Utente 603XXX
Sono soggetta ormai da piu' di un anno a tagli ai talloni e ai polpastrelli delle dita delle mani
senza che mai riescano a cicatrizzare. Sono stata visitata da medici generici e da specialisti ma non ho avuto un risultato diagnostico univoco. C'è chi fa riferimento ad una conseguenza della menopausa sulla pelle per il calo estrogenico e chi invece parla di parapsoriasi esaminando le unghie che sono un po' rigate. Gli esami del sangue non hanno evidenziato anomalie.Mi sono state consigliate e prescritte creme cortisoniche, creme per le piaghe da decubito, creme antibiotiche-cortisoniche ma nessuna ha dato risultati stabili. Per os una cura con Omega3. Attualmente alterno le creme a seconda della necessità di usare una sostanza untuosa o no. La pelle intorno ai tagli è estremamente indurita. I talloni sono molto ispessiti e secchi e i tagli molto allungati e profondi. Ovviamente sento molto male a camminare ed anche a svolgere,con le mani,le varie attività. Non mi sono state prescritti esami riguardanti eventuali possibili allergie. A questo punto sono molto provata e non so più cosa fare. Gli ormoni sostitutivi in menopausa, per verificare se l'ipotesi di uno dei medici a cui mi sono rivolta è giusta,non posso assumerli dato che ho seno fibrocistico e nel 1992 ho subito isterectomia per fibromi uterini,non ho avuto figli e quindi sono un soggetto piuttosto a rischio di tumore al seno. L'altra ipotesi,quella della parapsoriasi, sino ad ora non ha avuto riscontri positivi con le varie pomate usate. A questo punto mi è stata accennata la possibilità di prendere cortisone per via sistemica o alte dosi di vit.A ed E per os . Non so che fare. So che il cortisone non cura ma è un palliativo con molti effetti collaterali e che alte dosi di vitamine liposolubili possono essere dannose per il fegato quindi, senza una precisa diagnosi,temo molto di avventurarmi su quelle strade. Quello che chiedo al consulto online è: cosa posso fare per riuscire ad avere una diagnosi? Ci sono esami particolari da eseguire? C'è una struttura specializzata a cui rivolgermi? Grazie

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Benini

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
8% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
SANTARCANGELO DI ROMAGNA (RN)
FANO (PU)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Gentile Utente, penso che presso la Clinica Dermatologica Universitaria dell'Ospedale di Parma non sussistano problemi nell'effettuare tutti gli accertamenti per poter inquadrare il suo disturbo caratterizzato da ipercheratosi e ragadi a livello plantare e da pulpite cronica con presenza di ragadi ai polpastrelli.
Saluti
Dr.Alessandro Benini
Dirigente Medico Centro Grandi Ustionati
Osp."M.Bufalini" Cesena

[#2] dopo  
Utente 603XXX

Ringrazio il Dr.Benini per l'informazione che gentilmente mi ha dato.
Prenoterò oggi stesso una visita dermatologica presso la struttura ospedaliera di Parma.
Farò sapere il risultato.
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Fa bene a seguire i dettami della visita dermatologica, gentile signora: questo in virtù delle molteplici situazioni tutte dermatologiche che possono manifestarsi con quella morfa clinica, dalla psoriasi alle cheratodermie palmo plantari alle dermatiti eczematose creoniche a milto altro ancora.

cari saluti e ci tenga pure aggiornati della situazione.

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#4] dopo  
Utente 603XXX

Grazie anche al dr.Laino
Cordialità

[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Prego e ci tenga aggiornati.

saluti

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it