Utente 156XXX
Buongiorno, Le scrivo perchè da tempo avverto diversi sintomi di malessere, che col passare del tempo si verificano in modo sempre più frequente:
- digestione lenta e senso di acidità allo stomaco (soprattutto il sabato e la domenica, giorni in cui sono più sedentario)
- mal di testa pungenti localizzati in zona parietale
- crampi muscolari alla schiena
- spossatezza e perdita di vigore
- tosse mattutina e muco abbondante e denso (non sono mai stato fumatore)
- sonnolenza serale, ma poi difficoltà a riaddormentarmi se mi sveglio durante la notte
- attacchi di ansia
Ho sempre considerato questi sintomi come indipendenti tra loro, ma mi chiedo se invece presi congiuntamente (dato che stanno aumentando di frequenza tutti insieme) non possano essere campanelli di allarme per qualche intolleranza alimentare. In tal caso, dove è possibile fare un test per l'intolleranza che sia serio e scientificamente attendibile?

[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Nessuno dei sintomi descritti depone per una intolleranza alimentare.
Cionondimeno può sempre effettuare i due tests riconosciuti e validati dalla medicina ufficiale:
1 - BT al lattosio;
2 - anticorpi (AGA-EMA-AtTg) su siero per la Celiachia.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente 156XXX

E allora secondo lei da cosa potrebbe dipendere? Un giorno un sintomo, un giorno un'altro, sono pochi i giorni in cui mi sento fisicamente bene!
Perlomeno sulla lentezza digestiva e sull'acidità nei fine settimana che spiegazione mi potrebbe dare?

[#3] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Molti dei suoi sintomi, come lei stesso scrive, sono di natura ansiogena.

Per quanto riguarda, invece, i sintomi gastroenterologici
sono suggestivi per malattia da reflusso gastroesofageo,
una gastroscopia chiarirebbe il quadro.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente 156XXX

Quali sono generalmente le possibili cause di una sindrome da reflusso gastroesofageo?
Esclusivamente esterni (alimentazione, ecc.) oppure anche interni (nervosismo, infezioni batteriche, ecc.)?

[#5] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Essenzialmente due: Incontinenza cardiale, Ernia Iatale.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#6] dopo  
Utente 156XXX

Ma quindi si tratta di manifestazioni congenite? E' possibile che una persona inizi a soffrire di reflusso in età adulta senza aver avuto precedenti manifestazioni?

[#7] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Sono situazioni che possono esistere dalla nascita come anche maturare in età adulta.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#8] dopo  
Utente 156XXX

Il medico di base mi ha prescritto Gaviscon sospensione, ma appena l'ho preso ho avvertito subito dei sintomi di nausea e senso di stordimento con dei capogiri. Eppure nel foglio illustrativo era evidenziata praticamente l'inesistenza di effetti collaterali.
Secondo lei qual è il problema?

[#9] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Con i limiti della distanza sembrerebbe un fenomeno (ansiogeno?) slegato dall'antiacido.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it