Lesione ulcerata pene

Salve, spesso e volentieri mi si formano sull'asta del bene dei "simil-brufoletti" sotto pelle.
Alcuni di essi si eliminano facilmente con fuoriuscita di pus senza lasciare traumi sulla pelle mentre altri si presentano duri, come fossero dei granuli, e, al tocco vi è leggero dolore con fuoriuscita di una sostanza bianca dura.
Inoltre la pelle prende una forma "a cratere", scavata, con bordi leggermente duri.

Ho sempre trattato queste ulcere con crema fucidin come mi è sempre stato indicato da dermatologi, i quali mi hanno diagnosticato o ulcere infiammate post trauma, o possibile mollusco contagioso.
Quest'ultima diagnosi è stata esclusa da tutti i dottori mesi dopo il quale non vedendo traumi particolari mi hanno assicurato che vi era completa guarigione o che non si trattava di mollusco.


Il problema è che vanno e vengono da anni anche se in forma controllata, eppure mi trovo da circa 4 settimane alle prese con una lesione ulcerata sull'asta del pene di circa 1, 3 x 0, 5 cm con lati molto duri, gonfia, scavata e leggermente dolorosa, che presenta diverse papule biancastre irremovibili.
Spesso mi si crea anche una patina molliccia che si stacca con facilita senza creare dolore e che sembra quasi si sfilacci "strappandosi".


Non so più come trattarla, ad oggi sto trattando la zona con detergente vea intimo tt, disinfettante sulla zona, fucidin crema e connettivina garze.
Ogni mattina noto che la zona spurga pus denso di colore giallo scuro, ma non troppi miglioramenti.


Mi piacerebbe sapere gentilnente cosa ne pensate, grazie mille.

Cordialità
[#1]
Dr. Luigi Laino Dermatologo 21,9k 463 493
Gentile utente, direi che la prima cosa da fare che sia seria, e la diagnosi. Questa non può assolutamente mancare e per effettuarla serve sicuramente una visita di venereologia corredata di dermo- scopia digitale dei genitali (peniscopia). La invito pertanto a determinarsi con la sede dermatologica venereo logica per avere contezza della situazione. Le sconsiglio che mente di manipolare queste lesioni, le quali non è possibile sapere se siano relazionate ad infezioni o a patologie ricorrenti.
Cari saluti
Dott.Laino

Dr.Luigi Laino Dermovenereologo, Tricologo
Direttore Istituto Dermatologico Latuapelle
www.latuapelle.it

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa