Utente 301XXX
Gentili dottori sono un uomo di 41 anni ho da molti anni 2 macchie brune sulla fronte di circa 5mm i dermatologo a suo tempo le ha catalogate come concentrazioni di melatonina ho la pelle chiara e i capelli castani da circa 15giorni si sono formate delle altre macchie circa una decina piu piccole nella zona sx della fronte concentrate nella stempiatura dei capelli per ora non mi danno fastidio solo un leggero prurito se stuzzicate e durante la giornata a volte tendono a rialzarsi specialmente in momenti di stress e solo da 2 giorni alcune presentano una superfice piu ruvida che sembra, al mattino appena sveglio ammorbidirsi
Ho avuto due consulti dermatologici nello stesso pomeriggio nel primo mi è stato prescritto azitromicina e pomata advantan per 4 giorni teorizzando una leggera infezione batterica nel secondo consulto fortuito e casuale visto che il secondo dottore ha lo studio nello stabile di un amicoin comune che invece mi ha consigliato di aspettare e di non applicare nulla eventualmente di prenotare una biopsia per risalire alla causa anche se lui le ha catalogate come eventuali macchie solari
Io soffro di attacchi di panico che tengo a bada con ansiolitici e non vi nascondo che questo secondo parere mi ha turbato parecchio anche per il pensiero di cosa possa rivelare una biopsia.....vorrei secondo voi sapere se è comunque meglio iniziare la prima cura o aspettare ,specifico di non aver preso altri farmaci al di fuori degli ansiolitici nell'ultimo mese e di non aver subito traumi nella zona ne sfregamenti
grazie in anticipo per eventuali risposte
p.s. le chiazze sono rossobrune

[#1] dopo  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
0% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore
le rispondo anche se da branca diversa vedendo il suo consulto inevaso e sperando di esserle utile.
La prima cosa che mi sento di dirle è di non entrare in panico! Da quanto lei descrive (e con tutti i limiti del consulto on line), sembra una dermatite seborroica e a meno che lei non si sia grattato infettandosi, è anche plausibile , visti gli attachi di panico, che di ciò si tratti dal momento che la pelle è la nostra barriera rispetto alla realtà che ci circonda e reagisce anche e soprattutto di fronte a stress emozionali.
Non metta nulla sulla pelle e aspetti ragionevolmente qualche giorno, dopo aver anche fatto una dieta leggera e naturale, priva di insaccati, scatolami, formaggi fermentati, ricca di frutta e verdura e dopo essersi assicurato che l'intestino si svuoti regolarmente.
La situazione dovrebbe migliorare e stia sereno. Se poi eventualmente e malauguratamente peggiora (ma pensi positivo altrimenti la pelle reagirà alla paura!) non deve avere alcuna paura della biopsia perché di certo non si tratta di fare diagnosi per cose maligne, ma solo di capire se e come e quanto sono coinvolti gli strati del derma e dell'epidermide e se per caso ci fosse un tipo particolare di cellule (mastociti) o depositi che possano scatenare il sintomo e il prurito.

Quindi nessuna paura ! Aspetti serenamente, non c'è fretta ad approfondire le indagini e meno che mai a fare una biopsia. Aspetti una settimana e vedrà che migliorerà. Usi per detergersi e per fare uno shampoo o doccia, un sapone -non sapone oppure un olio-sapone ed eviti alimenti ricchi di nichel (aglio, pera ecc consulti le tabelle in rete),

Mi faccia sapere. la saluto cordialmente
Dott.ssa Agnesina Pozzi