Utente 216XXX
Circa 7/8 mesi fa in seguito ad un rapporto mi si è creata una piccola abrasione sul lato sx dell'asta che nel tempo si è cicatrizzata creando un leggero rigonfiamento rossastro.
Ora il problema è che ad ogni rapporto (ho provato anche a lasciare passare anche più di un mese tra un rapporto e l'altro) la "cicatrice ispessita" tende ad abradersi con le ovvie conseguenze e fastidi.
Sono stato sia al MTS del mio ospedale che da un dermatologo, i quali non hanno riscontrato alcuna malattia a trasmissione sessuale, il dermatologo mi ha consigliato di cercare di far indurire la pelle utilizzando le pomate "crystacide" e "oasmin hidra" senza ottenere grandi risultati.
Io penso che l'unico modo per risolvere il problema sia eliminare la cicatrice per evitare che ad ogni rapporto la pelle in quel punto si rompa.
Devo cambiare dermatologo? devo andare da un chirurgo plastico?
Grazie a chi mi potrà aiutare e o consigliare

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
io invece, gentile utente penso che lei debba ricevere una diagnosi corretta che mi pare di capire ancora non le è stata posta:

deve sapere difatti che la mucose del pene non è soggetta a cicatrici naturali: pensi che anche quelle chirurgiche quasi costantemente spariscono completamente!

Da qui la necessità di capire il perché di questa cicatrizzazione con una buon a visita dermatologico venereologica che la invito a riprodurre anche per escludere in primis (parlo in termini teorici) lesioni cicatriziali da Lichen sclerosus

se vorrà nel frattempo potrà vedere una mia recente intervista sull'argomento, che ha la finalità di comprendere ciò che ho detto ma non di ipotizzare alcunché (solo la visita diretta può farlo)

http://www.latuapelle.org/interviste-tv

saluti a lei e torni pure a riaggiornare il consulto se vorrà.

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it