Utente 789XXX
Salve,
mi rivolgo a voi in preda al più totale sconforto. La mia acne si è sviluppata da quando avevo 14-15 anni, ed è andata via via peggiorando. Sapevo che non si trattava della solita acne giovanile perché sia mio fratello (26anni) sia mia sorella (24anni) ne soffrivano e ne soffrono attualmente. Dopo svariate e costose visite dermatologiche mi ritrovo a 20 anni a soffrire ancora di acne nodulo cistica e mista. La mia malattia è da sempre stata presa sottomano dai medici, fin quando uno di questi decide di optare per l'isotretinoina (dopo aver provato con svariate cure locali e antibiotici senza un minimo di risultati). Peso 65kg quindi considerando 0,5mg pro kg ne ho assunti 30mg al dì (tranne il primo mese, con 20mg) per un ciclo di 6 mesi. Le analisi e i controlli andavano sempre benissimo e l'acne era sparita; stavo benissimo. L'estate passa, l'inverno ricomincia e l'acne torna, così a novembre 2011 decidiamo insieme al dermatologo di ripetere un altro ciclo sempre 30mg/die per altri 6 mesi (durante questo ciclo il farmaco ha impiegato più tempo ad avere il suo effetto). L'estate passa, ed ad Ottobre l'acne torna, ammetto in forma leggermente più lieve, ma più diffusa. Il mio petto non era mai stato acneico a tal punto, mentre la schiena si mantiene costante. Il volto è in generale stressato arrossato e con numerose cisti sottocutanee oltre che eruzioni attive. In volto l'acne si concentra non solo nella zona T, ma anche tempie e guance, senza risparmiare il collo ovviamente. Ultimamente da quando ho concluso il ciclo presento numerose microcisti "latenti" nella zona dorsale del braccio e in più presento puntini arrossati che sporadicamente tramutano in pustola sui fianchi (assurdità) e glutei. Potrete immaginare il mio sconforto, ma la mia voglia di lottare non è finita, non accetto passivamente il tutto. Secondo voi può essere tutto causato da un'inappropriata assunzione del farmaco? Ho dovuto interromperlo per un mese per via di un intervento di varicocele. Il mio dermatologo mi ha proposto di riprendere l'isotretinoina per un ciclo breve, ma non credo più all'efficacia di questo farmaco su di me. Sono disposto a tutto, quali sono i consigli? Cosa potrebbe non aver funzionato? Casi come il mio come vanno presi? Ho sentito parlare di ragazzi che si sono curati con l'autovaccinazione, consigliabile? Si sente anche parlare di vaccino per l'acne in via di sperimentazione. Aspetto pareri e suggerimenti con ansia, grazie mille.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci

40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VALENZA (AL)
TORTONA (AL)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Salve,
la teoria della vaccinazione la tralasciamo visto il suo inconsistente peso specifico
Concentriamoci sul resto:
E' importante il concetto di dose cumulativa, per il tipo di terapia che lei fa sulla sua acne: si è visto che, perchè isotretinoina abbia efeto biologico, va assunta una dose che in tutto, sia circa 150 mg/kg di peso. il dosaggio di 0,5 mg/kg giornalieri può anche andare bene, ma è necessario che tale dose sia raggiunta. Questo potrebbe, per esempio il motivo di un parziale insuccesso.
Altra cosa: durante una terapia sistemica, la terapia locale va comunque fatta , e nella maniera più efficace possibile. Questo è un altro errore che talvolta si fa. Un tipo di terapia non esclude l'altra, anzi, si sommano. La terapia locale va fatta e bene.
Ci sono anche casi in cui le cisti già formate vanno drenate per motivi contingenti o anche infiltrate. MA ogni caso, mi raccomando, va valutatao a sè stante e mediante il controllo di un bun specialista dermatologo


Saluti ed Auguri


Luigi Mocci MD

[#2] dopo  
Utente 789XXX

Gentile dottore,
chiedo scusa se ho dimenticato di precisarlo, ma purtroppo la dose cumulativa di 150mg pro Kg l'ho raggiunta e superata. La mia dose cumulativa ideale dovrebbe essere di 150*65=9750mg, mentre io ho raggiunto circa i 10.500mg di dosaggio totale. So che l'isotretinoina è l'ultima spiaggia per tale patologia, ma a quanto pare su di me non ha l'effetto desiderato e promesso. Lei mi consiglia di ritentare per la terza volta con un altro ciclo? Non ho veramente più idea di cosa potrebbe essere utile per me e cosa no. Una cosa la devo comunque ammettere, la mia acne in volto è migliorata, ma dopo il secondo ciclo si è sviluppata in regioni del mio corpo che non ne avevano mai sofferto. La ringrazio per il tempo dedicatomi

Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Luigi Mocci

40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VALENZA (AL)
TORTONA (AL)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Mi pare che il mil intervento dicesse carie cose, basterebbe leggerlo con attenzione
Luigi Mocci MD

[#4] dopo  
Utente 789XXX

Avevo già letto con attenzione, ma mi viene molto difficile capire cosa s'intende per terapia locale insieme alla cura con isotretinoina, dato che durante il trattamento la pelle non presenta né acne attiva né cisti. Io la terapia locale la ho sempre praticata con creme molto ma molto costose senza risultati reali, e spesso con irritazioni che aggravavano l'infezione generale. Ecco una lista con alcune delle creme utilizzate:
-Duac
-Avene Diacneal
-Differin Gel
-Benzolait plus
-Exfoliac e così via, oltre a svariati detergenti e integratori alimentari appositi. L'unica cosa che utilizzavo durante il trattamento con isotretinoina, per forza di cose, era una crema idratante per pelli acneiche consigliatami dal mio dermatologo, mentre oltre a questo non mi è stata consigliata nessuna terapia e non saprei veramente quale si potrebbe associare. La dose cumulativa l'ho, ripeto, raggiunta e superata per via dei due cicli di 6 mesi da 30mg/die completati. Quindi, mi chiedevo, oltre a queste quali potessero essere cause d'insuccesso visto che tale terapia è stata seguita da me e dal mio medico nel migliore dei modi? So che la percentuale di successo di questo trattamento è elevata, ed ora che la mia acne è tornata, il mio medico mi ha quasi spinto alla rassegnazione di convivere ancora molto a lungo con il mio problema che sta gravemente compromettendo la mia psiche ed il mio vivere sociale. Esistono in generale, senza nulla di specifico, pazienti cui il problema non può essere risolto? Esistono altre cause oltre all'eccesso di sebo che in un uomo possono causare tale patologia? La mia pelle non è grassa come lo era una volta, quindi è possibile un'altra causa? Un consulto con un endocrinologo potrebbe essere utile? Grazie per l'attenzione ed il tempo dedicatomi.
Cordiali saluti.