Utente 102XXX
soffro di escrezioni tipo brufoli che si infiammano periodicamente dall'età di circa 15 anni.premetto che mia madre soffre dello stesso problema,comparso però all'età della menopausa.si tratta prevalentemente di cisti dure che lentamente si trasformano, alcune diventando tipo un vulcano, con al centro raccolta di materiale purulento.La pelle soprastante lentamente si assottiglia, fino a rompersi e a far fuoriuscire il liquido misto a sangue naturalmente.Sono dolorosissime,anche grandi alcuni cm,e tutte localizzate in zona inguinale,diciamo in zona elastico delle mutande,e fra le natiche,rare volte nel mio caso in altre posizioni,tipo sotto il gluteo,ma mia madre ha avuto episodi sotto il seno e le ascelle.Tale problema per me è anche invalidante nel periodo di infiammazione acuta,mi rende difficile sedermi e addirittura camminare,sono anche a volte impossibilitata a svolgere le mie normali attività quotidiane.Nel corso degli anni ho consultato innumerevoli specialisti,che mi rifilavano l'antibiotico di turno,con scarsissimi risultati,anche perchè le infiammazioni scompaiono da sole dopo alcuni giornidi sofferenza,tuttavia,anche con terapia antibiotica,le cisti non scompaiono ma rimangono in attesa della prossima infiammazione acuta.La mia zona inguinale è naturalmente deturpata dalla presenza di orribili cicatrici.Nel corso degli anni ho anche effettuato un vaccino antistafilococcico,che non ha dato risultati.Specifico che l'unica terapia efficace è sembrata la chirurgia per la rimozione di tali cisti,cosa che però ben pochi dermatologi ti attuano,almeno a me,cercando soluzioni con antibiotico,cremine ecc.Inoltre,nei periodi peggiori sarei di frequente sotto i ferri.Preciso che difficilmente si tratta di problemi di depilazione e peli incarniti,in quanto la zona colpita fra le natiche non è mai nel mio caso oggetto di alcun tipo di depilazione.Inoltre,in periodo invernale,cerco di depilarmi il meno possibile,solo con rasoio.Credo che sia un problema che può essere collegato alla sudorazione,peraltro non eccessiva,piuttosto che di sfregamento con tessuti,dato che il problema spesso peggiora d'estate.Avevo notato anche una certa coincidenza con il ciclo mestruale,ma oggi che sono incinta posso dire che durante i nove mesi il problema è stato peggiore.Nessun dermatologo ha fornito una diagnosi,si parla sempre genericamente di follicolite.Ringrazio fin da ora chi mi fornirà qualche aiuto utile per cercare una soluzione al problema,data la mia totale sfiducia dopo anni di sofferenza,tanto che ormai lascio che le infiammazioni facciano il loro corso,dato che le cure non migliorano per niente la situazione.

[#1] dopo  
Prof.ssa Elisa Cervadoro

28% attività
0% attualità
12% socialità
PISA (PI)
STENICO (TN)
LIVORNO (LI)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Gentile Utente,
non credo proprio si tratti di follicolite semplicemente ma di un'altra dermopatia di tipo sempre cistico-infiammatorio detta idrosadenite cistico-pustolosa.
Le terapie , come ben lei ha già sperimentato suo malgrado, sono fatte in prima istanza da antibiotici locali e per bocca e in alcuni casi selezionati si può tentare l'approccio chirurgico.Esistono anche altre terapia una di tipo farmacologico da valutare sempre caso per caso.
Cordiali saluti
Dr. Elisa Cervadoro
Specialista in Dermatologia e Venereologia
Università Di Pisa

[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

mi trovo in accordo con la Collega che le ha chiarto quante siano le condizioni possibili che i celano sotto una situazione "classicamente" definita "follicolite":

La invito quindi a farsi produrre una corretta diagnosi nell aopportuna sede specialistica Dermatologica, per la tutela della sua Salute.

cordialità.

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#3] dopo  
Utente 102XXX

E' molto bello che ben due medici concordino con una possibile diagnosi, mi da qualche speranza. Appena nascerà la mia bambina, e soprattutto appena terminerò di allattare, riprenderò a cercare di curarmi da questo punto, anche per lei, dato che non posso escludere che manifesti gli stessi miei problemi in un futuro. Ringrazio entrambi per aver letto tutto il mio papiro, e avermi gentilmente fornito un parere, ne terrò considerazione al momento opportuno. Sarei comunque grata se potessero indicarmi appropriate strutture a loro note o colleghi medici specialisti a cui potermi rivolgere, preferibilmente vicino a Trieste.

[#4] dopo  
Prof.ssa Elisa Cervadoro

28% attività
0% attualità
12% socialità
PISA (PI)
STENICO (TN)
LIVORNO (LI)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Gentile Utente,
qua sul sito nella Home page può cliccare la provincia di interesse e le compariranno i medici di quella zona.
Cordiali saluti
Dr. Elisa Cervadoro
Specialista in Dermatologia e Venereologia
Università Di Pisa