Utente 172XXX
Buonasera,
Ho 31 anni ed ho avuto un aborto interno a 7+4 settimane, scoperto peró solo adesso alla decima settimana.
Per noi é stato ed é ancora un trauma molto difficile da accettare, nonostante le consolazioni che i suoi colleghi del pronto soccorso mi hanno dato, sulla possibilitá comune che questo accada, specialmente alla prima gravidanza.
Forse nella speranza di trovare una ragione, per non "sbagliare" piú quando ci sentiremo pronti a provare di nuovo, vorrei farle una domanda relativa all'unico valore alterato che ho risvontrato nelle mie analisi.
Questa di seguito é la cronologia degli eventi dello scorso mese:

10 DICEMBRE: TSH 5,47 (0,36-5,33)
17 DICEMBRE: prima visita ginecologica 7+3, tutto ok (battito presente, dimensioni nella norma, il ginecologo mi chiese peró di ripetere TSH)
18 DICEMBRE: aborto interno (secondo il referto rilasciato al pronto soccorso)
19 DICEMBRE: TSH 3,51 (0,36-5,33), FT4 6,85 (5,80-12,10), FT3 3,79 (2,23-4,01)

La mia domanda é se puó essere stato quel valore la possibile causa di aborto e se é possibile in questo caso prevenire un secondo episodio di aborto futuro.

Grazie in anticipo per le risposte che vorrete darmi.

[#1] dopo  
Dr. Enrico Riccio

24% attività
16% attualità
4% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2018
Gentile Utente,

Quando si verifica un aborto c'è sempre dolore e necessità di spiegazioni ma non è sempre facile trovarle.
Il suo è un caso non raro e credo vi sia necessità di fare un po' di ordine a tutti i dati che ci ha fornito.
In prima battuta il suo è un caso di ipotiroidismo subclinico questo perché ad essere alterato è il TSH mentre le frazioni libere (FT3 ed FT4, che sono i veri e propri ormoni tiroidei) sono nella norma.
Quindi può l'ipotiroidismo subclinico causare una maggiore incidenza di aborti? La risposta è sì. Ci sono molti studi che hanno analizzato il tasso di aborti nelle gravide con ipotiroidismo subclinico rispetto a donne gravide senza alterazioni tiroidee e c'era un rischio di aborto maggiore.
Un esame fondamentale da eseguire in presenza di un TSH elevato in una donna gravida sono gli anticorpi antitireoperossidasi (AbTPO) questo perchè la loro positività ha un notevole valore prognostico. Se il loro valore è elevato la terapia con levo-tiroxina in presenza di un TSH elevato è fortemente raccomandata.
Viceversa se questi non sono elevati la terapia può essere valutata.
Può essere stata questa la causa del suo aborto? E' impossibile dirlo. L'aborto spontaneo è un evento frequente, spesso accade in fase talmente precoce da non essere avvertito, altre volte purtroppo lascia un segno.
Il consiglio è di farsi seguire da un endocrinologo che possa aiutarla a far luce su questo ipotiroidismo e che possa permetterle di arrivare alla gravidanza con un compenso tiroideo ottimale.

Cordiali saluti.
Dr. Enrico Riccio