Utente 140XXX
Salve, come potrete vedere dal precedente consulto, ho un problema di linfonodi ingrossati.
Qualche anno fa ho percepito un gonfiore, con la lingua, sotto il palato, gonfiore che rientra in bocca se spingo accanto al mento con la mano.
Un dentista, allora, mi disse che si trattava di un linfonodo senza importanza e di non preoccpurami perchè con tutta probabilità sarebbe rimasto così per sempre.
Qualche giorno fa ho risentito quel gonfiore, che avevo dimenticato e mi sono resa conto che effettivamente era ancora lì, ho tastato i linfonodi ed erano gonfi e dolenti, così come sono da anni! La cosa mi ha insospettita ed ho deciso di chiedere un secondo consulto...molto allarmante devo dire!
In seguito a questo ho prenotato un'ecografia, eseguita ieri, un'eco del collo ed ho spiegato al medico che il motivo erano i linfonodi sottomandibolari ingrossati...
Eppure lui ha fatto piu' di mezz'ora di eco senza dire nulla dei linfonodi.
Non avendoli proprio nominati, nel consegnarmi il referto, gli ho esplicitamente domandato dei miei linfonodi..mi ha risposto che è tutto riportabile allo stroma nodulare della tiroide, con aggiunta della tonsillite cronica!
In pratica l'ho già detto ma io ho uno stroma nodulare (da anni, lo tengo sotto controllo ma pare che stia addirittura regredendo) e tonsille criptiche.
La mia domanda è questa...
Posso smettere di preoccuparmi per i linfonodi?
Rimarranno così a vita?
Stroma e tonsille criptiche bastano a giustificare quest'ingrossamento?

Riporto parte del referto:
al controllo ecografico si rilevano alcune linfoadenopatie in sede laterocervicale alta biteralmente e in sede sottomandibolare a sinistra con un diametro massino a sinistra di 11 mm e a destra di 9 mm.

Grazie infinite per il vostro aiuto.
Laura

[#1]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Se ha fatto l'ecografia , se è stato visitato e tranquillizzato è perchè si tratta di linfonodi reattivi (0reagiscono ingrossandosi) che possono persistere ingrossati per tempi variabili anche lunghi.

https://www.medicitalia.it/minforma/oncologia-medica/63-i-linfonodi-o-linfoghiandole-le-adenopatie-ed-il-sistema-linfatico.html
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com