Utente 215XXX
Buongiorno Dottori.
Avrei un quesito da porvi.

In passato ho seguito le vostre discussioni sulle malattie sessualmente trasmissibili e in particolare su hiv, sifilide e tutte le mst di cui avete parlato.
La cosa mi ha aiutato parecchio a conoscere i rischi e vi ringrazio per il lavoro che svolgete.

Sono qui a porre però delle domande.
Intanto Sono a conoscenza dei rischi che ci sono nel sesso NON protetto, ed anche di quelli che possono esserci anche se in minor quantità in quello PROTETTO (piu volte avete sottolineato come anche con il preservativo si possano prendere delle malattie a contatto cutaneo quali sifilide o hpv).

Vengo al dunque:
Giusto ieri mi sono recato in un centro massaggi cinese, dove dopo il massaggio, con olio, mi è stata fatta una masturbazione manuale.
Non ho notato perdite di sangue nè io avevo delle ferite sul pene.

La mia domanda è: devo fare dei test per le malattie sessualmente trasmissibili o la masturbazione rientra nel safer sex e quindi in una pratica a rischio 0 per contrarre malattie veneree?
Ho letto in questo sito che ad esempio la sifilide o la gonorrea o l hpv possono passare con contatto cutaneo, ma questo vuol dire che possono passare anche eseguendo un massaggio? E se si, dovrebbe essere infetta la metà della popolazione italiana o sbaglio?

Un dermatologo e gli utenti della Lila mi hanno confermato la mia ultima ipotesi, confermata anche dal servizio sanitario nazionale al numero verde aids.

Mi chiedo come mai su questo sito si continui a parlare della masturbazione come di una pratica a rischio mentre altri esperti continuano a sostenere il contrario.

Il mio non vuole essere un post per attaccare il vostro operato, ma per capire le motivazioni che portano voi esperti a considerare in modi disparati le diverse pratiche sessuali.

Grazie per le delucidazioni.

[#1] dopo  
Dr. Silvia Suetti

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Auspicando che le sia chiaro il concetto che in questo sito si cerca di orientare nel limite delle possibilità telematiche ed in virtù di dati generali e mai specifici, gli utenti che richiedono consulti medico specialistici, le rispondo:

l'atto sessuale masturbatorio è una pratica a bassissimo rischio per MST.

Ciò non significa che si esclude sempre e al 100% che questa possa esserlo, proprio perchè i termini generali dei consulti debbono prevedere anche le eccezioni e i casi più rari.

Un esempio su tutti: un bel sifiloderma papuloso del palmo delle mani è una situazione a trasmissibilità treponemica (il microrganismo della sifilide); pertanto un contatto con queste lesioni e la mucosa del glande o quella vulvo-vaginale ad esempioi non può dirsi completamente scevra da rischio.

Altro classico esempio sono gli atti masturbatori reciproci che possono - potenzialmente - condurre secrezioni e quindi veicolare talune infezioni.

Ancora una scabbia (malattia infettiva ANCHE sessualmente trasmissibili ma naturalmente non solo) può essere trasmessa con il semplice contatto prolungato con le mani (i cunicoli scabbiosi sono le lesioni patognomoniche proprio del palmo delle mani)

Chiarisco che l'HIV in tutto questo contesto, non c'entra.

Da qui sottolineo quanto detto circa la scarsa probabilità di trasmissioni sessuali, come già asserito - con questo atto sessuale eterologo o reciproco.

Spero che abbia capito che non si tratta di terrorismo psicologico ma di semplice e corretta informazione generale agli utenti.

saluti cari

Dr.ssa Silvia Suetti, Specialista DermoVenereologo e DermoChirurgo
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 215XXX

Buongiorno Dottoressa.
La ringrazio per la risposta velocissima.

Innanzitutto, è di nostro interesse avere degli specialisti come lei che sono a disposizione per chiarimenti come il mio.
Ero semplicemente confuso, vista la disparità di informazioni che avevo captato dalle fonti a cui mi sono rivolto.

Nel mio caso ad esempio, la massaggiatrice non presentava assolutamente alcun tipo di pustole o rossori sulle mani, e non c'è stato scambio di liquidi da parte sua.

Posso stare tranquillo e dimenticare l'accaduto o lei mi consiglia di effettuare dei test, io ho un rapporto da anni con la mia compagna e non vorrei creare dei problemi a lei.


La ringrazio dell'aiuto.


[#3] dopo  
Dr. Silvia Suetti

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
sebbene la venereologia spicciola pre-atti sessuali non sia verosimilmente approntabile, direi che la prima cosa da fare è tranquillizzarsi; per il resto ribadisco ciò che ho detto rigurado questo atto sessuale a basso rischio; stia magari più attento per il futuro, al fine di evitare queste sue paure, purtroppo impossibili da arginare, dopo così poco tempo anche per mezzo di una visita (che hanno quadri negativi) e se si presentano lesioni di ogni genere riferirsi immediatamente al dermovenereologo.

cordialità
Dr.ssa Silvia Suetti, Specialista DermoVenereologo e DermoChirurgo
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it