Utente 504XXX
Ho 27 anni e da circa tre mesi a questa parte sono affetto da una fastidiosissimo arrossamento nella zona inguinale che sembra proprio non voglia abbandonarmi. Vi illustrerò il mio problema cercando di essere più chiaro possibile.
Sono tre mesi che combatto con questo arrossamento, infiammazione, forte prurito nella zona inguinale (nelle pieghe cutanee), così da convincermi dopo circa otto giorni dall'inizio del problema a rivolgermi ad un dermatologo che mi ha diagnosticato in prima battuta una "follicolite batterica con sovrainfezione micotica", prescrivendomi un detergente (Lipikar Surgras Liquido), un antibiotico (Minocin 100mg) e una crema (Trosyd) come terapia per 7 giorni.
Apparentemente dopo 15 giorni di cura il prurito è passato, ma dopo circa un mese si è ripresentato il problema, di nuovo arrossamento, prurito, piccole lesioni nella pieghe cutanee, così mi sono recato nuovamente dallo stesso dermatologo, il quale mi diagnosticato una "Intertrigine da Candida", perciò diversa dalla precedente, prescrivendomi nuovamente il Trosyd (aumentando però il dosaggio a due volte al dì), il detergente Lipikar Surgras, l'antibiotico Sporanox(100mg) e un antibatterico Bactroban. Dopo 30 giorni (di cui 15 con la suddetta teriapia) il prurito sembra essersi calmato in alcune zone, ma in altre (sempre inguinali) ho ancora un arrossamento e prurito. Tutt'ora sto continuando ad usare il Trosyd.
Inoltre, il dermatologo mi ha consigliato, nella seconda visita, di fare dell'attività sportiva che impegni i muscoli interni delle gambe per aumentare la massa muscolare (a scapito del grasso dovuto al mio sovrappeso,sono alto 1,80 e peso 95 Kg) per favorire una maggiore respirazione della pelle, in quanto ho un eccessiva sudorazione in quel determinato punto del corpo, e alla postura, faccio lavoro sedentario.
Chiudo sperando di aver esposto i punti più importanti del problema e spero in un Vostro aiuto rimanendo in contatto per eventuali chiarimenti.
Grazie in anticipo.
Paolo

[#1] dopo  
Dr. Paolo Gigli

28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
CAMPO SAN MARTINO (PD)
MILANO (MI)
BOLOGNA (BO)
PESCIA (PT)
PRATO (PO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
L'unica posssibilita' alternativa e' una psoriasi invertita delle pieghe , impossdibile pero' fare diagnosi da qua .
saluti
Dr Paolo Gigli www.paologigli.it
Specialista in dermatologia e venerologia
Professore a contratto in scienze tricologiche mediche e chirurgiche

[#2] dopo  
Dr. Marcello Stante

28% attività
0% attualità
12% socialità
TARANTO (TA)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
caro amico,
purtroppo a livello della piega inguinale molte e differenti patologie si manifestano con i sintomi da te indicati. è opportuna una accurata visita dermatologica e la impostazione di una terapia che miri a guarire la sua patologia ma a non indurre irritazioni locali che peggiorino i suoi sintomi.
purtroppo è necessario vedere di persona per formulare una diagnosi di certezza ed impostare la opportuna terapioa.
carissimi saluti, resto a disposizione
Dr Marcello Stante
drstante@aliceposta.it
Dr Marcello Stante
STUDIO MEDICO DERMOESTETICO
V. Berardi 18 - Taranto
dottstante@tele2.it

[#3] dopo  
Dr. Giampiero Griselli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
FERRARA (FE)
PORTO TOLLE (RO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Gent.le pz
le intertrigini,cioe' dermatosi infiammatorie delle pieghe cutanee(ascellari,inguinali,etc)sono in buona parte dovute allo sfregamento o contatto permanente tra le superfici della cute.Questo è fattore di rischio per le modificazioni fisico chimiche e microbiologiche della zona e causa dermatosi infiammatorie,o imtertriginidi difficile risoluzione.Possono riconoscersi cause infettive,localizzazioni di dermatosi,eczemi,etc...Detto questo bisognerebbe fare un esame anamnestico e obiettivo:capira' dunque come sia difficoltoso poter dare consigli terapeutici
Cordialita'
Dott.Giampiero Griselli Dermovenereologo
www.dermoonline.com
Ferrara,Torino,Padova,Brescia,Porto Tolle, S.M.Maddalena (RO)

[#4] dopo  
Dr. Vittorio Crobeddu

24% attività
0% attualità
12% socialità
NOCI (BA)
TORINO (TO)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2004
Caro amico,altre ipotesi diagnostiche,oltre a quelle formulate dai colleghi,sono l'eritrasma e la dermatite allergica da contatto o irritativa.Si rivolga con fiducia al suo dermatologo.Saluti

[#5] dopo  
Prof. Matteo Basso

24% attività
0% attualità
4% socialità
GENOVA (GE)
ROMA (RM)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2004
Cara amica,
è impossibile una diagnosi via mail, si rivolga al suo dermatologo di fiducia.
Saluti
prof. Matteo Basso
www.dermatologiaestetica.com