Utente 224XXX
E’ da tre giorni che non dormo più e volevo chiedere un consulto. Penso sia utile spiegare prima il calvario fatto fino a qui e poi porre la domanda.
Il 7/2/2011 sono stato operato per l’asportazione di un linfonodo sovraclaveare sinistro di 3 cm e purtroppo come aveva previsto il chirurgo era un linfoma di hodgkin sclerosi nodulare in stadio II-A (mi ha detto l’ematologo che dalla Pet risultava qualche linfonodo vicino a dove era stato trovato il linfonodo di 3 cm asportato ma era poca roba però hanno preferito scrivere II anziché I). Ho fatto 2 cicli di chemioterapia ABVD dopodichè la tac a contrasto mostrava alcuni piccoli linfonodi infra-centimetri laterocervicali a sinistra e un linfonodo sovraclavellare sinistro di 18 mm, ma la Pet era negativa e allora si è passati a 15 gironi di radioterapia allargata al collo. L’ultima chemioterapia l’ho fatta il 18/04/2011 la Pet il 03 maggio e la tac a contrasto il 28 aprile i risultati sono quelli sopra riportati.
La radioterapia l’ho finita il 01/07 e ho fatto i primi controlli in quest’ordine :
01/09/ ecografia al collo risultato non si apprezzano lesioni nodulari, in sede laterocervicale, a tutti i livelli esplorati, non si apprezzano macrolinfoadenopatie di significato patologico
08/09 referto invariato dalla tac del torace del 03/05/11.in particolare invariata la modica prominenza del cono della polmonare .
12/09/11 esami del sangue sballati solo per l’ematocrito a 40 (41.00 – 53.00) però mi han detto che andava bene vista la cura di chemio che avevo fatto e l’alamina aminotransferasi (alt) (gpt) che era 61.
Confermavano a visita del 15/09 la remissione completa
Oggi sono riuscito a farmi fare una visita da un ematologo che mi ha riscontrato “non adenomegalie significative” e mi ha prenotato una ecografia alle ascelle e quando gli ho chiesto un suo parere mi ha detto che per lui non c’era niente ma il motivo del prurito non me l’ha detto. Mi ha detto anche con una malattia come diagnosticatami (favorevole) è più raro che mi ritorni.
Il problema e vengo al dunque è che l’unico sintomo che avevo prima della malattia era il prurito, stavo bene però anche alla fine della terapia non mi era passato e l’ematologo mi ha detto che per lui era una questione mentale. Effettivamente dopo la metà di luglio forse anche più tranquillo mi è passato fino all’altro ieri quando mi è tornato generalizzato ma soprattutto in faccia, non divento matto a grattarmi però durante il giorno mi capita. Ho chiesto anche ad una amica che ha avuto lo stesso male dieci anni fa e mi ha detto che anche lei ai cambi di stagione ce l’ha.Cosa può essere questo prurito? e se possibile un parere anche sul mio caso visto e considerato che ormai anche io non vivo più sereno dopo quello che mi è successo e sapere anche in base al tipo di malattia (diagnosticatami “favorevole” è più raro che mi ritorni ) e di cura (una amica mi ha detto che dopo 10 anni cominciano gli effetti negativi delle cure subite tiroide, polmoni, cuore, ecc.) cosa posso aspettarmi per il futuro Ringrazio per la risposta che vorrete darmi sperando che mi tranquillizzi e mi aiuti a vivere un po’ più sereno

[#1]  
Dr. Michele Cimminiello

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
8% attualità
16% socialità
POTENZA (PZ)
SAN MICHELE DI SERINO (AV)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
La valutazione clinico-strumentale a cui è stato sottoposto ha evidenziato quadro di remissione completa di malattia. E' quindi verosimile che il prurito non dipenda dal linfoma. Potrebbe eventualmente ricercare altre cause (esempio sospetto di allergia). Da luglio non ha più ripetuto la Pet? E' il caso di rifarla?
Diventa donatore di MIDOLLO OSSEO:

Chi dona il MIDOLLO dona la VITA !!!

[#2] dopo  
Utente 224XXX

L'ULTIMO DOTTORE CHE MI HA VISITATO 2/3 GG FA' (CONTROLLO AL TATTO ASCELLE,COLLO E LINGUINE) MI HA DETTO CHE DALLA VISITA FATTA E DAGLI ESAMI DI SETTEMBRE PER LUI IL PRURITO NON E' DERIVANTE DAL LINFOMA. MI HA DETTO ANCHE CHE IL FATTO CHE FINITA LA TERAPIA NON ERA SCOMPARSO, NONOSTANTE LA PET NEGATIVA, DOVEVA ESSERE PIU' UN PROBLEMA DI ANSIA O COLLEGATO AL DIABETE (MELLITO CURATO CON 2 PASTIGLIE AL GIORNO DI METNOFORM 1000 ) CHE ALLA MALATTIA AVUTA. HA ANCHE AGGIUNTO CHE CON IL TIPO DI LINFOMA DA ME PRESO (LOCALIZZATO) C'E' IL 95% DI POSSIBILITA' DI GUARIGIONE DEFINITIVA.
COMUNQUE HO CAPITO CHE NEL PROTOCOLLO DI QUESTO OSPEDALE PRIMA DI FARTI UNA PET O UNA TAC A CONTRASTO DEVONO PROPRIO ESSERE SICURI CHE ESCA POSITIVA (COSA CHE POTREBBE AGGRAVARE LA MALATTIA) E NON PREVENTIVA.
PER LEI QUESTE CONSIDERAZIONI FATTE DAL DOTTORE CHE MI HA VISTO PER ULTIMO SONO CONDIVISIBILI E TRANQUILLIZARMI O COMUNQUE DEVO CONTINUARE A VIVERE CON IL PIEDE LEVATO (CON ANSIA E LEXOTAN A PORTATA DI MANO) FINO ALMENO A CINQUE ANNI DOPO.

GRAZIE PER LA GENTILE RISPOSTA.

[#3]  
Dr. Michele Cimminiello

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
8% attualità
16% socialità
POTENZA (PZ)
SAN MICHELE DI SERINO (AV)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Condivise.
La PET è un esame che non viene fatto per prevenzione.
Stia tranquillo e dia retta al bravo collega che la sta seguendo.
Cordialità
Diventa donatore di MIDOLLO OSSEO:

Chi dona il MIDOLLO dona la VITA !!!