Utente 239XXX
Buongiorno dottori da due mesi esattamente il 22 dicembre,toccandomi il collo ho notato di essere gonfia nella parte destra e ancora adesso noto lo stesso..inizialmente mi sono recata dalla guardia medica senza nessun allarmismo per chiedere cosa potesse essere e la sua risposta è stata che si trattava di uno strappo..pochi giorni dopo per dei dolori addominali mi sono recata in pronto soccorso e mi sono state diagnosticate delle coliche addominali e nelle analisi dell emocromo il valore dei globuli bianchi era di 14.48 quindi superiore rispetto alla norma..il giorno prima avevo eseguito delle analisi complete di routine in cui tutto era perfetto però il valore del tsh era al limite..così mi sono recata dall'endocrinologo per un controllo il quale mi ha prescritto analisi riguardo la tiroide e il medico di base mi aveva già prescritto un ecografia al collo..le analisi sono perfette e anche il tsh era di nuovo nella norma..la settimana seguente mi sono recata a fare l ecografia e in base a questa la tiroide è perfetta,mentre invece avrei due linfonodi quello di destra più ingrossato rispetto a quello di sinistra di aspetto reattivo e un altro linfonodo sempre al lato destro di 8mm a carico delle paratiroidi..avendo a disposizione tutte le cose prescritte dai precedenti medici mi sono recata nuovamente dall'endocrinologo il quale mi ha detto di stare tranquilla in quanto è normale avere i linfonodi ingrossati..il medico di base invece mi aveva prescritto altri esami tra cui monotest,toxoplasmosi,emocromo risultano essere perfetto solo il valore delle igG risulta essere elevato e avendo ripetuto altre analisi questo valore è aumentato a distanza di due giorni..ho fatto altri controlli tra cui dentista,ottorino,infettivologo i quali mi hanno detto che è tutto ok e non si tratta di mononucleosi,ho eseguito anche un'ecografia addome completo in base ai dolori che avevo avuto ed è tutto perfetto..anche l'ematologo mi aveva detto che non si tratta di mononucleosi e mi ha prescritto altre analisi tra cui ves ldh e per curiosità ho fatto anche quelle tumorali perchè sapevo che i linfonodi ingrossati possono significare anche un tumore ma è tutto perfetto..l'ematologo voleva rivedermi ma per altri motivi non sono potuta recarmi da lui..mi sono recata dall'endocrinologo il quale mi ha detto che si trattava di mononucleosi dicendomi che l avrei passata nel periodo di settembre-ottobre..però in quel periodo non ho avuto nessun problema e i linfonodi ingrossati si sono presentati a dicembre..da allora ho avuto altri sintomi tra cui stanchezza che ho tuttora,cambiamento della voce appena alzata,la notte russavo e poi da metà gennaio sudorazioni notturne e febbre continua che non è mai salita oltre 37.6 e prurito sia nella parte posteriore e anteriore del collo,qualche dolore all'addome e certe volte ai fianchi..l infettivologo mi aveva detto che sei il linfonodo persiste per più di tre mesi l'avrebbero aspirato per analizzarlo..aspetto una risposta vi ringrazio.

[#1] dopo  
Dr. Emanuele Meli

24% attività
0% attualità
8% socialità
CATANIA (CT)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2012
Linfonodo ingrossato,febbricola e prurito caratterizzano un quadro clinico di pertinenza ematologica per cui le consiglio da farsi rivedere dallo specialista.
Dr. emanuele meli

[#2] dopo  
Utente 239XXX

grazie per la sua risposta dottore..ieri mi sono recata al pronto soccorso per altri problemi e mi hanno detto che si potrebbe trattare di una malattia auto-immune..lei cosa ne pensa?

[#3] dopo  
Dr. Emanuele Meli

24% attività
0% attualità
8% socialità
CATANIA (CT)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2012
L'ematologo le darà la risposta; credo molto poco alla autoimmunità.
Dr. emanuele meli

[#4] dopo  
Utente 239XXX

come mai lei pensa che non si tratti di qualcosa antiimmune?

[#5] dopo  
Utente 239XXX

di autoimmune dottore..scusi ho sbagliato..

[#6] dopo  
Dr. Emanuele Meli

24% attività
0% attualità
8% socialità
CATANIA (CT)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2012
Ma a lei interessa avere una risposta o fare tante domande per avere tante risposte? Lo specialista che deciderà di consultare le darà quella giusta.
Dr. emanuele meli