Utente 729XXX
Buon giorno!ho 26 anni. vi spiego la mia situazione... a dicembre 2007 inizio ad avere sentori di febbre. Alla sera, qualche brividino,e inizio a sentire un piccolo dolore alla deglutizione sulla parte destra e mi dicevo "mi sa che domani mi viene un febbrone da cavallo" invece niente, il giorno dopo febbre scomparsa, le sere seguenti di nuovo. Magari andavo al cinema e mentre tutti si toglievano la giacca io me la tenevo perchè avevo i brividi, misurandomi la febbre ho riscontrato un 37,2 una volta, dopo di che sempre da 36,6 a 36,9. Nonostante ciò avevo i brividi forti, stanchezza, sempre fastidio alla deglutizione. una notte mi sveglio tutta tagliata sull'addome e sul seno. Prurito diffuso di notte senza eritemi evidenti. mi era già capitato in passato ma in modo meno evidente. IniZIA poi la sudorazione notturna.
quando vado dalla dottoressa mi fa spaventare perchè mi dice potevo avere un linfoma, una leucemia e chi più ne ha più ne metta.
Io sono ipocondriaca. Sono subito caduta in depressione e mi sono sentita anche peggio di come stavo.
esami del sangue del 12-01-08
emocromo nella norma
ves 10
glicemia 72
creatinina 0.6
ast 18
alt 15
gamma gt 11
proteina c reattiva 0.04
quindi nella norma
TSH 1.776
Widalright (il valore era un pò sballato perche 3 anni fa ho avuto la salmonella
cytomegalovirus igG NEGATIVO
HIV NEGATIVO
UROCULTURA NEGATIVA

RX torace negativo
ECO addome nnegativo
Esame feci negativo

Tutto apposto, ma io continuavo a non star bene. avevo sempre sensazione di febbricina, stanchezza, sudavo di notte, e avevo sempre fastidio a deglutire. la mia dottoressa però diceva che la gola sembrava normale.

Mi mandano però a fare una eco al collo per scrupolo.

eco di marzo
in regione laterocervicale bilateralmente si apprezzano alcuni linfonodi di diametro compreso tra pochi millimetri e 1,5 cm circa, la maggiorparte con morfologia ovalare ed ilo ben rappresentato di aspetto reattivo.
A dx a livello II si apprezza un linfonodo di diametro massimo di 19 mm con corticale discretamente ispessita e ilo assottigliato. allo stesso livello a sx è apprezzabile una formazione linfonodale di morfologia ovalare , ma con struttura ipocogena del diametro di 12 mm tali formazioni linfonodali non presentando franche caratteristiche di sospetto sono comunque meritevoli di monitoraggio.

sono poi andata da un ematologa. la quale non ha ritenuto opportuno una verifica citologica. però richiede il parere di un otorino
Sono stata dall'otorino 4 volte e il referto è stato sempre lo stesso.

tonsille con iperemia dei pilastri palatini
alla 5 visita: recidiva di tonsillite, attualmente iperemia e cianosi dei pilastri palatini anteriori.

Ogni tanto vedevo dentro la gola macchioline bianche che poi sparivano.
Continuavo però a non star bene, sempre sensazione di malessere come quando si cova una febbre da cavallo che poi non si presenta.
deglutendo sentivo come se avessi avuto una nocciolina incastrata in gola.

Torno dall'ematologa perchè dice che comunque i linfonodi sono da tenere sotto controllo per assicurarsi che non sia un tumore ( e la mia ipocondria mi mette ko)

eco al collo di maggio 2008
nel complesso il referto è sovrapponibile al precedente. appaiono stabili per dimensioni le note formazioni linfonodali con corticale ispessita ed ilo assottigliato o non visibile a livello dx di 15 mm e sx di 12 mm
esami del sague di nuovo nella norma
ves, pcr, LDH, beta2microglobulina, rame (valore leggermente al di sotto)
ANA,ANCA, ENA assenti
Vado dall'ematologa mi fa la visita e mi dice che mi vuole rivedere a settembre.

Durante l'estate al mare mi passa tutto, sesanzatione di febbre, pruriti sudorazioni, problemi a deglutire.
Il dolore e alla deglutizione mi torna solo il 15 agosto dopo che aveva piovuto tutto il giorno e faceva freddino al mare. Alla sera avevo male a deglutire e la macchiolina bianca nella gola.

oRA DEVO rifare la tiritera di esami che mi sta esaurendo.
Ho fatto gli esami del sangue 26/o8
Emocromo tutto nella norma
Ves 13
glicemia 77
azotemia 39
creatinina 0.7
proteina totali 7.6
ast 18 alt 12 LDH 254
PROT C REATTIVA 00.5
nella norma anche aslo e reuma test
Elettroforesi delle sieroproteine
albumina 56.7 nella norma
alfa 1 2.3 nella norma beta 10.3 nella norma
gamma 19.8 ( 10.00- 19.00) leggermente sopra il valore
ipergammaglobulinemia policlonale.

colonscopia nella norma

ora mi attende una nuova eco al collo (vorrei tanto non farla non ne posso più

Ora sono tornata dalle vacanze sono a casa da un pò e la temperatura si è un pelo abbassata. Ho di nuovo fastidio a deglutire, qualche macchia bianca in gola che va e viene, ho già avuto raffreddore e influenza, nevralgia al cavo orale, sensazione i infiammazione. e sta notte ho avuto di nuovo per la prima volta dopo mesi un caso di prurito diffuso di notte senza eritemi.

volevo chiedervi: sappiamo tutti che ho i linfonodi sotto controllo e che il prurito diffuso è il primo dei sisntomi di un linfoma... ma potrebbe essere causato anche da questa specie di tonsillite che va e viene?


[#1]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Personalmente posso ipotizzare un problema delle tonsille che può incidere anche sui linfonodi del collo che assumo aspetto reattivo. Lei parla di macchioline bianche in gola ma le vedeva sulle tonsille ? Comunque ritengo debba valutare il tutto con un bravo otorinolaringoiatra.
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 729XXX

grazie dottore. ci sono stata oggi e nuovamente mi ha diagnosticato tonsillite persistente.
Il problema è che io sono spaventata, a volte mi capita di sudare di notte e di di avere prurito generalizzato. Ho letto che sono sintomi di un linfoma.
Mi sembra di impazzire, chiedo a tutti se capita di avere sudorazione e prurito di notte qualche volta. Continuo a fare esami e continuo ad avere paura

[#3]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Mi scusi ma cerchi di ragionare, il prurito e la sudorazione non devono per forza essere ascrivibili ad un linfoma, staremmo freschi se così fosse; io concordo con il suo medico; magari ne parli anche con la sua ematologa , ma senza drammatizzare
Un saluto

A. Baraldi