Utente 194XXX
Gentile dottori,

a breve iniziero' un trattamento di depilazione laser sulla schiena/spalle in seguito a una certa situazione che mi causa inestetismo.
Sto scegliendo la tecnologia laser in quanto mi sembra la più efficente, oltretutto, la faccio da un medico per essere sicuro dell'eventuale efficacia.

Ho notato che a parita di prezzo, nei vari centri, mi viene proposto sia il laser alessandrite sia il laser diodo lightsheer per il mio tipo di pelle

Volevo sapere secondo le vostre esperienze, qualè la tecnologia migliore?

Su internet leggo che ognuno dice la sua ma purtroppo le idee non sono mai chiare

Inoltre in alcuni centri mi è stato detto che verro rasato prima del trattamento e che assolutamente non dovrò utilizzare ceretta.Il che mi lascia un po così...

Altri centri mi hanno detto invece di presentarmi con la pelle depilata, potendo fare anche la ceretta

Leggo che il laser alessandrite e sopportabile mentre il diodo lightsheer può essere fastidioso

Quindi non saprei come orientarmi

Attendo vostre opinioni consigli, e sfatatemi questo mito se la pelle puo essere trattata con rasoio senza compromettere il risultato o meglio fare la ceretta

Grazie per l'attenzione

[#1] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
0% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2000
Gentile Utente,
ambedue sono ottimi apparecchi: secondo la letteratura specializzata internazionale rappresentano la migliore scelta per l'epilazione, quindi non si tratta tanto di un parere soggettivo ma di un orientamento mondiale. Alcune sfumature possono far preferire un apparecchio piuttosto di un altro: ad esempio personalmente ho scelto l'alessandrite ma perchè lo utilizzo anche per altre cose, opportunità che non avrei avuto col diodo. Il lightsheer che lei menziona può avere due modelli: uno con un diametro di applicazione più grande (lightsheer Duet) ed uno "normale". C'è differenza perchè a parità di costo l'utilizzo del "normale" potrebbe richiedere più tempo e più sedute rispetto ad un alssandrite con spot di 15 o 18 mm. Tenga quindi conto anche di questo.
Infine le confermo che per l'epilazione laser o IPL i bulbi piliferi devono essere in sede ed appena rasati, devono cioè emergere di poco dall'ostio. Se i bulbi sono stati completamente rimossi con la ceretta le luci non li "leggono" e quindi la seduta sarà meno efficacie.
Cordialissimi saluti


Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena

[#2] dopo  
Utente 194XXX

Gentile Dott. Brunelli,

innanzitutto la ringrazio per la cortese risposta.

Ho effettuato la prima seduta laser alessandrite ( candela gentalease) , non cè stato dolore ma solo pizzicare il quale provoca un fastidio che scompare subito.
I peli dopo la seduta mi appaiono bruciacchiati e cmq non cadono all'istante a parte qualcuno debole che sembra "esplodere", pelle abbastanza irritata e adesso mi ritrovo ad avere tutti questi puntini neri e al passare della mano sento la pelle ruvida tipo lametta,ma il dottore mi ha detto di usare una crema lenitiva e che questi peli adesso cadranno nel giro di un paio di giorni.

E' giusta questa diagnosi di "caduta"?

In teoria gia da questa seduta dovrei vedere una netta differenza,speriamo bene,anche perchè penso di aver scelto la tecnica migliore,e il prodotto da me citato sembra di alta qualità

Buona giornata e grazie ancora per la sua disponibilità

[#3] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
0% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2000
Le confermo tutto, compreso il fatto che l'apparecchio sia di sicuro pregio: quindi certamente parte da una solida base tecnologica. Magari, per sicurezza maggiore, si faccia rilasciare anche i parametri utilizzati che le potrebbero servire in futuro: ad esempio dovesse evidenziare un fallimento del trattamento, attraverso questi parametri potrebbe essere più facile capire se questo sia imputabile ad una sua scarsa risposta individuale o ad un sottodosaggio dell'impulso luminoso. I parametri da conoscere sono diametro dello spot (di solito 15 o 18 mm) e fluenza in j/cm2. L'esposizione, nel modello che lei cita, è fissa a 3 msec.
Cordiali saluti
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena

[#4] dopo  
Utente 194XXX

Prossima seduta ( spero il più lontano possibile) mi farò rilasciare tali valori.
Le posso dire che , premettendo la mia ignoranza in materia, non so se sia la forza dell'impulso, il livello che ho usato era 12 , avevo fatto una piccola parte con 14 ma era troppo fastidioso , mi è stato detto che è gia una buona soglia d potenza

Grazie per i suoi esaustivi riscontri