Utente 194XXX
Buongiorno!
Oggi ho ritirato gli esiti di questo esame del sangue e i risultati sono stati i seguenti:
Anti Chlamydia IGG 190 iu/ml valori normali fino a 100 iu/ml
Anti Chlamydia IGM ASSENTI
Anti Chlamydia IGA ASSENTI
Da questo valori potrei dedurre di aver avuto l’infezione in passato, ma c’è qualcosa che non mi torna.. A fine 2007 ho fatto lo stesso esame visto che avevo frequenti cistiti e dolori presumibilmente ovarici presso lo stesso laboratorio e i risultati sono stati i medesimi per IGM e IGA ma per gli IGG il valore era 55. Avevo fatto anche un tampone cervicale risultato negativo.
Durante questi anni ho avuto sempre lo stesso partner, mio marito dal quale ho avuto anche una bambina nel 2009. Questo esame è stato ripetuto visto che, non riuscendo a concepire il secondo figlio siamo in lista per la PMA e questo esame viene svolto per prassi (infatti ero restìa a farlo visti i costi e vista comunque la mia precedente negatività, ma ho avuto questa sorpresa…). Lo stesso esame è stato effettuato da mio marito (presso altro laboratorio) e i valori sono risultati tutti e tre NEGATIVI.
A questo punto mi chiedo se nel frattempo (tra 2007 e oggi, con gravidanza nel 2009)ho contratto l’infezione, ma come? Visto che mi par di capire si trasmetta solo sessualmente.il valore è tanto alto? Cosa ne pensate?
Grazie

[#1] dopo  
1086

Cancellato nel 2012
Gentile Utente,
gli ultimi esami mostrano assenza di infezione in atto ma contatto/infezione in passato.
La stessa situazione c'era anche nel 2007.
Probabilmente hai contratto una clamidiosi, poi risoltasi, prima di quella data.
Sull'innalzamento del titolo delle IgG in questi ultimi anni, può aver influito anche qualche altra infezione intecorsa (metodo di analisi non specifico al 100%).
Cari saluti
Dr. Maurizio Pallanti
Dermatologo in Rimini

[#2] dopo  
Utente 194XXX

Grazie Dr. Pallanti della risposta!

quando parla di qualche altra infezione intercorsa potrebbe essersi trattato di :gardnerella,streptococco,escherichia coli o candida? perchè le ho avute tutte nel frattempo...

Il metodo di analisi è l'ELISA... esiste per caso qualche metodo più specifico?

Grazie

[#3] dopo  
1086

Cancellato nel 2012
Certamente, parlo proprio di quelle infezioni che mi ha elencato.
Ad ogni modo inutile andare alla ricerca, nel suo caso, di metodi più specifici. Rimane il fatto che la,sua infezione da Chlamydia e' pregressa e risolta.
Cari saluti.
Dr. Maurizio Pallanti
Dermatologo in Rimini

[#4] dopo  
Utente 194XXX

Buongiorno!
come avevo scritto qualche mese fa sono in cura presso un centro d'infertilità che mi ha fatto fare l'esame della Chlamydia risultato appunto positivo per quel valore dell IGG superiore a 100...(190) la dott.ssa che mi segue ha consigliato (visto l'esito negativo nel 2007) di ripetere l'esame presso il laboratorio di un ospedale ostetrico ginecologico della mia città sostenendolo più specializzato per questo tipo di esami. (Il fatto di esludere un contagio anche se avvenuto in passato è molto importante nel mio caso perchè si cerca unacausa per la quale non riesco a rimanere incinta e a quanto pare la clamidia potrebbe causare danni tubarici)

Con mia sorpresa i risultati sono stati:

Igg anticlamidia 0,51 (negativo se inf a 0,9)
IgA anticlamidia 0,29 (negativo se inf a 0,9)
Le Igm in quel laboratorio non le fanno, le considerano inutili..

La dott.ssa che mi segue mi ha detto a questo punto che non ho mai contratto la malattia e quindi non mi fa fare esami approfonditi sulla condizione delle mie tube. Ma io mi chiedo a questo punto come mai l'altro laboratorio ha trovato le Igg positive? Posso davvero pensare di non aver contratto la malattia? queste divergenze mi rendono dubbiosa...Lei Dr. cosa ne dice?

Grazie

[#5] dopo  
1086

Cancellato nel 2012
Mi pare chiaro che uno dei 2 laboratori ha emesso un risultato forse inesatto.
Mi sembra però, a questo punto, inutile una ricerca spasmodica "della chlamydia perduta". Qui il problema è capire se le sue tube sono aperte o chiuse. Vi sono esami radiologici più che affidabili per saperlo. Non sono un "fertilista" ma credo che ora il suo problema sia un altro e non quello di sapere se ha o meno avuto una infezione da C.
Le auguro di arrivare in fondo alla sua vicenda.
Cari saluti
Dr. Maurizio Pallanti
Dermatologo in Rimini

[#6] dopo  
Utente 194XXX

L'esame per la pervietà delle tube è un pò "antipatico" per questo se non era il caso si voleva evitare... a questo punto mi sa che lo farò lo stesso di mia iniziativa...

E se invece ripetessi l'esame in un terzo laboratorio? se venisse nuovamente negativo forse potrei fidarmi e al contrario se venisse positivo allora a questo punto vorrebbe dire che è davvero positivo.. le sembra un'idea stupida la mia?

[#7] dopo  
1086

Cancellato nel 2012
Inutile peregrinare per laboratori.
Faccia la salpingografia così avrà un quadro chiaro della pervietà delle sue tube.
Saluti ed auguri
Dr. Maurizio Pallanti
Dermatologo in Rimini