Utente 542XXX
Gentili Dottori,
ho sempre sofferto di emorroidi in varie fasi e purtroppo sapevo di avere anche una ragade anale.
Dopo un episodio estremamente doloroso nell'estate del 2018 mi sono sottoposta a visita proctologica dove mi sono state diagnosticate emorroidi interne di 3 grado e una ragade anale cronica anteriore.
Mi sono sottoposta ad intervento circa 1 mese fa.
Nella lettera di dimissione dalla struttura la diagnosi finale è di ragade anale della commissura posteriore cronica in un contesto di emorroidi di II grado.
L'intervento è stato di exeresi sec. Gabriel della ragade anale e di Oxitaine laterale sx ed anteriore dx.
Il post-operatorio è stato molto doloroso. Uso tuttora betadine soluzione cutanea alternato a getti di acqua tiepida e garze causa pus giallo/verde che continua.
Allo stato attuale la cicatrizzazione tarda ad arrivare. Ho spesso bruciori e prurito assieme. Ho dolori durante la defecazione anche se molto meno forti delle prime settimane.
La zona è ancora abbastanza arrossata e di colore rosso vivo oltre ad una parte che un colore rosaceo con la secrezione. Il proctologo che mi ha operato mi ha detto che rispetto ai tempi sarei in ritardo con la guarigione.
Quello che chiedo è se devo preoccuparmi visto che la situazione tende a non migliorare. Ho chiesto al proctologo se c'erano delle creme o gel che possano aiutarmi per la cicatrizzazione mi è stato risposto che non ce ne sono o servirebbero a poco. E' vero?
La cosa mi preoccupa molto perché sta limitando la mia vita attiva. Chiedo quindi un consiglio od una risposta in merito. Ma i tempi di guarigione sono così lunghi? Guarirò definitivamente? Non vorrei mai dovermi rioperare. Può essere un problema il fatto di prendere la pillola anticoncezionale e il diabete di tipo 2?
Ringrazio anticipatamente.

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
La pillola non importa e pomate non ci sono, l' esito e i tempi dipendono dal tipo di intervento eseguito e dalla eventuale sfinterotomia eseguita o meno. Prego
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente 542XXX

Gentile Dott. Favara,
la ringrazio intanto per la pronta risposta.
Avevo scritto il tipo di intervento, almeno quello che ho desunto dalla lettera di dimissione.
L'intervento è stato di exeresi sec. Gabriel della ragade anale e di Oxitaine laterale sx ed anteriore dx.
Non si parla di sfinterotomia.
Quello che mi preoccupa oltre al bruciore, prurito e emissione di secrezione verdastra, perché non si riesce a chiudere? Come le ho detto il proctologo mi ha detto che sono in ritardo per i tempi.
Se la cosa non si risolve in poco tempo che alternative ci sono?
Grazie se può rispondermi, perché la cosa mi preoccupa

[#3]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Credo che l' indicazione corretta possa venire solo da chi la visita quindi dal collega che ha eseguito l' intervento e puo' valutare la sutuazione attuale. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it