Utente 267XXX
Salve dottore, purtroppo 4 anni fa è stata riscontrata la leucemia linfatica cronica al mio compagno, una malattia che colpisce gli anziani e raramente un ragazzo di 26 anni, e noi rientriamo tra quei casi rari, stiamo sotto cura da un dermatologo molto in gamba, ma il dottore ci dice solo di aspettare, aspettare e basta, perché lui sta bene, ha uno stile di vita normale, va in palestra e sta in forma, ha purtroppo i linfonodi del collo sotto le ascelle e nel pube ingrossati, a volte anche visibilmente, la milza ingrossata circa 7-8 centimetri più del normale.
La terapia è solo quella di aspettare? non si puù fare altro per far si che la malattina non degeneri, il dottore sostiene che finchè il suo stile di vita rimane quello di sempre meglio non fare alcuna terapia, è una opinione che lei appoggia ? Grazie mille ..

[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
La LLC è una malattia, in effetti, che si presentacon una certa frequenza nell'anziano, raramente nel giovane; ritengo che il suo compagn sia stato visitato e valutato da un ematologo; in linea di massima , laddove i valori degli esami si mantengano costanti nel tempo e non ci siano aumenti, l'unica cosa che si fa è proprio un controllo periodico, in accordo con quanto detto dal vostro medico
Un saluto

A. Baraldi