Utente cancellato
Buongiorno,
sono una ragazza di 20 anni. ho recentemente effettuato delle analisi del sangue su prescrizione di uno specialista con cui,però,non ho appuntamento prima di 20 giorni circa.
Ho visto,però,che alcuni valori risultano fuori range e volevo nel frattempo chiarirmi un pò le idee,se possibile.
Se può essere in qualche modo di aiuto,il motivo per cui mi sono state prescritte queste analisi è un controllo generale in quanto soffro di disturbi alimentari.

i valori fuori range sono i seguenti:
ferritina 9 [10-250]
azotemia 8 [10-50]
potassiemia 5,20 [3,6-5,0]
colesterolo 243 [80-200]
trigliceridi 52 [60-150]
lipasi 21 [22-51]
zinco (assorb. atomico) 136 [50-120]
ft3 2,20 [2,30-4,20]
dosaggio 25OH vitamina D3 5,30

gli altri valori,seppure tutti un pò al limite,sono nel range indicato.

alcuni dei valori che ho riportato sono solo leggermente alterati,quindi non credo siano un problema,non credo di dovermi preoccupare,sbaglio?

ma il colesterolo mi sorprende! come posso avere il colesterolo alto se la mia alimentazione è priva di grassi il più possibile? non mangio formaggi,carne,pesce,dolci..si farebbe prima a dire ciò che mangio,piuttosto! eppure ho il colesterolo alto,come si spiega ciò? e come potrei abbassarlo?

inoltre,la vitamina D3 è veramente molto bassa,le analisi riportano come sufficienza valori compresi tra 30 e 100! possibile che sia 6 volte sotto? cosa potrebbe comportare questa carenza?

nel complesso sono tranquilla perchè,in base a quanto riportato,le analisi a me non sembrano poi male,ma non ne so nulla,parlo solo basandomi sui numeri che leggo. cosa ne pensate,dovrei invece essere allarmata?

vi ringrazio

[#1]  
Dr. Gian Luca Michelis

24% attività
0% attualità
0% socialità
SAVONA (SV)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
l'ematologia non si occupa genericamente della lettura degli esami ematochimici, ma delle malattie del sangue e degli organi ematopoietici, ciò premesso a dire che i valori fuori range che lei denuncia andrebbero valutati dallo specialista che gli ha prescritti.
Quello che comunque posso sottolineare, come ematologo, è la presenza di un'ipoferritinemia ( valore basso di ferritina) che rappresenta comunque un evento comune nelle ragazze giovani ed è dovuto, nella maggior parte dei casi, al ciclo mestruale con cui si perdono periodicamente sangue e ferro.
In parte, visto il problema alimentare da lei riferito, potrebbe essere anche dovuto a una carente assunzione di ferro col cibo. Il consiglio è quello di reintegrare i depositi marziali con del ferro per bocca, magari associato all'acido folico. Tutto ciò per prevenire una futura anemia sideropenica.
Cordiali saluti.
Dr. Gian Luca Michelis