Utente 288XXX
Buongiorno,
intorno alla fine del mese di novembre u.s. ho notato la presenza di una neoformazione cutanea in regione temporale sinistra, che mi è stata diagnosticata dallo specialista come carcinoma basocellulare di dimensioni di circa 4 mm. di diametro. Avendo optato per l'asportazione chirurgica, sono attualmente in attesa di
essere contattata per l'intervento. Da alcuni giorni, tuttavia, ho notato che la lesione si è notevolmente rimpicciolita, al punto da renderne un po' difficoltosa l'individuazione.
Desidererei sapere se è normale che ciò avvenga, e soprattutto, qualora dovesse ridursi ulteriormente, se potrò comunque presentarmi per l'asportazione non appena chiamata ( nel senso che, pur magari sparendo ad occhio nudo, con le lenti e i mezzi del dermatologo tale malformazione sarà individuabile !? )
Ringrazio per la cortese risposta, e porgo cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
FERRARA (FE)
PORTO TOLLE (RO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
di regola il carcinoma basocellulare , tumore maligno (ad attività locale e scarsissimamente metastatizzante, ma non per questo da sottovalutare) non sparisce ma si allarga. Una regressione spontanea è sempre teoricamente possibile,ma sarebbe da rivalutare comunque la diagnosi iniziale.
Cordialità
Dott.Giampiero Griselli Dermovenereologo
www.dermoonline.com
Ferrara,Torino,Padova,Brescia,Porto Tolle, S.M.Maddalena (RO)

[#2] dopo  
Utente 288XXX

La ringrazio molto ; seguirò il Suo consiglio.