ho dolori ma se mi alzo non passano nemmeno due minuti che inizio ad avere dolore,forte,quasi pungicata e non riesco a fare niente se non rimettermi nella stessa posizione da sdraiata,non riesco a stare nemmeno seduta o comunque anche questa posizione la.posso tenere per poco!loro mi avevano avvisata che sarebbe stata piu dolorosa della prima ma non riuscirmi ad alzare dal letto dopo 12 giorni mi sembra strano,con tutto l antidolorifico! è un dolore diverso dai primi giorni, cioe i primi giorni avevo dolori per l intervento,anchese molto camuffati dagli antidolorifici perche remore dalla vecchia operazione,forse nascondendo anche quest altro tipo di dolore, ma dal terzo quarto giorno sono apparse queste strane pungicate che non mi permettono di stare in piedi e non mi sembra che migliorino se veramente poco ogni giorno!noto che la sera si allieva di molto il dolore,all inizio pensavo che eradovuto dalla evacuazione delle feci,ma ci sono state due giornate non consecutive che non sono andata al bagno ma mi si sono presentati comunque dolori,fastidio,non saprei come descriverlo!grazie

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
La proctopessi e la dearterializzazione si ottengono transfigendo e plicando, con un filo di sutura a spirale, la parete rettale interna prolassata. Quando, per motivi legati ad un notevole prolasso rettale interno, tale spirale scende troppo in basso e si avvicina, troppo, al margine anocutaneo, la sintomatologia dolorosa è più intensa e duratura.
Probabilmente la natura ed il perdurare dei suoi disturbi sono dovuti a tale plicatura.
La sintomatologia si attenuerà con la caduta della suture a spirale.
Questa ipotesi, per una conferma, richiede una visita diretta.
Prego.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com