Emicrania parte posteriore destra

Buongiorno. Mi chiamo Fabio, sono un ragazzo di 19 anni e volevo presentarvi un disturbo che si presenta da un po' di tempo.
Premetto che come capita a molti, sono soggetto anche io (circa 3,4 volte al mese) a episodi di emicrania che, se particolarmente forte, risolvo assumendo Aulin, Ketodol, Aleve ecc... con esito soddisfacente.
Il mio problema si è presentato circa 10 mesi fa, quando l'emicrania anzichè presentarsi con dolori su entrambe le tempie si è prima spostata sulla tempia destra, poi dopo un po' di tempo sulla parte superiore destra ed infine ora si localizza nella parte posteriore destra della testa. Il dolore lo risolvo sempre assumendo gli antidolorifici descritti prima; la mia preoccupazione sta in questo strano sito dove risiede il dolore. Cosa potrebbe essere? Che esami mi consigliate?
In attesa di una vostra riposta, porgo distinti saluti
[#1]
Dr. Luigi Vicari Anestesista 16 1
Buongiorno Fabio.
Quello che ti è accaduto rappresenta semplicemente una normale evoluzione della tua emicrania ed è molto frequente che si verifichi nei pazienti affetti da cefalea una modificazione nel tempo della sede del dolore.
La tua giovane età difficilmente fa pensare all'insorgenza di una qualche patologia sottostante (in particolare cerebrale). Tuttavia, in questo ultimo caso, oltre al modificarsi della "sede" del dolore, dovresti avere altri sintomi... in particolare sintomi di natura neurologica (dsturbi transitori della motilità o della sensibilità, disturbi della vista, ecc ecc). Ma tu non hai riportato niente di tutto questo, almeno non hai scritto niente di questo.
Ad ogni modo, eventuali esami sarebbero rappresentati da indagini radiologiche (TAC o RM) ed esami del sangue. Ma in assenza di una sintomatologia di accompagnamento oltre la cefalea, molto probabilmente questi esami risulterebbero inutili.
Resto comunque a tua disposizione per altri chiarimenti.

Dr. Luigi Vicari
Specialista in Anestesia-Rianimazione
e Terapia del Dolore

[#2]
dopo
Attivo dal 2008 al 2010
Ex utente
Egregio Dott. Vicari,
la ringrazio molto per la sua disponibilità e per la sua spiegazione. E' stato molto esaudiente. Ad ogni modo mi ero dimenticato di scriverle che in effetti ho avuto un peggioramento ma molto lieve della vista, anche se a mio modo di vedere non lo ritengo collegato al disturbo per il quale l'ho contatta; il peggioramento riguarda difficoltà a vedere oggetti lontani, e a volte visione sfocata. In ogni caso a Settembre provvederò a fare una TAC o RM per sentirmi più tranquillo per quanto riguarda la cefalea, e una visita da un oculistia per il lieve disturbo alla vista;
non appena avrò gli esiti glieli comunicherò immediatamente.
Concludo ringraziandola e porgendole distinti saluti.

Fabio
[#3]
Dr. Luigi Vicari Anestesista 16 1
Aspetto allora sue nuove notizie.

Buona Giornata

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa