Perdite anali dopo defecazione

Buonasera.

Scrivo questo messaggio per esasperazione.
Cercherò di essere il più breve possibile.

Ad agosto ebbi un periodo di circa una settimana in cui, purtroppo, feci 'fatica' nell'atto della defecazione.
Passò facilmente e ripresi con una normale frequenza/consistenza senza mai avere problemi di sforzo, cosa che continua tutt'oggi.
Fu da allora però che cominciai ad avere fastidi/bruciori/prurito anale che persiste ad oggi (in misura più o meno costante senza migliorare).
All'epoca, chiedendo consiglio in farmacia, mi diedero proctosedyl (dopo aver utilizzato ruscoroid per massimo una decina di giorni).
Ho effettuato una visita chirurgica a fine settembre in cui mi diagnosticarono una ragade anale più qualche piccola emorroide ignorabile (parole del chirurgo), per cui mi consigliarono nuovamente di utilizzare proctosedyl per 15gg.
Ho eseguito alla lettera le istruzioni del chirurgo senza ottenere alcun risultato, anzi, dopo circa un mese, forse scollegato dal trattamento eseguito, forse no, ho cominciato ad avere perdite di liquido trasparente maleodorante che fanno la loro comparsa dopo la defecazione e che durano per circa un'ora, in maniera lenta ma costante, bagnando la biancheria intima.
Come ho già detto, appaiono essere incolori e maleodoranti e sono abbastanza consistenti da bagnare la biancheria e spesso arrivare al pigiama/jeans e con il passare dei mesi, se prima accadeva solo qualche volta, adesso accade dopo ogni singolo atto defecatorio, costringendomi ad una nuova visita chirurgica, in cui è stata confermata la presenza della ragade e la scomparsa delle emorroidi.
Il chirurgo mi ha detto che la ragade può causare perdite di siero quando il condotto rettale è stressato (non ricordo bene il termine che ha utilizzato, scusate) e mi ha prescritto una terapia di Levorag (2 volte al giorno per 5 giorni, 1 volta al giorno per 10 giorni).
Inutile dire che non ha funzionato neanche questa terapia.
Ho anche chiesto in farmacia e mi hanno dato un altro farmaco chiamato fitostimoline proctogel, anche qui seguendo alla lettera il foglio illustrativo (dissi di ciò al chirurgo e mi disse che, normalmente, fitostimoline proctogel funziona e che ho fatto bene).
Non so davvero più che fare, ho seguito alla lettera ogni indicazione del chirurgo per ben due volte e ho anche chiesto in farmacia, il problema non vuole saperne di sparire.


Tre piccoli dettagli:
- relativamente al dolore, basta anche una semplice applicazione di aloe vera, così come una delle qualsiasi creme che vi ho elencato sopra per annullarlo completamente, il problema sono le perdite, ma capirete che vivere con l'obbligo di applicare creme e sottostare a perdite anali dopo la defecazione non è il massimo
- ho effettuato analisi delle feci e non è stato trovato nulla di sospetto.

- non ho alcun problema defecatorio, vado sempre 'bene' in bagno

Pensavo di fare una terza visita ma ho paura di non ottenere altri risultati utili e non so più a chi chiedere.
Avreste consigli?
Grazie!
[#1]
Dr. Andrea Favara Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Colonproctologo, Chirurgo generale 24,6k 616 346
Potrebbe avere una fistola sottomucosa ad esempio. Sentirei un secondo parere. Prego.

Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa