Utente 313XXX
buonasera dottori, da ormai 3 mesi a questa parte vivo in una condizione che non mi consente di svolgere una vita normale. gia da un paio danni soffrivo di lievi sintomi (ma facilmente gestibili) ai quali non sapevo darmi spiegazioni e che nell'ultimo periodo si sono notevolmente accentuati. cercando informazioni in rete ho trovato molti riscontri nei sintomi causati dall'ipotiroidismo. tutto è iniziato con problemi a livello cutaneo, acne e dermatite seborroica che il dermatologo ha attribuito al forte stress sopratutto lavorativo che mi stava condizionando, nelle settimane seguenti sono comparsi altri sintomi tali da non riuscire a lavorare e la situazione è diventata sempre più ingestibile. i sintomi in questione sono i seguenti: pallore intenso e gonfiore palpebrale persistente, stanchezza tutto il giorno anche dopo lungo riposo (e difficoltà ad alzarmi anche dopo 10 ore di sonno), pelle oleosa e secca allo stesso tempo, dolori muscolari, cattiva digestione, stress e depressione, perdita di peso e grande difficolta a riprenderlo, aumentata sensibilità sia alla luce solare che degli schermi, forte sensibilità al freddo, stitichezza.... Alla visita di controllo per la dermatite ho approfittato per descrivere il mio malessere al dottore il quale ha pensato proprio ad una possibile condizione di ipotiroidismo e mi ha consigliato di effettuare delle analisi complete. eseguite e fatte visionare dal mio medico di base, mi ha detto che risultava tutto perfetto tranne appunto la tiroide dove si rileva una lieve forma di ipotiroidismo: FT3 4,07 - FT4 1,20 - TSH 4,59. Il medico mi ha confermato che questa condizione seppur lieve può essere la causa di tutti quei sintomi di cui soffro, ma senza sottovalutare il mio non buono stato psicologico dato che anch'esso gioca un ruolo importante nello scatenare certi sintomi e pertanto mi ha consigliato anche di consultare uno psicologo. quanto all'ipotiroidismo mi ha detto di rifare le analisi tra un mese per poter confrontare i valori ed iniziare una terapia adeguata. Non si riesce ancora a capire bene se è una condizione fisica la causa di questi sintomi depressione compresa o se viceversa è il mio stato psicologico a causare tutto ciò, ma personalmente trovo difficile credere che lo stress e la depressione possano dar vita in cosi breve tempo ad una tale varietà di sintomi vista anche la loro palese evidenza. vorrei sapere il vostro parere in merito e se condividete quanto detto dal mio medico, eventuali consigli.... ho letto che la terapia per l'ipotiroidismo prevede l'assunzione dell'ormone a vita, una volta sopperita la carenza tramite il famaco i sintomi regrediscono del tutto? attendo vostre risposte, grazie.

[#1] dopo  
Dr. Andrea Del Buono

28% attività
4% attualità
12% socialità
CELLOLE (CE)
SANTA MARIA CAPUA VETERE (CE)
SPARANISE (CE)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,
la diagnosi fatta dal suo medico è giusta. Si tratta di ipotiroidismo subclinico che non necessita di trattamento sostitutivo al momento. E' opportuno monitorare la funzione tiroidea. In caso di peggioramento deve iniziare la terapia che sarà a vita purtroppo.
Cordiali saluti
Dott. Andrea Del Buono
Endocrinologo - Diabetologo

[#2] dopo  
Utente 313XXX

salve dottore, grazie per la risposta. Ha confermato ciò che ho letto riguardo la terapia... dunque una volta verificatosi l'insorgenza di ipotiroidismo non cè alcuna possibilità che la tiroide possa tornare a funzionare anche in soggetti di giovane età come la mia? Nella visita presso il mio medico di base da quello che mi ha detto mi è parso di capire che questa mia condizione seppur lieve dovrà comunque essere trattata... lei sostiene che al momento non cè bisogno di seguire la terapia sostitutiva.. ovviamente potrei essere solo che contento se non dovrò necessariamente assumere il farmaco a vita, ma il fatto è che nonostante la lieve entità accuso diversi sintomi in maniera talmente accentuata da non permettermi di svolgere normalmente le attività quotidiane percui se non dovrò seguire la terapia con l'ormone come dovranno essere trattati questi sintomi? dovrò tenermeli e continuare a star male o esistono altre soluzioni? grazie

[#3] dopo  
Dr. Andrea Del Buono

28% attività
4% attualità
12% socialità
CELLOLE (CE)
SANTA MARIA CAPUA VETERE (CE)
SPARANISE (CE)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
Purtroppo su questo è difficile dare una risposta a distanza. Propenderei per una scarsa associazione.
Saluti
Dott. Andrea Del Buono
Endocrinologo - Diabetologo

[#4] dopo  
Utente 313XXX

Salve dottore, con scarsa associazione cosa intende dire? che i miei sintomi non vanno associati ad ipotiroidismo ma a qualcos'altro? prima di arrivare all'ipotesi "ipotiroidismo" il mio medico mi diceva che poteva trattarsi di anemia o di qualche carenza a livello alimentare ma dalle mie analisi si evince che si trova tutto nella norma e in buone condizioni tranne i valori tiroidei.. informandomi su ciò che puo essere causato dall'ipotiroidismo trovo lunghe liste di sintomi molti dei quali effettivamente confondibili con tante altre condizioni comuni, tuttavia ne riscontro diversi e di vario genere da diverso tempo alcuni comparsi nello stesso periodo in cui altri si sono accentuati. le scrivo quelli che sono i più evidenti e che mi danno più problemi: pallore del viso e gonfiore palpebrale persistente anche dopo lungo riposo, stanchezza e grande difficoltà ad alzarmi anche dopo 9-10 ore di sonno, forte sensibilità al freddo, battito accelerato dopo minimo sforzo, stitichezza, perdita di peso e difficoltà a riprenderlo, pelle secca e dermatite sopracciglia. Questi sono i sintomi fisici che più si sono fatti sentire. Come ho detto prima la situazione psicologica non è affatto buona... qual'è la sua opinione in merito? cosa mi consiglia di fare?