Utente 277XXX
Salve. Ho 35 anni, peso 83 kg per 163 cm di altezza. Soffro di sindrome ansiosa. Ho ritirato questa mattina gli esami del sangue (a cui mi sottopongo ogni anno). In attesa di recarmi dal medico curante, desidererei un Vostro parere in merito. Vengo da una dieta molto ferrea (mea culpa), ho eseguito gli esami dopo una settimana dalla fine del ciclo e con un infezione ad un tatuaggio. Ecco i valori che mi preoccupano:

Ematocrito 35,9 (valori da 37-47)

Vol Cell. Medio 75.5 (valori da 81-99)

Cont. Medio Hgb 25.7 (valori 27-31)

MPV 6.8 (da 7.4 a 10.4)

Ferritina 7 (10-291)

Globulina Beta 1 8.30 (da 4.7 a 7.2)

Tutto il resto è nella norma, compresa la sideremia, solo il colesterolo è un po' alto. L'emoglobina è a posto.

Può essere il tutto dato da un'alimentazione scarsa in carne, frutta e verdura?

Grazie

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Sig.ra,
La invito a inviare almeno l'emocromo completo.
Trovo sinceramente di cattivo gusto che Ella decida quali dati sottoporre alla nostra attenzione e quali Ella ritiene che siano nella norma.
Perdoni la franchezza.
Sicuramente vi è una microcitemia e parrebbe una lieve carenza marziale, le cui cause possono essere molteplici e vanno indagate con l'ausilio del Suo Curante che conosce la Sua storia clinico - anamnestica.
La frase "tutto il resto è nella norma" a cosa si riferisce e che cosa significa?
Cordialità

[#2] dopo  
Utente 277XXX

Buongiorno, Dr. Caldarola. Mi scuso, ma il mio intento era solo quello di non essere troppo prolissa. Le riporto volentieri tutti i risultati. La prossima settimana mi recherò dal mio curante.

Leucociti: 6.9 (4-10.8)
Eritrociti 4.76 (4.20-5.40)
Emoglobina 12.2 (12-16)
Ematocrito 35.9 (37-47) *
Vol Cell Medio 75.5 (81-99) *
Cont medio Hgb 25.7 (27-31) *
Conc media Hgb 34.1 (32-36)
RDW 14.5 (11.5-15.5)
MPV 6.8 (7.4-10.4) *
PDW 16.3 (0.00-99.9)
PCT 0.194 (0.00-0.99)

Forma Leucocitaria
Neutrofili 62.8 (43-65)
Linfociti 27.9 (20.5-45.5)
Monociti 7.3 (5.5-13.5)
Eosinofili 1.2 (0.5- 5.0)
Basofili 0.8 (0.2- 1.5)
Neutrofili 4.3 (1.8 - 6.7)
Linfociti 27.9 (20.5- 45.5)
Monociti 0.5 (0.3- 1.0)
Eosinofili 0.1 (0.0- 0.6)
Basofili 0.1 (0.0- 0.2)

VES 32 (1-20)

AZOTEMIA 19 (15-45)

CREATININEMIA 0.76 (0.60-1.20)

GLICEMIA 111

PROTEINE S/U 7.3 (6.6-8.7)

ELETTROFORESI PROTEICA S

Albumina 55.70 (55.8 - 66.1) *
Globulina alfa 1 4.40 (2.9- 4.9)
Globulina alfa 2 8.80 (7.1- 11.8)
Globulina beta 1 8.30 (4.7- 7.2) *
Globulina beta 2 5.70 (3.2- 6.5)
Globulina Gamma 17.10 (11.1- 18.8)
Proteine totali 7.3 (6.6- 8.7)

ASPARTATO AMINOTRANSFERASI AST GOT 22 (5- 36)

ALANINA AMINOTRANSFERASI ALT GPT 22 (5- 28)

GAMMA- GLUTAMIL-TRANSPEPTIDASI 15 (6- 38)

COLESTEROLO TOTALE 244

COLESTEROLO HDL 48

COLESTEROLO LDL 169


TRIGLICERIDI 138

URICEMIA 4.7 (2.5- 7)

BILIRUBINEMIA TOTALE 0.50 (fino a 1.2)

SIDEREMIA 75 (50-170)

PROTEINA C REATTIVA 0.26 (<0.50)

OMOCISTEINA PLASMATICA 10.7 (<13)

FERRITINA 7* (10-291)

ALBUMINA 4.3 (3.5- 5.2)

Cosa significa microcitemia?

Grazie

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Sig.ra,
microcitemia significa che i suoi globuli rossi sono più piccoli e contengono meno emoglobina rispetto alla "norma".
Ciò è tipico delle anemia da carenza di ferro ma può essere connesso con uno stato di portatore di di talassemia.

Nel suo caso, con una sideremia nella norma e una ferritina bassa sarei più propenso a ritenere che la sua microcitemia sia legata alla carenza marziale, anche se non si può parlare "propriamente" di anemia con 12.2 di Hb, in una donna.
Inoltre, ha dimenticato di copiare il numero delle Piastrine (PLT).
Non ravvisando situazioni di "emergenza" la invito alla tranquillità: le situazioni che provocano la mobilizzazione del ferro di deposito (la ferritina) possono essere tante e nelle donne la causa più frequente è un flusso mestruale abbondante(menorragia) o troppo frequente e non legato al ciclo sessuale (metrorragia).
Anche una dieta povera di ferro assimilabile può indurre il depauperamento delle riserve marziali.
Infine va esclusa una causa spesso trascurata da molti clinici: il sanguinamento occulto dal tratto gastrointestinale, tanto più che può essere facilmente accertato con la ricerca di Sangue Occulto Fecale su tre campioni.
Concludendo il mio consiglio è il seguente:
1) ripeta l'emocromo completo (con piastrine) e se è in possesso di vecchi esami emocromocitometrici paragoni i valori attuali con quelli più datati.
2) Esegua un completo studio del pattern marziale (sideremia/ferritinemia/transferrinemia/ indice di saturazione della trasferrina).
3) Esegua una Elettroforesi dell'Emoglobina per confermare o escludere la eventuale coesistenza di un trait talassemico.
4)Faccia la ricerca del sangue occulto fecale, con metodica di ultima generazione, su tre campioni raccolti per tre giorni di seguito.
5)Valuti se vi siano le condizioni, che ho elencate, che potrebbero averLe provocato un depauperamento dei depositi di Ferritina.
Si tratta esclusivamente di suggerimenti che non vogliono e non possono essere imposti al Suo Curante, al quale La rimando anche per valutare più approfonditamente oltre al suo profilo "lipidico" anche quello glucidico, se lo stesso lo riterrà opportuno.
Se lo desidera mi tenga informato.
Cordiali saluti.





[#4] dopo  
Utente 277XXX

Grazie mille Dr. Caldarola per la sua dettagliata risposta.
Ho controllato gli esami dell'anno scorso. Nell'emocromo l'unico valore "sballato" e tra l'altro uguale a quello di quest'anno è l' MPV.

L'esame della ferritina, sideremia ecc non era stato fatto.

In famiglia credo che mio padre fosse lievemente anemico, mio fratello lo è (infatti non può donare sangue ma solo plasma) e io lo sono stata in passato.

Ho cicli abbondanti, in effetti. L'anno scorso ero in amenorrea, ma quest'anno il ciclo è ripartito da gennaio 2014 per ogni mese. Inoltre, come Le dicevo, ho purtroppo fatto delle diete molto povere di carne, frutta, verdura e legumi e mi sa che ne sto pagando le conseguenze.

Partendo dal presupposto che comunque sentirò il mio medico curante, dopo quanto tempo dovrei secondo Lei ripetere l'emocromo e gli altri esami?

Per quanto riguarda la ricerca del sangue occulto fecale, chiederò questo esame al medico e non Le nego che la cosa mi spaventa molto (sono ipocondriaca), anche se credo che il tumore del colon/retto sia raro alla mia età.

In passato, anche in occasione del parto, sono stata sottoposta a molti esami ematici ma non mi è mai stato riferito di essere portatrice di talassemia

Mi scusi, le piastrine me le sono dimenticate: 283 (130 - 450)

Grazie ancora e buon lavoro!

[#5] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Sig.ra,
se riferisce casi di "anemia" in famiglia c'è un motivo in più per effettuare una banale elettroforesi dell'Hb.
Sicuramente la combinazione tra la dieta "incongrua" e le perdite ematiche con il ciclo possono spiegare la ferritina bassa e la microcitemia.
Non sia in ansia per il suangue occulto fecale: in un consulto a distanza, non conoscendo la Sua storia clinica, io devo escludere tutte le cause di anemia. Compreso uno stillicidio cronico, per esempio, da una banalissima ernia jatale di cui lei non è a conoscenza perchè asintomatica. Alla patologia neoplastica delle vie digestive neanche ci pensavo.
Poichè l'esame è molto semplice e poco costoso, se il Suo medico lo riterrà opportuno potrà prescriverlo.
Le PLT sono pienamente nel range di normalità.
Stia tranquilla: valuti con il suo medico l'opportunità di una terapia marziale per bocca o per EV e ripeta l'emocromo a conclusione della medesima.
Mi tenga informato, se ne ha piacere.
Cordialità.


[#6] dopo  
Utente 277XXX

Buonasera Dottore. RItorno dopo un mese per aggiornarla. Ho seguito il Suo consiglio sottoponendomi all'esame del sangue occulto sulle feci (ma su un campione): risultato negativo.
Il mio medico di base non ha ritenuto di dovermi prescrivere un'integrazione di ferro ma mi ha semplicemente detto di modificare la dieta, introducendo più carne.
Io ho solo iniziato a prendere un blando integratore di vitamine e ferro, senza fare nomi, quello "dalla A alla Z", per intenderci.
Dopo un mese ecco i risultati delle nuove analisi:

LEUCOCITI 7 (4-10)
ERITROCITI 5.05 (4.20-5.40)
EMOGLOBINA 13.1 (12- 16)
EMATOCRITO 39.6 (37-47)
VOL.CELL.MEDIO 78.6 (81-99) *
CONT. MEDIO HGB 25.9 (27-31) *
CONC. MEDIA HGB 32.9 (32-36)
RDW 15.4 (11.5-15.5)
PIASTRINE 307 (130-450)
MPV 6.9 (7.4-10.4) *
PDW 16.6 (0.00- 99.9)
PCT 0.211 (0.00-0.99)

FORMA LEUCOCITARIA

NEUTROFILI 59.3 (43.0- 65.0)
LINFOCITI 31.1 (20.5-45.5)
MONOCITI 7.5 (5.5-13.5)
EOSINOFILI 1.7 (0.5-5.0)
BASOFILI 0.4 (0.2- 1.5)
NEUTROFILI 4.4. (1.8-6.7)
LINFOCITI 2.2 (1.3-2.9)
MONOCITI 0.5 (0.3-1.0)
EOSINOFILI 0.1 (0.0-0.6)
BASOFILI 0.0 (0.0-0.2)

GLICEMIA 113

TRANSFERRINA 381 (200- 360) *

COLESTEROLO TOTALE 223 (130-200)

COLESTEROLO HDL 52 (42-85)

COLESTEROLO LDL 138 (0-130)

SIDEREMIA 139 (50-170)

FERRITINA 11 (10-291)

Cosa ne pensa?

[#7] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Utente,
la ferritina ai valori bassi del range e la transferrina alta fuori range, indicano che le sue riserve di ferro sono deplete.
La Sideremia è nella norma, ma quest'ultima è un parametro meno significativo della ferritina e della transferrina e soggetto a molte variabili.
Leggendo l'emocromo vedo che ha recuperato anche un grammo/dl di emoglobina, che è un ottimo segnale.
Se il Suo medico ha ritenuto di non somministrarle una implementazione di ferro, deve fare come dice il suo medico: le ricordo che oltre alla carne anche i legumi sono ricchi di ferro facilmente assimilabile. Le ricordo altresì che se mangia i legumi deve tenere conto del loro valore calorico, nel contesto della dieta.
Lasci stare spinaci et similia perchè, differentemente dalle leggende metropolitane, nelle verdure ci sono componenti che si complessano con il ferro e ne impediscono l'assorbimento. Con questo non voglio significare che si deve privare dell'insalata!! :-)
Per quanto riguarda i flussi mestruali abbondanti, si consulti con il suo ginecologo di fiducia, e faccia valutare l'opportunità di una terapia per rendere le sue mestruazioni meno abbondanti.
Tutti i valori sono perfettamente nel range: ematochimicamente non rilevo nulla di anomalo. Porti comunque le analisi dal suo medico, io le fornisco solo un parere a distanza.
Rimane la "anomalia" di globuli rossi piccoli e con contenuto emoglobinico inferiore alla norma.
Alla luce della "familiarità" riportata della anemia ( suo padre e suo fratello) rinnovo, ove il collega curante lo ritenga opportuno, il consiglio di eseguire una banale elettroforesi della Emoglobina: esame di routine, poco costoso, e utile nello svelare un eventuale trait talassemico come già ricordatole la volta scorsa. Anche a scopo meramente chiarificativo.
Ad ogni modo non vedo motivi che debbano indurla a preoccuparsi.
Grazie per la fiducia riposta e mi scriva pure quando vuole.
Con simpatia.

[#8] dopo  
Utente 277XXX

Buongiorno e grazie per la Sua gentilezza.
Mi sono informata meglio riguardo alla presunta anemia di mio fratello e mio padre. In realtà si parla di emoglobina nei limiti inferiori, quindi credo non vera e propria anemia.
Per quanto riguarda l'anomalia dei globuli rossi piccoli, da profana, ho visto che i valori stanno salendo molto lentamente: è positivo? E quest'anomalia non c'entra niente con la ferritina bassa? Io pensavo che i globuli rossi fossero più piccoli proprio per gli scarsi livelli di ferritina...

Secondo Lei, posso escludere perdite di sangue occulto (esame che poi è risultato negativo nelle feci) e imputare il tutto ad una dieta troppo restrittiva e povera in tutto (non mangiavo legumi, nè carne...per 3 mesi ho fatto davvero la fame).

Lavorerò sodo per incrementare le mie riserve di ferro :)

[#9] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Sig.ra,
una anemia ferropriva è per definizione anche microcitica.
Tuttavia allo stato attuale, il suo emocromo ha riguadagnato i valori di emoglobina normali: 13.1 gr/dl è un valore eccellente per una donna.
Quindi allo stato dei fatti lei non è anemica.
Tuttavia MCV ed MCH continuano a essere bassi.
Perdoni la mia caparbietà ma io continuo a insistere che Ella dovrebbe eseguire una ELF dell'emoglobina che costa 18 EUR ca se eseguita privatamente.
Mi permetto di dissentire sulla mancata prescrizione di una integrazione di ferro: non esiste solo il Solfato di Ferro che può dare fastidi gastro - intestinali ma anche prodotti a base di lattoferrina, venduti come integratori, che migliorano l'assorbimento del ferro e sono privi di effetti collaterali.
Che la ferritina stia risalendo, sia pure lentamente, associato alla negatività della ricerca di sangue occulto fecale, ancorchè su un campione, è un buon segno.
Mi chiedo perchè non su tre campioni come prevedono le linee guida, ma è una mia personale riflessione.
Concludendo: nei nostri discorsi lei ignora sempre l'argomento "flusso mestruale abbondante": potrà introdurre tutto il ferro che vorrà ma se continuerà ogni 28 giorni a perderlo con le sue menorragie, i suoi valori di ferritina non risaliranno mai alla norma.
E' come cercare di riempire brocca di acqua che ha un foro alla base, giusto per usare una metafora banale.
Spero di essere stato esaustivo.
Resto a disposizione per ulteriori chiarimenti, ove richiesti.
Buona settimana!
Con simpatia.


[#10] dopo  
Utente 277XXX

Grazie ancora per la Sua risposta molto chiara.

Ho riguardato per curiosità gli esami effettuati un anno fa.

LEUCOCITI 7.7 (4.0-10.8)
ERITROCITI 5.34 (4.20- 5.40)
EMOGLOBINA 14.9 (12-16)
EMATOCRITO 44.8 (37-47)
VOL. CELL MEDIO 83.9 (81-99)
CONT. MEDIO HGB 27.9 (27- 31)
CONC. MEDIA HGB 33.3 (32- 36)
RDW 12 (11.5-15.5)
PIASTRINE 262 (130-450)
MPV 6.8 (7.4- 10.4) *
PDW 16.6 (0.0- 99.9)

Voglio proprio sottopormi quanto prima all'esame da Lei indicato. La mia perenne ansia mi porta a chiederLe: sospetta qualcosa di "grave"?

Per quanto riguarda l'esame sul sangue occulto fecale: è la prima volta che lo faccio e pensavo bastasse un campione soltanto (come fa mia madre ogni due anni su richiesta dell'Asl, credo, che manda l'invito a casa per sottoporsi a questo esame). Secondo Lei, dovrei rifarlo?

Per quanto riguarda, infine, il ciclo mestruale: ho avuto periodi di abbondanti mestruazioni, ma da qualche tempo a questa parte tutto è rientrato nella normalità.

Buona settimana a Lei!

[#11] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Carissima Signora,
come vede è importante la visita medica diretta perchè non si creino fraintendimenti o si ometta di portare esami datati con cui fare un raffronto.

Alla luce dell'emocromo di un anno fa, quando probabilmente il suo pattern marziale era normale, MCV e Concentrazione Media HGB erano nella norma.

Questo chiarisce che, probabilmente passato sotto silenzio sintomatico, ella per la carenza di ferro verosimilmente da dieta incongrua+menoraggie, ha avuto una classica e severa anemia microcitica sideropenica, della quale i valori citati devono ancora normalizzarsi.

Alla luce dell'emocromo che mi ha inviato, è superfluo l'esame che le ho consigliato ed il quadro è molto più chiaro.
Nè temo patologie ematologiche degne di nota perchè non avrei esitato a esprimere i miei dubbi diagnostici.
Questo è il limite dei consulti online e il motivo per cui raccomandiamo un consulto reale presso il proprio curante.

Per quanto riguarda il sangue occulto fecale,la ASL funziona al risparmio :-) ed è già tanto che questo importante e semplice test di screening sia offerto gratuitamente su un solo campione.

Per quanto riguarda il suo caso, se è risultato negativo e dato che la ferritina con la dieta sta salendo per il momento soprassediamo.
E' sufficiente quello su un solo campione, che è negativo.

Mi ha anche chiarito che i suoi problemi mestruali si sono risolti, mentre io pensavo il contrario..

Valutando tutte queste preziose informazioni,concludo: deve solo avere la pazienza di ripristinare le riserve di ferro depauperate: la lattoferrina essendo un integratore senza obbligo di ricetta posso, in via del tutto eccezionale, consigliarglielo: chieda al suo Farmacista il nome commerciale più noto e lo assuma lontano dai pasti. Il prezzo dell'integratore è di 14 EUR circa. Non dovrebbe darle alcun fastidio se non è intollerante al latte. Non occorre ricetta medica e si trova anche nelle parafamacie.
Ovviamente all'integratore continui ad affiancare l'introduzione di cibi ricchi di ferro prontamente assimilabile: carni, pesce, legumi.
Tra DUE mesi ripeta gli esami già fatti e se vuole mi ricontatti.
Nel frattempo non cada preda di un'ansia che non ha ragione di sussistere.
Spero di rileggerla.
Con simpatia.


[#12] dopo  
Utente 277XXX

Grazie mille per la dritta sulla lattoferina che sicuramente acquisterò, Le farò sapere.