Utente 275XXX
Credo di avere dei condilomi sulla mucosa balano prepuziale (ravvicinati a forma irregolare: due di mm 4x2; uno di mm 6x3; uno di mm 1 circa) sono ATTERRITO dall'idea di doverli bruciare per via del dolore, odore e modalità ovvero asportare, tantopiù per il fatto che possono recidivare. Un mio amico mi ha tranquillizato prospettandomi la possibilità, da lui già positivamente sperimentata di utilizzare come automedicamento, con controllo medico, il "Condylani" che in quella zona potrebbe (come per lui) risolvere il problema definitivamente proprio perché in quella particolare zona. Ringrazio per le indicazioni che vorrete darmi. Massimo

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
MODENA (MO)
LUGO (RA)
BOLOGNA (BO)
PARMA (PR)
VERONA (VR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,

vi sono in effetti valide alternative alla "bruciatura", ma mi raccomando: non ci parli di 'automedicazioni'! Si faccia valutare in ambito specialistico dermatologico.

Cordialmente,

Edoardo Pescatori
Cordialmente,

Dott. Edoardo Pescatori
www.andrologiapescatori.it

[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto

28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
GIOIA DEL COLLE (BA)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
sono daccordo si ci sono medicamenti prima della bruciatura ma vanno eseguiti sotto controllo medico specialistico uro-andrologico o dermatologico
dr Giuseppe Benedetto
www.giuseppebenedetto.netfirms.com

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
l'elettrocoagulazione dei condilomi è l'ultima cosa da fare . Anche nelle terapie di rimozione fisica oggi preferiamo , quando possibile , comunque l'uso di applicazioni di azoto liquido. Il presupposto di tutto questo è comunque una attenta valutazione specialistica.
Un cordiale saluto

Giovanni Beretta.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Dr. Marcello Stante

28% attività
0% attualità
12% socialità
TARANTO (TA)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
caro amico,
la terapia va adattata caso per caso e l'elettrocoagulazione dei condilomi è assolutamente indolore perchè eseguita in anestesia locale. non chieda agli amici come curarsi, ma vada dal dermatologo.
saluti
Dr Marcello Stante
STUDIO MEDICO DERMOESTETICO
V. Berardi 18 - Taranto
dottstante@tele2.it

[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Concordo con il Collega Stante ed aggiungo che in tale sede l'applicazione LASER è ancora meno invasiva, molto meno indolore ed egualmente risolutiva (anche per la funzione di evaporizzazione del tessuto contaminato e quello immediatamente vicinioro)

Sappia per sua completezza, che il parere sulle applicazioni con azoto liquido sulle mucose genitali è assolutamente negativo:
1) per il rischio (molto alto) di non eliminazione del problema
2) per il rischio di esiti molto importanti per via della delicatissima sede (bolle, flittene) che possono anche sovrainfettarsi.

Credo che ora abbia tutti i consigli cui necessita, pertanto a lei la scelta.

Cari Saluti.
Dott. Luigi LAINO
Dermatologo e Venereologo, ROMA
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#6] dopo  
Utente 275XXX

Sono andato dallo specialista dermatologo il quale, dopo la visita, mi ha dato come prima indicazione quella di trattare con azoto le parti interessate. Alle mie obiezioni per via della paura del dolore mi ha detto che era praticabile anche il trattamento con Aldara per otto settimane e che se questo non avesse sortito effetto la strada migliore era quella dell'azoto. Il farmaco Aldara sono riuscito a fatica a reperirlo. Nel foglio illustrativo è riportato più volte "una volta aperte le bustine non devono essere riutilizzate" o simili ammonimenti. Dato il costo del farmaco e l'estensione modesta della parte da curare, possibile che la bustina non possa essere conservata almeno per un'altra applicazione? Grazie per le indicazioni che mi suggerirete.