Utente 784XXX
Egregi dottori, nel depilarmi ho inavvertitamente tagliato con la lametta un neo molto sporgente che ho dalla nascita sulla parte laterale della mammella, provocandone copioso sanguinamento.
Sono molto preoccupata che questa grave lesione possa provocare un degenerazione del neo in melanoma; vorrei gentilmente sapere che probabilità ci sono che questo mio timore si avveri e quali esami ed interventi sono consigliabili nella mia situazione.
Vi ringrazio molto per i preziosi consigli.
Elena Bonanomi

[#1] dopo  
Dr. Antonio Del Sorbo

28% attività
0% attualità
12% socialità
SCAFATI (SA)
SALERNO (SA)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
La rottura traumatica involontaria di un nevo è un'evenienza che si verifica abbastanza spesso, soprattutto per i nei rilevati (es. nevi verrucosi). Il sanguinamento è dovuto alla presenza di normalissimi vasi capillari all'interno del neo. Questo fenomeno è molto comune sia negli uomini (es. rasatura barba) che nelle donne (es. zona elastico reggiseno). E' importante mantenere pulita l'area traumatizzata (es. acqua ossigenata o alcool o disinfettante cutaneo) in attesa di una visita specialistica che effettuerà quanto prima presso il Suo dermatologo di fiducia. Mentre il sanguinamento spontaneo di un neo si può associare a volte ad un melanoma, la rottura traumatica accidentale, non si associa normalmente a tale rischio, tranne nel caso in cui, vi era già un melanoma in corso a nostra insaputa (evento raro). Vale però la regola che diamo a tutti i nostri pazienti: qualsiasi modifica improvvisa di un nevo (quindi anche quella da Lei descritta) deve essere valutata con una visita specialistica dermatologica. Oggi grazie ad una metodica rapida e non invasiva denominata dermatoscopia (cosiddetta mappatura dei nei) e disponibile presso tutti i dermatologi, bastano pochi minuti per stabilire se un neo è semplicemente un neo. Cordiali saluti e in bocca al lupo.
Dott. Antonio DEL SORBO
Specialista in Dermatologia e Venereologia
Sito web: www.ildermatologorisponde.it

[#2] dopo  
Utente 784XXX

Gentile Dott. DEL SORBO,
la ringrazio molto per la sollecita ed esauriente risposta, che mi ha tranquillizzata. Naturalmente provvederò a seguire le sue indicazioni al più presto.
Cordiali saluti.
E.B.