Utente 334XXX
buongiorno dottore!
sono una ragazza di 29 anni.
vorrei segnalarle la mia situazione.anni fa ho cominciato a soffrire di cefalea in seguito all'assunzione di mercilon(pillola),in un mese avevo gonfiore ovunque e il medico la fece sospendere perchè disse che rischiavo una trombosi ma senza esami specifici.poi dopo un breve periodo mi fu prescritta un'altra,arianna,che subito non ha dato problemi da subito ma dopo 1 anno sono ricominciate i mal di testa così il neurologo che mi aveva appena preso in cura mi prescrisse una risonanza dalla quale sono emerse delle minute e sporadiche focalità di sostanza bianca sottocorticale in sede frontale bilaterale,non presi più la pillola,cominciai a curare cefalea ed emicrania con varie cure e solo con l'ultima ho trovato un pò si sollievo.dato che l'endocrinologo mi ha prescritto ancora una volta una cura ormonale a base di enitilestradiolo e androcur,ho evitato di prenderla perchè avevo paura così dopo varie richieste al neurologo mi è stato prescritto lo screening per la trombofilia dalla quale è emerso un deficit della proteina s,13/12/2007 49(V.N.51-130),il 09/04/2008 avevo dolori mestruali e il ciclo mi è venuto poche ore dopo i valori erano 28,8(V.N.51-130),mi è stato richiesto un ulteriore prelievo di controllo di cui sto aspettando i risultati.
le dico subito che non sono incinta e non assumo ormoni perchè so che potrebbero interferire ma sono un pò preoccupata perchè non so in maniera chiara cosa comporta questo deficit.che tipo di problemi potrei avere in futuro?gravidanze?l'endocrinologo,dato che soffro di ovaio micropolicistico,mi ha detto che potrei avere problemi di ovulazione e quindi mancato concepimento e in questo caso sarebbe un problema perchè non potrei avere un aiuto ormonale.
inoltre mi è stato detto dal neurologo che il deficit di proteina s può comportare complicazioni in caso di fratture o interventi chirurgici.
di fratture(non scomposte)ne ho avute parecchie(3-4 volte almeno e quasi sempre alle braccia)e di interventi ne ho subiti due,un'appendicectomia 11 anni fa e un IVG 8 anni fa.
nel caso i valori di proteina s dovessero risultare bassi ancora una volta è stato richiesto il prelievo anche ai miei genitori.
la ringrazio cortesemente e spero possa essermi d'aiuto.
p.s. dimenticavo...sono celiaca da 11 anni!

[#1]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile Signora,

la proteina S ha una funzione protettiva per evitare un eccesso di coagulazione. Un valore basso può verificarsi o per difetto di produzione su base genetica o se il dosaggio è stato eseguito mentre lei prendeva la pillola o se ci sono state problematiche di patologia epatica; quindi , se questo valore è costantemente basso, anche in assenza di assunzione della pillola, sarebbe opportuno un controllo suo e dei suoi genitori presso un centro ematologico che tratti il problema rischio trombotico in modo da fare uno screening completo e le regole da seguire per il futuro.
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 334XXX

grazie per la celere risposta,quelli che non so,sono i rischi e le norme da seguire....
ancora grazie!!!

[#3]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Alla fine dello screening presso uno di questi centri si potrà fare una valutazione finale sul rischio trombotico e le suggeriranno quali precauzioni eventuali prendere nell'utilizzo di farmaci ( sospendere o no la pillola ) ed in funzione anche di una eventuale sua futura gravidanza
Un saluto

A. Baraldi